Il libro della giungla

da | 8 Nov 2021 | Libri

THE JUNGLE BOOK – Rudyard Kipling 1894 – Classici BUR Rizzoli

“Un grande classico”: Diciamo così di un libro che ha attraversato epoche e generazioni.

 

Questo libro è figlio di un’epoca in cui il punto di vista inglese era il punto di vista unico su un vasto impero e, sebbene sia nato in un contesto di mentalità stereotipata sul piano delle conoscenze scientifiche e della cultura borghese, contrariamente a quanto ci possiamo aspettare, rompe parecchio con gli schemi benpensanti e bigotti, e trasmette un sentimento di amore travolgente, non razzista, ed incredibilmente moderno.

Ogni società si sente più moderna ed evoluta della precedente; noi oggi ci sentiamo moderni perché il nostro riferimento è il progresso tecnologico; forse dovremmo considerare che, ragionando così, mostriamo una mentalità piccolo borghese, invece, molto antiquata, che lega il successo del singolo e del gruppo al possesso dei beni materiali ed all’utilizzo della tecnologia.

Questo libro credo che nei suoi racconti si mostri più moderno di noi, nonostante risalga alla fine dell’800, e proprio a quel periodo della II Rivoluzione industriale che esaltava la tecnologia, perché mostra che la modernità è nel pensare al progresso come ad un bene comune, che si propone di far star bene tutti allo stesso modo.

 

Il protagonista, infatti, il piccolo Mowgli, vive una storia di amore e famiglia non convenzionale nella quale è stato accolto e salvato, messo al riparo, quando vagava senza meta in cerca di una casa; non è stato discriminato per essere diverso, non è stato giudicato, è stato amato come gli altri figli, gli è stato insegnato a proteggere i deboli, assumere delle responsabilità, rispettare le regole comuni, proteggere il suo ambiente, che è anche degli altri –nella nostra società di oggi possiamo dire di essere meglio di così?

In questa storia tutte le avventure insegnano qualcosa a Mowgli, e ogni esperienza che la vita gli fa vivere gli chiede di essere all’altezza, un passo dopo l’altro; noi lettori seguiamo la sua crescita, lo vediamo attraversare l’infanzia preparandosi a diventare un adulto capace. Possiamo certamente dire che questo bel racconto è davvero un romanzo di formazione.

 

La giungla, libera e selvaggia di questi racconti, che offre ad ognuno un posto ed opportunità, è il luogo che tutti devono salvaguardare: gli animali hanno l’intelligenza e la sensibilità per capire che il loro mondo va preservato, oppure essi stessi spariranno se non avranno cura del posto in cui vivono. Noi, oggi, tanto evoluti e così distanti nel tempo dai tempi in cui Kipling scriveva, abbiamo totalmente ignorato la cura del Creato e stiamo irrimediabilmente compromettendo la natura e la sua possibilità di ripresa; sarà la tecnologia l’unica risorsa che metteremo in campo per recuperare?

La parte che preferisco è quella in cui gli animali che lo hanno allevato insegnano al piccolo Mowgli, umano, a temere l’uomo, perché è un distruttore ed un violento.

D’accordo, è un estremismo, l’uomo non è solo questo, ma il punto di vista degli animali si basa su quanto hanno sperimentato degli umani: la caccia, la violenza, gli incendi.

 

Noi leggiamo per riflettere, capire, ampliare le nostre conoscenze e vedute… allora possiamo apprezzare, di questo libro, l’idea di tornare a prenderci cura di ciò che è prezioso: la vita, i bambini, la natura; questa è la vera dimensione dell’amore, prendersi cura di ciò che è prezioso, come la rosa del Piccolo Principe che non appassisce grazie alle attenzioni che le ha dedicato.

Questa è la dimensione concettuale intorno alla quale sono costruite tutte le avventure di Mowgli nel “grande classico”: the jungle book.

 

Angela Maiale

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi