Gli eroi ordinari di Capaci

Di cosa abbiamo parlato a scuola nei giorni scorsi ricordando la “Strage di Capaci”?

Che cosa abbiamo potuto dire dopo la delusione venuta fuori a causa di un certo tipo di antimafia, per lo più gridata, di facciata e per secondi fini?

La prima questione, dopo tanti anni, si è tentata di cambiarla già nei termini perché la protagonista non fosse più la “strage” che mette in luce l’azione della mafia; in realtà i veri protagonisti sono stati coloro che hanno dato la vita (già prima e non solo in virtù della tragedia) per la giustizia e per la lotta alla criminalità organizzata, dunque dovremmo farne memoria come giorno “Degli eroi di Capaci”.

Le parole, però, possono cambiare solamente quando cambia la mentalità, il senso critico è chiamato in causa, l’educazione diventa strumento di libertà, la comunicazione occasione per difendere la verità.

È ora che “romanzi criminali”, “piovre”, “gomorre” lascino il posto ad una lettura dei fenomeni mafiosi fatta dal punto di vista di chi la combatte nel silenzio e con coraggio, con abnegazione e lontano dai riflettori. Ciò non vuol dire negare il male, i cattivi, la mafia, mettendo la testa sotto la sabbia, bensì affermare che – proprio perché questi esistono e sono pericolosi – ci sono pure tanti uomini e donne di grande valore che li affrontano e li vincono quotidianamente. Per farlo soffrono, vengono isolati, rischiano, muoiono, ma proprio per questo fanno paura! Fanno paura ai benpensanti e ai “professionisti dell’antimafia” perché mostrano con la vita e con la morte le loro ipocrisie; intimoriscono la mafia poiché essa sa bene di non essere invincibile, diversamente non avrebbe motivo di uccidere.

Uccide perché ha paura, come nel caso dell’assassinio di Padre Pino Puglisi: la mafia ha talmente tremato in quegli anni ed in quella zona di Palermo a causa di un povero prete, non solo da prenderlo vigliaccamente alle spalle e sparargli, ma anche tentando di far passare la cosa come una rapina. Questo è stato detto e va raccontato agli studenti di oggi e di domani, perché quegli “eroi” (che eroi non volevano essere) diventino modelli! E così – grazie a loro – si è potuto rispondere pure alla seconda questione, quella dell’antimafia di convenienza: Falcone, Borsellino, Impastato, Livatino, Puglisi e tanti altri, defunti e vivi, testimoniano in modo chiaro che non c’è alcun motivo di sventolare ai quattro venti la bandiera dell’antimafia, che tutti dovremmo essere contro la mafia e ogni atteggiamento mafioso, facendo il nostro dovere laddove ci troviamo, ciascuno secondo le proprie responsabilità.

Naturalmente le responsabilità sono diverse a seconda dell’età, del contesto, del ruolo, del lavoro, e viverle con onestà, passione, spirito di servizio, sacrificio, trasparenza, coerenza, costanza, speranza, competenza è ciò che rende “eroi”. Sugli striscioni dei cortei, per essere veri e concreti, non basta più scrivere “La mafia è una montagna di merda”, ma – per esempio – “Io da oggi non fumerò più uno spinello perché l’erba è spacciata dalla mafia e la arricchisce” e pure “Qualora mi rubassero l’auto o il motorino, non cercherei l’amico dell’amico per farmelo dare pagando, bensì denunciando il furto, il mio cosiddetto amico e il suo amico”!

Così le parole, le marce, le commemorazioni diventano lotta comune, sostegno alle istituzioni sul campo, strumento per educare.

 Marco Pappalardo: vinonuovo.it

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi