E se ognuno fa qualcosa?

Scrivo da tempo che la scuola non è un luogo asettico e fuori dal mondo, bensì un ambiente educativo dove la vita entra prepotentemente con le gioie e i dolori, con le sconfitte e le vittorie.

Da pochi giorni siamo ritornati da una bella visita di istruzione in Puglia, fatta viaggiando in pullman, e subito ci hanno colpito le immagini dell’incidente spagnolo in cui sono morte giovani vite su un bus. Passeremo alcuni giorni di vacanza per la Pasqua, ipotizzando pure un viaggetto, e ci assalgono le immagini e le notizie dolorose degli attentati in Belgio. Così, durante la ricreazione di qualche giorno fa, si rincorrono le voci tra studenti e docenti su quanto accaduto a Bruxelles; poi si rientra in aula, ma come fare a meno di fermarsi un po’ ad ascoltare i ragazzi su quanto accaduto? Andrea chiede: «Che cosa possiamo fare noi dinanzi a tanta violenza?».

Subito Clara risponde: «Bisogna rimandarli tutti nei loro Paesi e così non ci saranno più rischi!». E Cinzia si inserisce: «Ma siamo proprio sicuri che i problemi non nascano proprio nei Paesi di provenienza che si trovano in situazioni di povertà, guerra e fame?». «Ma che dici» riprende Clara «anche qui abbiamo problemi, mica possiamo caricarci delle responsabilità degli altri». E ancora Cinzia: «Infatti, è proprio un problema di responsabilità, di come tanti Paesi – per lo più occidentali – hanno affamato intere popolazioni, destabilizzato i governi per interessi economici, favorito colpi di stato per gestirne gli interessi, iniziato guerre per “portare una democrazia” mai arrivata».

Eppure Andrea non è soddisfatto di queste risposte alla sua domanda, poiché gli sembrano quelle dei talk show con politici e specialisti; per lui la questione è più precisa:

“che cosa noi, qui, possiamo fare, in che modo la scuola può essere utile e ciascuno mettersi in gioco”.

Mi vengono in mente le parole di Don Pino Puglisi, non un capo di stato bensì un povero prete che a costo della propria vita ha iniziato a cambiare il suo piccolo mondo palermitano ed oltre:

“E se ognuno fa qualcosa, allora si può fare molto”.

Le condivido con gli studenti non come uno slogan, ma come un invito a sbracciarsi le maniche perché non ci sono politici, diplomatici, membri delle forze dell’ordine, magistrati, medici, scienziati, generali, re, economisti, banchieri, imprenditori, ecc. che non siano passati dai banchi di scuola o da qualcosa di simile. In visita di istruzione abbiamo fatto tappa a Brindisi dove c’è stato un pomeriggio dedicato al sociale, incontrando i volontari di un oratorio salesiano che, dinanzi alla questione dei migranti, hanno scelto la strada dell’accoglienza e dell’educazione coinvolgendo il territorio; con loro abbiamo partecipato alla scuola di italiano, preparato i sacchetti con i pasti e donato ai bisognosi intorno alla stazione.

Dunque, ognuno ha fatto qualcosa e quel pomeriggio è stato speciale per tanti; non se ne parlerà nei libri di Storia eppure le conseguenze di queste piccole azioni di bene possono arrivare molto lontano nel tempo e nello spazio come “il minimo battito d’ali di una farfalla è in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo”.

Possiamo crederci o no, impegnarci o meno: nel primo caso vivremo con speranza, nel secondo da disperati!

E la Pasqua non è forse il periodo giusto per fare delle tante croci quotidiane dei ponti sicuri verso un mondo migliore a partire da se stessi e da chi ci è vicino?
È questione di tempo, tre giorni e poi si risorge: coraggio e auguri!

Marco Pappalardo

Mai più morire soli

Di Giovanni Marcotullio Un regalo di Natale passato forse inosservato è il protocollo che un tavolo tecnico molto assortito ha proposto alla Regione Toscana: la delibera che ha fatto proprio il protocollo ha permesso l'avvio di una procedura che permette ai parenti di...

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B

3^ Domenica dopo l’Epifania – Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Matto 14, 13b-21 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   La pericope proposta nella liturgia odierna si colloca nel Vangelo di Matteo, nella sezione narrativa che separa il Discorso in Parabole dal...

3^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

3^ Domenica del Tempo Ordinario - Anno B 24 gennaio 2021 Vangelo di Marco 1, 14- 20 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Le letture di questa domenica mi suggeriscono un percorso in tre passi: il cammino; la conversione; la meta.   1. Il cammino Ad un primo...

Laura Vicuña generatrice di vita

Di suor Anna Maria Dacrema, FMA     Desidero presentarvi Laura, una ragazza che sogna, gioca, ride, ama, soffre e prega. Una giovane alunna che studia, lavora, dialoga con l'amica del cuore e condivide le sue esperienze con i Salesiani e le suore della...

Custodire la fragilità

LE POCHE COSE CHE CONTANO oggi, in educazione   di Suor Cristina Merli, FMA     Nei momenti di crisi, se ci si lascia toccare da ciò che accade, si diventa più essenziali, si scopre ciò che è indispensabile e si impara a lasciar andare ciò che è...

Non di solo studio…

Di Daniele Somenzi   Come organizzare studio e vita sociale nel quotidiano dei ragazzi? E’ una domanda che ci siamo posti tante volte, perché l'organizzazione è un punto fondamentale della missione di “Parole Insieme”. Per questo lavoriamo tanto nel pensare i...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi