Quei grazie che aiutano a crescere la scuola

Tra i tanti argomenti che si potrebbero affrontare alla fine di un anno scolastico, ci piace puntare sul “grazie”, anzi un doppio ringraziamento.

Sui social network se ne leggono tanti e questo ci fa pensare che ogni fatica dà sempre qualcosa di soddisfacente alla fine.

Cominciamo dalle parole che la professoressa Margherita D’Aquino ha rivolto attraverso un post ai sui alunni:

«Carissimi alunni, quest’anno è passato velocemente. È stato bellissimo lavorare con voi e per voi. Oggi, al suono della campana, ho provato una grande emozione. Ho pensato a tutti, specialmente agli studenti del quinto anno per i quali si apre un mondo nuovo; sentivo la vostra gioia ma anche la nostalgia per quel luogo che è stato come una famiglia, perché è vero – e sono certa che la pensiate così – quella che avete frequentato non è stata per voi una semplice scuola, ma una seconda casa. Ancora vi aspetta un po’ di lavoro, faticoso ma gratificante alla fine: metteteci l’anima, ma soprattutto portate voi stessi nel percorso che avete scelto, le passioni e l’entusiasmo; il futuro per ciascuno di voi dipenderà dalla passione che metterete in quello che farete.

A quanti, ancora, hanno degli anni di studio davanti, sento di dire: raccogliete il frutto di un anno di lavoro intenso e godetevi il meritato tempo estivo, anche se so che molti sono già a lavoro e ciò vi rende speciali.

Quanti, invece, avrebbero potuto fare di più e ora sono un po’ amareggiati, coraggio, fate di questa piccola delusione un punto di forza per ripartire l’anno prossimo con propositi migliori; io e tutto il corpo docente tifiamo per voi, certi della vittoria.

Non dico “mi mancherete” perché, ormai, con il mondo virtuale, siamo sempre in contatto. Certo, mi mancheranno gli sguardi, le battute, i volti genuini e pieni di vita».

Il secondo “grazie” arriva invece alla vecchia maniera, tramite un foglio di quaderno a righe, scritto con la penna rossa, qualche taglio e qualche macchiolina di cioccolato qua e là.

Sono le parole semplici e genuine di una ragazzina che, tramite i genitori, è riuscita a farci avere la sua lettera:

«Mi chiamo Alice Gaudioso, ho 10 anni e frequento la quinta elementare sezione C del Plesso in Via Bellini a Sant’Agata Li Battiati.

Quest’anno, essendo l’ultimo della scuola primaria, abbiamo partecipato a tanti concorsi. Tra tutti quelli fatti, uno ci ha dato la possibilità di raggiungere un bellissimo traguardo, il concorso dal titolo “Leggendo, leggendo. Emozioni tra le pagine”. La nostra maestra Rosa Marletta ci ha guidato in un viaggio attraverso le emozioni e ci aiutato a capire e riconoscere quelle, tanto diverse tra loro, che quotidianamente sentiamo. È stato un lavoro bellissimo e importante per conoscerci un po’ di più. Abbiamo realizzato un bellissimo libro che è stato votato on line e, grazie ai voti, abbiamo vinto 25 libri di narrativa che abbiamo donato alla biblioteca della nostra scuola. Per me e i miei compagni è stato un bel modo di concludere questo ciclo di studi!».

Marco Pappalardo

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

5^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore – Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 22, 34-40 Commento di suor Daniela Tognoni, FMA   L’imperativo dell’amore percorre come un filo rosso le letture di questa V domenica dopo il Martirio di S....

26^ Domenica del Tempo Ordinario

26^ Domenica del tempo ordinario - Anno A 27 settembre 2020 Vangelo di Matteo 21, 28-31 Commento di suor Rita Fallea, FMA   Un uomo aveva due figli… Sono due i modi in cui possiamo rispondere a Dio: con il sì, oppure con il no. La parabola che abbiamo ascoltato...

La terra va contemplata e protetta

Francesco prosegue il ciclo di catechesi nel periodo di pandemia riaffermando che “chi vive per sfruttare la natura, finisce per sfruttare la gente”, mentre compito di tutti è custodire il creato “per dare un futuro alle nuove generazioni” Di Adriana Masotti  ...

Le FMA vicine al popolo libanese

Le FMA e le Comunità Educanti dell’Ispettoria del Medio Oriente (MOR) sono vicine alla popolazione libanese colpita dalle esplosioni al porto di Beirut.   (Libano). Il 4 agosto 2020 la zona portuale di Beirut è stata colpita da più esplosioni che hanno distrutto...

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi