Se i miei alunni non volessero ricordare

«Ho paura in questi giorni a parlare in classe del “Giorno della Memoria”!

Non perché sia difficile parlarne o troppo duro, ma poiché prevedo che qualcuno degli alunni dirà – magari sottovoce o con uno sbuffo – che ogni anno è la stessa storia, che diciamo sempre la medesima cosa, che ormai sappiamo tutto».

Sono le parole di un docente di liceo, scritte su un blog, che mi hanno fatto pensare…

…visto che anch’io affronterò l’argomento in più classi. Se alcuni dei miei studenti facessero davvero così?
Se dicessero anche loro “ne abbiamo già parlato, discutiamo d’altro”?

Poiché temo che accadrà, non per cattiveria ma perché è più facile trattare altri argomenti e il Prof. è sempre quello che vuole rispolverare le antichità, mi sono convinto che va fatto e pure molto bene: celebrerò questo giorno con tutte le classi e sarà un’ora di “memoria”!

Cosa dirò loro? Io, niente! Farò parlare i testimoni, non le ricostruzioni o la fantasia dei film, ma le parole di chi è sopravvissuto traendole dalle testimonianze vere.

Non parlerò io, saranno i ragazzi ad impersonarli e a ciascuno sarà dato un numero come nei lager, il numero del registro basterà, ed un numero lo avrò anch’io, sarà la somma dei loro. Resteremo in piedi tutta l’ora, chiederò questo piccolo sacrificio, sapendo che non sarà facile e che qualcuno sbufferà.

Naturalmente saranno liberi di partecipare, di sedersi, di rifiutare il numero: già troppi uomini e donne hanno sofferto la mancanza di libertà e la possibilità di scegliere persino per le piccole cose in quegli anni tristi! Insieme ricorderemo e forse questo ci farà un po’ male, ci rattristerà, ci farà sdegnare, ci farà piangere, ma lo vivremo insieme in una società che tende sempre più ad isolare l’uomo, i sentimenti, la memoria, il bene, la comunità. A volte è meglio pensare ad altro, perché mettere avanti questioni così dolorose? Forse perché la sofferenza unisce, la sofferenza livella tutti, la sofferenza forgia, la sofferenza costruisce, la sofferenza esorta il bene a farsi presente e vivo.

Non basta dire “mai più”, ma conta essere “mai più” dinanzi al male attuale, ciascuno secondo le proprie forze, possibilità, condizioni. Non faremo memoria per rispolverare qualcosa del passato o dei nostri ricordi, non apriremo un file ben conservato per l’occasione, bensì “saremo memoria” per chi ci sta accanto, chi incontriamo quotidianamente, chi sentiamo occasionalmente, chi è distratto, chi è violento, chi è ottuso, chi non ne vuol parlare, chi nasconde le notizie, chi non smette nel mondo o dietro casa di essere un persecutore.

Perché, allora, non devo aver paura di parlarne in classe e di celebrare oggi come domani il “Giorno della Memoria”?

Poiché so bene che non ci saranno studenti che sbufferanno o vorranno far altro, magari non avranno voglia di stare in piedi, ma hanno un cuore sempre aperto al dialogo, alla costruzione di una società più civile, al riconoscimento dell’altro pur nella diversità, alla ricerca del bene comune.

Marco Pappalardo

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi