Quei maestri che aiutano gli adulti a crescere

Don Puglisi ha realizzato una vera rivoluzione educativa ed è un maestro specialmente per gli insegnanti, non tanto perché insegnava religione, ma in quanto custode e cultore del futuro ogni volta che ha creduto nei ragazzi e per loro ha dato la vita.

Da adulti facciamo fatica a riconoscere dei maestri! Non i nostri maestri di scuola, quelli del tempo che fu, ma attuali modelli significativi da seguire per il nostro essere madri, padri, sposi, docenti ed educatori, lavoratori, persone impegnate nella società.

I giovani sono molto più bravi poiché, anche se li cambiano nel giro poco tempo, comunque ne tengono vivo il desiderio e si mettono sempre alla ricerca di un punto di riferimento. Se come adulti è difficile, perché si pensa che non sia una cosa da grandi, ancora più complesso lo è da insegnanti. Certamente si vuole essere un modello per i propri alunni, nel bene o nel male, ma l’autoreferenzialità a volte è troppa per essere liberi e “giovani dentro” al punto di vedere ancora in qualcuno un faro per continuare a crescere.
“Che bisogno c’è”, dirà qualcuno? “Ormai la mia strada l’ho fatta”, affermerà qualche altro. “Io sto bene così”, sarà il pensiero di un terzo.

Eppure “noi siamo quello che guardiamo”, ha detto Alessandro D’Avenia in una serie di incontri in Sicilia per parlare del suo romanzo “Ciò che inferno non è”, e, a proposito di quanto scritto prima, soprattutto dinanzi ad un pubblico giovanissimo con qualche genitore e docente accanto, in particolare laddove l’iniziativa è stata di pomeriggio e non in una scuola.
Agli studenti, diversi anche universitari, si leggeva negli occhi la voglia di esserci per guardare ad un modello di uomo, scrittore, professore, perché no, pure di siciliano. La stessa luce, ad onor del vero, c’era pure in alcune mamme e colleghi presenti.

Quelle ore di dialogo, però, hanno richiamato qualcosa di più ovvero la necessità di non fermarsi all’emozione del momento, al piacere dell’autografo sul libro, al selfie immancabile con l’autore da postare; ogni ricerca deve portare a qualcosa per avere un senso e non ruotare attorno a se stessa in modo vano, in questo caso D’Avenia ha indicato chiaramente Don Pino Puglisi come modello.

Sì, il prete, oggi beato, che è ha conosciuto da studente nel suo liceo, il sacerdote povero di beni ma ricco di passione per l’educazione e la salvezza dei giovani, l’uomo di Dio che nel complesso quartiere palermitano di Brancaccio ha fatto paura alla mafia solamente facendo del bene a tutti tanto da essere stato assassinato, il seme che è morto e che ha dato frutto persino cambiando con un sorriso il cuore di chi gli ha sparato!

Se è vero che “siamo ciò che guardiamo”, è fondamentale continuare a fissare lo sguardo, anche da adulti, verso qualcuno che ci dia nuova ispirazione, che ci desti dal torpore della stanca consuetudine, che ci indichi mete alte, che ci aiuti a vivere così bene da poter sorridere nell’ultimo momento della vita, che ci metta in cuore il desiderio di infinito dinanzi all’inferno.

Marco Pappalardo

Scuola, non chiudete le superiori

Di Alberto Pellai Lo psicologo Alberto Pellai nel suo profilo Facebook interviene sull'ipotesi di utilizzare la Dad per gli studenti più grandi (una riflessione che raccoglie quasi 1500 condivisioni in 4 ore). «Come genitore credo davvero che i nostri ragazzi possono...

Dedicazione del Duomo di Milano

Dedicazione del Duomo di Milano, Chiesa madre di tutti i fedeli ambrosiani Vangelo di Matteo 21,10-17 Commento di suor Antonia Franzini, FMA   Prima di condividere con voi alcune brevi riflessioni attorno al Vangelo di oggi, permettetemi di dare qualche...

31^ Domenica del Tempo Ordinario

31^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo 22,15-21 Commento di suor Laura Agostani, FMA   Troppo ostiche queste parole di Gesù! Ci ha lasciato domenica scorsa con un invito a nozze poco corrisposto, col monito dei molti chiamati e dei pochi...

Solo un Padre può guarire noi e la realtà

di Federico Pichetto Il 4 ottobre è stata pubblicata la nuova enciclica di papa Francesco, dal titolo “Fratelli tutti”. Tre considerazioni utili per addentrarsi nella sua lettura. FRATELLI TUTTI, ENCICLICA DI PAPA FRANCESCO. Sarà la storia a dirci se l’enciclica...

Noi adulti dobbiamo dare coraggio ai giovani

di Andrea Lonardo   Sono anni che parliamo degli adulti: ebbene sono loro che debbono oggi accompagnare le giovani generazioni ad attraversare il Covid. Cioè siamo noi! Oggi gli adulti debbono prendere in mano la situazione, in famiglia e nella scuola, nel lavoro...

La Chiesa del Myanmar e la pandemia

di Card. Charles Bo Per l’arcivescovo di Yangon, la crisi sanitaria è una sfida per l’umanità. L’emergenza coronavirus si aggrava nel Paese. Il sistema sanitario nazionale è in grave difficoltà. La comunità cattolica assiste i bisognosi con programmi di aiuto...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi