Morire a scuola

Di Marco Pappalardo

Non ci sono parole dinanzi alla morte di un giovane in qualunque modo essa avvenga; se poi questa giunge sui banchi di scuola all’improvviso, toglie pure il fiato!

È accaduto pochi giorni fa, non lontano da noi, dovunque ci troviamo, per quella vicinanza naturale e spontanea che unisce tanti quando accadono fatti del genere.
Poi, a breve, i più dimenticheranno ma non sarà possibile per la famiglia, gli amici più stretti, i compagni di scuola, gli insegnanti. Questi ultimi, senza esserne responsabili, hanno vissuto la lezione più brutta della loro vita, hanno affrontato l’esame più terribile, sono stati valutati con il peggior voto possibile.

La morte entra a scuola come del resto ogni giorno entra la vita, quella vita che alterna gioie e dolori, carezze e pugni, esuberanza e noia, vitalità e stress, amore e odio. Non ci sono spiegazioni e non c’è una prova di recupero, tante lacrime fino ad esaurirle, abbracci e baci per cercare di consolare e consolarsi.

La scuola dovrebbe preparare alla vita, ci prova, non sempre ci riesce, ma che può fare dinanzi alla morte?

Quel banco è vuoto, i fiori marciranno, ma il cuore è pieno e l’affetto non si deteriora! Non ci avverte prima la morte però la vita, e la vita a scuola, può renderci capaci di guardarla negli occhi e dirle che “non avrà l’ultima parola”, poiché in quegli stessi banchi abbiamo imparato ad essere amici, a piangere e a ridere insieme, docenti inclusi.

Soffriamo molto perché molto ci si è voluti bene in quelle ore che sembrano passare mai quando vorremmo, e veloci quando non dovrebbero. Per questo l’aula non deve essere un luogo asettico, per questo lo studio deve coinvolgere i sentimenti, per questo è necessario lavorare sulle relazioni significative, per questo bisogna sforzarsi di comprendere e far comprendere cosa centrino le discipline con ciò che si vive!

Di morti è piena la Storia, sulla morte ci sono straordinarie pagine della Letteratura, intorno alla morte specula la Filosofia, sul dopo la morte riflette la Religione, così come si interrogano le Scienze e l’Arte. Letterati, filosofi, scienziati, matematici, teologi, artisti hanno provato ad avvicinarsi a questo mistero, cercando di togliere il velo che lo ricopre; qualcuno riesce ad accendere una luce, qualcun altro suggerisce accenni di risposte, altri ancora si arrendono, diversi donano consolazione.

Tutto ciò non riduce la sofferenza o il pianto, non ci ridona la persona amata, non occupa la sedia e il banco, tuttavia offre una direzione possibile, la capacità pian piano di accettare la realtà e superare la rassegnazione, di rendere veri e profondi quei baci e quegli abbracci, gli striscioni e le fiaccolate.

Ne abbiamo bisogno tutti quando avviene l’ineluttabile, studenti e docenti, entrambi chiamati a sostenere più di altri una famiglia distrutta, ora e ancora in futuro, perché conservano dell’amato figlio frammenti preziosi di vita che la morte non porterà mai via se condivisi.

 

 

 

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi