Festa di Carnevale

Nella nostra scuola la festa di Carnevale è ormai diventata una tradizione: gli alunni della Scuola Secondaria, essendo ormai ‘grandi’, la organizzano alla sera dopo cena; i piccoli della Scuola dell’Infanzia e i meno piccoli della Scuola Primaria, il sabato pomeriggio accompagnati da genitori, nonni, amici… c’è posto per tutti.

Il salone si trasforma: le pareti si rivestono di nastri colorati, il pavimento in pochi minuti si ricopre di stelle filanti e di coriandoli che, per i più piccoli, costituiscono un divertimento irrinunciabile. 13 febbraio: I ragazzi della Scuola Secondaria, mettendo in atto tutta la fantasia di cui sono capaci, si confezionano dei costumi “fai da te” veramente originali e bizzarri. Il momento della, si fa per dire, imponente sfilata, è un susseguirsi di esclamazioni di meraviglia, di sonore risate, di applausi scroscianti… Anche una rappresentanza di Prof. partecipa al concorso delle maschere più originali: sono davvero irriconoscibili e si confondono tra i ragazzi… proprio come faceva Don Bosco!
Dopo la premiazione delle maschere più originali… musica, balli, karaoke e… naturalmente un abbondante buffet per i più affamati e i più golosi. 14 febbraio: è il momento dei più piccoli! Quando arrivano sono necessari alcuni minuti di ‘assestamento’: non riconoscono più la scuola anch’essa mascherata per l’occasione. Vederli arrivare è davvero uno spettacolo: hanno un’ottima capacità di immedesimarsi con il personaggio di cui indossano il costume e si sentono importanti. Tutto ciò però dura solo pochi minuti perché, quando i coriandoli incominciano a roteare nell’aria e a coprire il pavimento, si buttano a capofitto in questo divertimento che li riempie di gioia. Quest’anno la festa di carnevale ci ha riservato una piacevolissima sorpresa: ecco arrivare tante mamme e tanti papà anch’essi magistralmente mascherati; insieme con i loro bambini giocano e ballano in un clima di allegria che si respira nell’aria e che riempie il cuore di serenità. I ragazzi del CIOFS-FP si rivelano come sempre degli animatori impeccabili: giovani per i giovani… bellissimo! A loro il nostro grazie grande grande. Alla sera arriva sul cellulare di una di noi questo messaggio: “L’entusiasmo negli occhi di Matteo questa sera è lo stesso che avevo io alla sua età quando trascorrevo il pomeriggio al “Maria” ed è per questo che il vostro Istituto è per noi e per i nostri figli un tesoro prezioso! Grazie a tutta la comunità per quello che ci trasmettete”. Penso che non ci sia modo migliore per sentirsi in ottima forma anche dopo aver vissuto una serata e un pomeriggio con tanta intensità. Grazie di cuore a tutti!

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Un nuovo modello di Parrocchia

La paura del contagio frena l’affluenza nelle chiese. Lenza (psicologa): “Passare a un modello di parrocchia che va verso i fedeli”   Di Serena Rubini   Contro la paura serve pensare a nuovo modello di parrocchia, aiutare gli altri e rispettare i propri...

Bud, un gigante per papà

La figlia di Bud Spencer: ho avuto un padre dal cuore smisurato   Di Annalisa Teggi   Calzava il numero 47 ai piedi, Bud Spencer «in arte Carlo Persoli» (così disse lui ridendo alla consegna del David di Donatello). Quel numero di piede così grande dice...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi