6^Domenica dopo Pentecoste

12 luglio 2020 – Anno A

 Vangelo di Luca 6, 20-31

Commento di suor Lucia Brasca, FMA

 

Pagina forte quella del vangelo di oggi e vorrei condividere con voi due spunti. Uno relativo alle beatitudini, l’altro all’invito ad amare il nemico.

A differenza dell’evangelista Matteo, le beatitudini secondo Luca non sono degli atteggiamenti etici da vivere, ma prendono in esame delle situazioni di concrete.
Mentre Matteo, infatti, parla di poveri in spirito o di affamati di giustizia, Luca parla semplicemente di poveri e di affamati, cioè di situazioni di emarginazione e di oppressione.
E le proclama beate, al presente: “Beati voi che ora siete poveri, avete fame, piangete, siete perseguitati…”

Che significato ha tutto ciò?

Il significato che i poveri contano presso Dio.
Con Gesù è iniziato il tempo del regno di Dio, quel regno che ha l’ultima parola, la parola definitiva rispetto ai regni e alle logiche e alle giustizie o ingiustizie del nostro mondo, dei nostri regni terreni. E chi vive in situazioni di oppressione o emarginazione riceverà un’ultima parola, una giustizia definitiva, favorevole e propizia secondo il regno di Dio. Ecco perché il povero è già beato: non perché la sua situazione attuale sia bella, ma perché il futuro sarà radioso.

Non a caso il cambiamento di situazione è indicato da Gesù al futuro:
“Beati voi che ora avete fame perché sarete saziati”.

Cioè Gesù nelle beatitudini non proclama che ora non ci sarà più la sofferenza né le molte cause che la provocano, afferma però la certezza di un mondo nuovo. E questo rende possibile vivere già da ora in una prospettiva di speranza e non di disperazione.

In tutto questo chi ora è ricco cosa deve fare?

Accorgersi del povero, aiutarlo, amarlo, mettersi dalla sua parte, proprio come ha fatto Gesù nella sua vita terrena. I vari “guai”, infatti, presenti nel vangelo di oggi non sono destinati ai ricchi in genere ma a quei ricchi che non si accorgono dei poveri e che – ultimamente – hanno perso di vista Dio e il fatto che il regno di Dio con le sue logiche è l’ultima parola sulla vita di ciascuno.

Nella mia vita concreta che cosa c’è che dice la mia attenzione ai poveri?
C’è almeno una cosa che dice di anno in anno costantemente che sono attento e faccio qualcosa per le situazioni di povertà o di oppressione?

Rispetto all’amore al nemico prima di tutto è bene ricordarci che attraverso questo invito Gesù non dice che non dobbiamo avere nemici, ma che il nemico c’è e bisogna cercare di amarlo, fargli del bene, benedirlo, pregare per lui.

E chi è il nemico?

È una figura molto concreta, cioè tutti coloro che in qualche modo in questo momento mi appesantiscono la vita. Coloro ad esempio che sparlano di me, che mi trattano male, che mi sono ostili senza motivo. Tutti costoro sono nemici.

E qual è la condizione per poterli davvero amare?

Resto convinta sia l’avere la possibilità concreta di non farlo.

Mi spiego. Se davanti, ad esempio, a chi mi tratta male non ho la possibilità o non ho il coraggio di rispondere a tono, il mio silenzio e il mio subire non sono perdono, sono solo segno della mancanza di possibilità o di coraggio di comportarmi diversamente.

Qualora invece io avessi la possibilità concreta e il concreto coraggio di “mandare a quel paese” chi mi tratta male ma – pur potendolo fare – non lo faccio, allora sì che il mio atteggiamento è segno di una libera decisione di perdono.

Proprio come Gesù che ha scelto di restare sulla croce e perdonare chi lo aveva crocifisso pur avendo la possibilità e le capacità di scendere dalla croce e fare, di chi lo aveva crocifisso, qualunque cosa.

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi