Gli eroi ordinari di Capaci

Di cosa abbiamo parlato a scuola nei giorni scorsi ricordando la “Strage di Capaci”?

Che cosa abbiamo potuto dire dopo la delusione venuta fuori a causa di un certo tipo di antimafia, per lo più gridata, di facciata e per secondi fini?

La prima questione, dopo tanti anni, si è tentata di cambiarla già nei termini perché la protagonista non fosse più la “strage” che mette in luce l’azione della mafia; in realtà i veri protagonisti sono stati coloro che hanno dato la vita (già prima e non solo in virtù della tragedia) per la giustizia e per la lotta alla criminalità organizzata, dunque dovremmo farne memoria come giorno “Degli eroi di Capaci”.

Le parole, però, possono cambiare solamente quando cambia la mentalità, il senso critico è chiamato in causa, l’educazione diventa strumento di libertà, la comunicazione occasione per difendere la verità.

È ora che “romanzi criminali”, “piovre”, “gomorre” lascino il posto ad una lettura dei fenomeni mafiosi fatta dal punto di vista di chi la combatte nel silenzio e con coraggio, con abnegazione e lontano dai riflettori. Ciò non vuol dire negare il male, i cattivi, la mafia, mettendo la testa sotto la sabbia, bensì affermare che – proprio perché questi esistono e sono pericolosi – ci sono pure tanti uomini e donne di grande valore che li affrontano e li vincono quotidianamente. Per farlo soffrono, vengono isolati, rischiano, muoiono, ma proprio per questo fanno paura! Fanno paura ai benpensanti e ai “professionisti dell’antimafia” perché mostrano con la vita e con la morte le loro ipocrisie; intimoriscono la mafia poiché essa sa bene di non essere invincibile, diversamente non avrebbe motivo di uccidere.

Uccide perché ha paura, come nel caso dell’assassinio di Padre Pino Puglisi: la mafia ha talmente tremato in quegli anni ed in quella zona di Palermo a causa di un povero prete, non solo da prenderlo vigliaccamente alle spalle e sparargli, ma anche tentando di far passare la cosa come una rapina. Questo è stato detto e va raccontato agli studenti di oggi e di domani, perché quegli “eroi” (che eroi non volevano essere) diventino modelli! E così – grazie a loro – si è potuto rispondere pure alla seconda questione, quella dell’antimafia di convenienza: Falcone, Borsellino, Impastato, Livatino, Puglisi e tanti altri, defunti e vivi, testimoniano in modo chiaro che non c’è alcun motivo di sventolare ai quattro venti la bandiera dell’antimafia, che tutti dovremmo essere contro la mafia e ogni atteggiamento mafioso, facendo il nostro dovere laddove ci troviamo, ciascuno secondo le proprie responsabilità.

Naturalmente le responsabilità sono diverse a seconda dell’età, del contesto, del ruolo, del lavoro, e viverle con onestà, passione, spirito di servizio, sacrificio, trasparenza, coerenza, costanza, speranza, competenza è ciò che rende “eroi”. Sugli striscioni dei cortei, per essere veri e concreti, non basta più scrivere “La mafia è una montagna di merda”, ma – per esempio – “Io da oggi non fumerò più uno spinello perché l’erba è spacciata dalla mafia e la arricchisce” e pure “Qualora mi rubassero l’auto o il motorino, non cercherei l’amico dell’amico per farmelo dare pagando, bensì denunciando il furto, il mio cosiddetto amico e il suo amico”!

Così le parole, le marce, le commemorazioni diventano lotta comune, sostegno alle istituzioni sul campo, strumento per educare.

 Marco Pappalardo: vinonuovo.it

Verità e bellezza

Di Micol Forti   Vincent van Gogh ha speso la sua breve vita nella ricerca, intensa, vitale, disperata, della Verità e della Bellezza. Una Verità e una Bellezza che attraverso la pittura — il linguaggio che aveva scelto per capire e comunicare con il mondo —...

Bergamo: nasce “Generavivo”

Di Anna Spena   56 unità abitative in acquisto e locazione a canone calmierato. Un ambulatorio, orti sociali, un co-working, una living room aperta a tutti e la creazione di gruppi di acquisto solidale. "Generavivo" è il concept dell'abitare del futuro che...

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi