Per carità!

“Perché il Papa non vende i Musei Vaticani e la Cappella Sistina per dare i soldi ai poveri?”.

Quando mi accade di essere invitato nelle scuole statali per affrontare temi legati alla fede o alla religione, viene sempre fuori la questione della ricchezza della Chiesa e l’immancabile domanda “perché il Papa non vende i Musei Vaticani e la Cappella Sistina per dare i soldi ai poveri?”.

Al di là dell’inopportunità della vendita, chiedo alla platea (che ha poco prima applaudito per la domanda) di quantificare, di ipotizzare un costo e un prezzo per tutte quelle opere d’arte, e naturalmente nessuno dei presenti è capace di farlo. Perché? Perché è impossibile! Aggiungo che, anche proponendo una cifra, non c’è chi possa permettersi di acquistarli al mondo e che la Carità – nella sua essenzialità – non ha bisogno di denaro per operare il bene, bensì il contrario.

Poi aggiungo io una provocazione: «Cosa accadrebbe se, un giorno, per poche ore “scioperassero” tutti coloro che sono a servizio degli altri nel nome della Carità? Un po’ dovunque sulla nostra Terra si fermerebbero ospedali, scuole, centri di formazione professionale, università, dispensari, intere missioni, case di accoglienza, chiese, oratori, attività per minori, anziani, malati, diversamente abili, migranti, poveri, poi anche luoghi storici e culturali, mezzi di comunicazione, ecc.».

Il confronto con gli studenti continua piacevolmente ed è sempre prezioso pure quando assomiglia ad uno scontro.

Grazie a Dio la Carità non è un lavoro.

Rientrato a casa alla fine di una giornata segnata da quei volti giovani, dalle loro idee e proposte, rifletto e dico a me stesso: «Grazie a Dio la Carità non è un lavoro (anche quando c’è di mezzo uno stipendio poiché “l’operaio ha diritto al suo cibo”), non richiede un cartellino da timbrare, opera 24 ore al giorno, non va in ferie. Figuriamoci uno sciopero!».

Poi, prima di andare a letto, come di consueto sul mio diario scrivo un promemoria: «La Carità è “antica” almeno quanto la Bibbia, ma mai vecchia e stanca, bensì sempre capace di rinnovarsi e rispondere ai tempi che cambiano; attraversa i secoli ed i continenti, parla lingue antiche e moderne, veste i colori dei popoli, costruisce ponti e abbatte i muri; sorride quando è stanca; piange ma senza lagnarsi; corre quando è affaticata; agisce dove tutti si fermano; veglia quando tutti dormono; spera quando nessuno ci conta più; crede in ciò che sembra impossibile; si nasconde davanti ai riflettori; illumina il buio dei cuori, delle menti e delle coscienze; sogna così tanto e forte da fare già progetti dove molti indietreggiano; si inginocchia per guardare negli occhi; abbraccia per far sentire amati; perdona senza voler nulla in cambio; parla poco e senza mai ferire; è semplice ma mai banale; sta in silenzio per ascoltare; ha paura ma non è vigliacca; ha coraggio ma non è avventata; interviene ma non è violenta; aspetta quando tutti hanno fretta; meraviglia dinanzi a ciò che è scontato; crea dove manca la fantasia; è libera dalle catene del mondo; “dice bene” perché “benedice”; prega quando opera e opera quando prega.

La Carità ha sempre un nome ed un volto, anche se qualche volta sono celati; alcuni non li conosceremo mai, altri sono noti al mondo, donne e uomini di ieri e di oggi, giovani e adulti di ogni continente, stelle innumerevoli di un firmamento, santi con o senza aureola, testimoni e martiri, compagni di viaggio “nel tempo e nell’eternità”».

Marco Pappalardo

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi