Scioperi e manifestazioni

Quando gli studenti non fanno bene il proprio dovere scolastico, diciamo che la scuola è il loro lavoro e come tale ha ritmi, tempi, impegni da rispettare. Quando, invece, fanno sciopero e non entrano in classe, diciamo loro che non sono dei lavoratori e dunque non hanno diritto di scioperare. Il messaggio “chiaro” da parte degli adulti è che non ci siamo davvero capiti su questo fronte!

E allora? Hanno senso le manifestazioni, i cortei, gli scioperi, le autogestioni e le occupazioni con protagonisti gli studenti?

Ascoltandoli, la risposta viene proprio da loro: per Carlo bisogna avere chiare le motivazioni, studiarle, proporle, condividerle, rifletterci; non si può scioperare perché tra ottobre e dicembre è consuetudine farlo; per Sabrina è necessario coinvolgere tanti, tutti, dai primi agli ultimi anni, ma senza costrizioni, intimidazioni, forzature, poiché dalla libertà di scelta non si può scioperare. Manifestare è un’opportunità ed un diritto da difendere, così come il non volerlo fare; chi manifesta, lo fa per sé ma anche per gli altri. Rosario dice che è meglio scegliere il momento giusto, il tempo opportuno, senza mai abusare di questa “arma”, perché non divenga il rituale di ogni fine settimana o l’occasione per anticipare le vacanze di Natale. Sara afferma che per un lavoratore significa perdere una giornata di paga, per uno studente un giorno di scuola; il primo lotta per avere i mezzi e la dignità del proprio lavoro, il secondo non può banalizzare la lotta optando per una passeggiata con i compagni o dormendo tutta la mattinata.
Per Chiara la violenza non è un dovere e neanche un diritto, anzi li nega entrambi; dopo qualunque corteo, la città dovrebbe essere più bella e i cittadini contenti; raccogliere i vetri infranti di vetrine e auto, contare i feriti, ripulire i palazzi dai graffiti, ritrovarsi i cassonetti dell’immondizia incendiati, non giova alla causa per cui si è scesi in strada. Fabrizio sottolinea che lottare per il diritto allo studio è necessario, auto-negarsi tale diritto perdendo inutilmente giorni di scuola è da incoscienti.

Gli stessi concordano che riscaldamenti accesi nei periodi freddi, attrezzature adeguate, scuole sicure, alternanza scuola-lavoro dignitosa, libri a costi accessibili non possono essere gli unici motivi di una protesta; perché non protestare per avere tutti più passione a scuola da parte dei docenti e degli studenti? Per il fatto che si è spesso considerati operai i docenti, e numeri gli studenti, anziché persone e persone in relazione? Per il fatto che non ci basta uno studio nozionistico e una valutazione numerica, ma uno “studio” che sia amore e un “sapere” che sia gusto per la cultura?

Da Prof. sento di aggiungere qualcosa alle loro equilibrate considerazioni. Dopo le autogestioni e le occupazioni di solito le strutture scolastiche non sono più le stesse: sporche, danneggiate, peggiori di prima per quanto possibile; non è forse darsi la zappa sui piedi e perdere credibilità? Ci sono diversi modi per far sentire la propria voce da studenti e vivere da protagonisti la scuola; forse andrebbero rivalutate le assemblee di classe, quelle di istituto, le giornate della creatività, la produzione di giornalini scolastici; quante volte le prime finiscono in litigi da talk show, le seconde vengono disertate, le terze sono un modo per sporcarsi di colore, la quarta non esiste o è banale!

Sembra paradossale, ma le vere “rivoluzioni” dovrebbero avvenire dentro le scuole, stando fra i banchi, dialogando nei corridoi, producendo pensiero critico, elaborando cultura con la complicità di tutti, studenti, docenti, dirigenti, famiglie.

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi