La collega che ha insultato le forze dell’ordine

Ci sono tanti modi per insegnare, uno dei più efficaci è quello della testimonianza di vita, cioè di come ci comportiamo.

Ogni educatore è maestro in cattedra ma lo è soprattutto fuori dalla cattedra, in tutte quelle situazioni “extra” in cui, spesso senza saperlo, i figli o gli studenti ci guardano e osservano per vedere se siamo coerenti con quanto diciamo nelle situazioni educative “ufficiali” ed in loro presenza. Sono tutti quei contesti in cui i ragazzi imparano molto di più dall’adulto, nel bene o nel male, e ne comprendono l’assoluta incoerenza.

Per questo l’insegnante che, durante la manifestazione antifascista, ha attaccato verbalmente le forze dell’ordine e che, da quello che si legge, non ha chiesto scusa, anzi ne ha accampate diverse a suo favore, dovrebbe prendersi una buona pausa di riflessione e astenersi volontariamente dall’insegnamento!
Se uno solo dei suoi alunni avesse un parente, magari molto vicino, nelle forze dell’ordine, con quale autorevolezza potrebbe ancora insegnargli qualcosa?
Nel momento in cui ci fosse un diverbio ed un litigio – tipico tra bambini e ragazzi – come farebbe a placarli e a farli ragionare? Perché gli alunni dovrebbero ascoltarla?
Spero che non sia per il fatto che anche con loro usa gli stessi toni! Che il Ministero prenda provvedimenti è doveroso, ma i primi provvedimenti – a mente fredda – dovrebbe prenderli la collega e non mostrarsi vittima, poiché è chiaro che è stata vittima di se stessa e della sua mancanza di equilibrio, almeno in quell’occasione.

Manifestare è un diritto così come lottare per ciò in cui si crede, è allo stesso tempo un dovere farlo rispettando gli altri e negando la violenza fisica e verbale, a maggior ragione se sei un docente. Sì, perché non è indifferente il lavoro che si svolge, non sarebbe stata la stessa cosa se ad insultare fosse stato qualcuno senza un ruolo nel campo educativo. Per questo si è scatenato l’inferno mediatico, ma l’inferno è stato già scatenato da lei, dalle sue parole gravi, dalla gestualità violenta, dall’esagerazione della protesta: “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso”!
E non è una giustificazione il motivo della lotta, fosse anche il più alto e nobile, perché ogni lotta con questi toni aspri e denigratori non fa che alimentare l’odio e annullarne il valore, mostrando nondimeno gli stessi tratti estremi di ciò contro cui si protesta.

Da docenti dovremmo fare a scuola la nostra lotta contro il fascismo ed ogni regime autoritario tutti i giorni attraverso il dialogo aperto e non “contro”, il confronto libero ma responsabile, l’ascolto dell’altro come occasione per crescere, le letture diversificate per uscire dal senso unico delle ideologie, un linguaggio pacato che non vuol dire arrendevole, il rispetto della persona e della dignità, lo svolgimento del mio dovere con passione e correttezza, lo sforzo di essere fuori dall’aula ciò che sono dentro per non destabilizzare gli studenti. Infine, proprio perché il nostro modo di agire è osservato dagli studenti e umanamente sbagliamo, dobbiamo migliorarci senza cercare auto- giustificazioni; in caso di errore davanti ai ragazzi, chiederemo scusa con umiltà e coraggio!

Nessun augurio di perdere il lavoro, ma se uno solo dei suoi alunni dovesse perdersi, allora sì che quel suo atteggiamento durante la protesta, per niente dissimile da ciò che afferma di combattere, ne sarà gravemente responsabile.

Marco Pappalardo

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi