2^ Avvento: Fede & Fiducia

da | 20 Nov 2015 | Proposte

L’Avvento è un grande cammino di accoglienza.

Accoglienza di un mistero che ci chiede un atto di fede che, tradotto nel nostro quotidiano, è un atto di fiducia.

In questa settimana vogliamo porre la nostra attenzione sulla figura di Giuseppe… lui ha dovuto fidarsi di ciò che stava accadendo nella sua vita e nella vita di Maria… vi ricordate come dicono i Vangeli di lui:

“Il suo sposo Giuseppe, che era giusto e non voleva esporla al pubblico ludibrio, decise di rimandarla in segreto.
Ora, quando aveva già preso una tale risoluzione, ecco che un angelo del Signore gli apparve in sogno per dirgli: “Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa: ciò che in lei è stato concepito è opera dello Spirito Santo. Darà alla luce un figlio, e tu lo chiamerai Gesù; egli infatti salverà il tuo popolo dai suoi peccati”.

(Vangelo di Matteo 1,19-21)

Giuseppe ha deciso di fidarsi e soprattutto di avere fede, prendendo con sé Maria e il bambino, facendogli da padre e guida.

Per questa seconda settimana

Per i più piccoli

Proponiamo questa versione del sogno di Giuseppe trovata nel seguente sito:

http://www.qumran2.net/ritagli/index.php?ritaglio=3017

“Ricordo quella notte, quando la luce entrò nel mio sogno, nella mia vita.
Era l’ora più buia ed io dormivo profondamente, stanco della dura giornata di lavoro.
Conosco bene ogni legno, i miei capelli sono pieni di trucioli, nel mio naso sento il profumo della resina e della colla, uso di pialla e sega chiodi e martello…

Le mie giovani mani sono così rudi per il lungo maneggiare travi di legno.
In paese mi chiamano l’uomo dell’olivo, ruvido e dolce, ma io sono solo un ragazzo innamorato di Myriam-mia .

All’improvviso, nel sogno apparve una piccola luce che diventava sempre più grande, lentamente.

Dicono che lo sposo è la casa della sposa e la sposa è la casa dello sposo.
Voglio tanto bene alla piccola Myriam-mia, desideravo una vita tranquilla e felice con lei.

Ma quella luce mi parlò di necessari prossimi spostamenti: la Galilea, Betlemme, l’Egitto, Gerusalemme, Nazaret…
Di un figlio che non verrà da me ma io sono suo . Che starà con noi per 30 anni.

Mi raccontò ancora di Myriam-mia, del bambino, delle difficoltà che avremmo incontrato…
“Non temere” , però mi disse.

Mi svegliai di colpo: non ero spaventato, solo turbato.
Il paese era addormentato, sopra di me il cielo pieno di stelle. Una sembrava ci guardasse, quasi in festa.
Ora aspetto che Myriam-mia metta al mondo il bimbo così che possa stringerlo a me, ruvidamente e dolcemente.

Per amarli e proteggerli entrambi.

Perchè lo so: come la segatura segue il vento e non la puoi contenere, così per tutti noi verrà il bambino!

Voci di gioia… un vagito… mi chiama…”

Con i preadolescenti

Si potrebbe riflettere sul tema della giustizia e della misericordia, partendo proprio da Giuseppe, il quale sembra prima intenzionato a ripudiare Maria ma, dopo la venuta dell’angelo, è pronto a prendersi cura della sposa e del suo bambino. La giustizia per l’uomo è ben diversa dalla giustizia di Dio!

La giustizia di Dio è la misericordia. Essere misericordiosi a volte va contro anche quello che per noi è da considerarsi incontestabilmente giusto.

Si potrebbe proporre un gioco, chiedere: ho un pacchetto di 24 caramelle, i componenti della classe sono 24. Quante ne distribuisco a testa?

Ovviamente, tutti risponderanno: una a testa!

Partendo da questo banalissimo esempio si può riflette sul concetto che non sempre equità è sinonimo di giustizia, facendo emergere esempi ed esperienze.

Per riprendere il tema della fiducia consigliamo anche il canto Mi fido di te di Lorenzo Jovanotti

 

FMA-equita-

Con gli adolescenti e i giovani

Il tema della giustizia umana e dalla misericordia possono essere affrontanti attraverso un confronto che faccia emergere le differenze e soprattutto le riflessioni personali.

Attraverso articoli, pensieri, testimonianze che stimolino il pensiero critico dei nostri ragazzi. Come ha detto Papa Francesco, la misericordia non è altro che la giustizia di Dio che si differenzia da quella dell’uomo.

Vi invitiamo a leggere questi articoli

www.sanfrancescopatronoditalia.it/26000_Angelus__Papa_Francesco__la_giustizia_di_Dio_%C3%A8_la_misericordia.php#.VkIFBdIvfGg

http://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/messages/lent/documents/hf_ben-xvi_mes_20091030_lent-2010.html

Sarebbe opportuno proporre degli articoli da attualità per riflettere sul senso di giustizia umana, come ad esempio il recente caso di Chiara:

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_novembre_04/ridotta-fin-vita-botte-sconto-pena-il-fidanzato-7696dca2-82f0-11e5-a218-19a04df8a451.shtml

A tutti auguriamo una buona seconda settimana di Avvento!

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi