FMA Open Day a Melzo: genitori e scuola insieme

Uno dei punti di forza dell’Open Day FMA a Melzo è  il fatto che sono i genitori stessi, con entusiasmo e amore, a presentare la scuola a chi viene in visita.

Articolo di Loretta e Massimo, genitori

A distanza di un paio di settimane la scuola della comunità di Melzo ha organizzato l’Open Day ed un incontro di preparazione per i genitori, avente come tema la corresponsabilità educativa delle famiglie e della scuola.

L’Open Day di quest’anno è stato speciale per noi, perchè l’ultimo vissuto come genitori dell’Infanzia; infatti anche il nostro secondogenito il prossimo anno andrà a scuola, e già si manifesta la malinconia di lasciare questo ambiente prezioso, queste persone che hanno accolto amorevolmente la nostra figlia cinque anni fa.

Così ci siamo uniti agli altri genitori nell’accogliere adulti e bambini, li abbiamo accompagnati illustrando ambienti ed abitudini che ci sono ora familiari: è sempre emozionante rivivere questo giorno e ricordare il perchè della nostra scelta dello stile salesiano.

Emblematica la domanda di un genitore durante il giro insieme: “Ma tu sei una maestra?” “No, sono una mamma dell’infanzia e della primaria” e lui: “è bello che sia un genitore a presentare la scuola sulla base della propria esperienza”.

A distanza di pochi giorni la seconda proposta, un incontro con l’esperto, prof. Triani, per parlare dell’impegno educativo delle famiglie. Il tema di quest’anno è ormai basilare per il futuro dell’educazione scolastica.

Il messaggio è che oggi le nuove dinamiche sociali implicano la necessità di collaborazione tra la scuola ed i genitori.

Non è possibile educare senza questa collaborazione.

Il vecchio preconcetto che la famiglia insegnava a vivere e la scuola educava, si è oggi evoluto con ruoli che non sono più così distinti.

Le ragioni sono molteplici: pluralità di figure di riferimento, di modelli di vita, di situazioni, anche culturali, e di fronte a questi profondi cambiamenti scuola e famiglia devono allearsi, trovando direzioni di lavoro comuni ed assumendosi nuove responsabilità, perchè “alla fine c’è la persona”.

Il relatore cita Romano Guardini: “Educare significa che io do a quest’uomo coraggio verso se stesso, che lo aiuto a conquistare la libertà sua propria”.
E cita anche il discorso di Papa Francesco al mondo della scuola italiana: “La scuola è un luogo di incontro nel cammino” e questo è fondamentale proprio nell’età della crescita, come un complemento alla famiglia.

La famiglia è il primo nucleo di relazioni.
Ma a scuola noi socializziamo.
La scuola è la prima società che integra la famiglia.

Verità e bellezza

Di Micol Forti   Vincent van Gogh ha speso la sua breve vita nella ricerca, intensa, vitale, disperata, della Verità e della Bellezza. Una Verità e una Bellezza che attraverso la pittura — il linguaggio che aveva scelto per capire e comunicare con il mondo —...

Bergamo: nasce “Generavivo”

Di Anna Spena   56 unità abitative in acquisto e locazione a canone calmierato. Un ambulatorio, orti sociali, un co-working, una living room aperta a tutti e la creazione di gruppi di acquisto solidale. "Generavivo" è il concept dell'abitare del futuro che...

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi