Torniamo in campo

Torniamo in campo gli insegnanti all’inizio di settembre,

preparazione atletica compiuta grazie alle vacanze, spesso nello spogliatoio con una nuova formazione tra trasferimenti, assegnazioni provvisorie, neoimmessi in ruolo, pensionamenti. È questo il tempo di fare squadra, ciascuno con la propria disciplina, ma tutti fuoriclasse!
A bordo campo ci guida il Dirigente e grande è il sostegno del personale Ata.

Fa il tifo sul proprio profilo social il maestro e giornalista Mario Pafumi: «Ci siamo. In bocca al lupo ai colleghi che si apprestano ad affrontare un nuovo anno scolastico pieno di incertezze. In bocca al lupo soprattutto ai più giovani. Forza e onore. Ricordate che abbiamo l’immensa responsabilità della formazione dei nuovi italiani, cerchiamo di creare belle coscienze e formare menti colte. Nonostante tutte le storture cerchiamo di essere professionali e professionisti».

Sul campo non ci sono avversari, che sport strano la scuola! Se ci fossero, è solo perché ce li vogliamo creare e capita a volte che lo siamo persino di noi stessi. Di certo non sono gli studenti che al contrario troviamo come i migliori compagni di squadra, per lo più attaccanti. Mentre noi fungiamo da portieri, difensori, centrocampisti o magari viviamo una vita da mediano, per dirla con Ligabue, “con dei compiti precisi a coprire certe zone, a giocare generosi, lì, sempre lì, lì nel mezzo, che il pallone devi darlo a chi finalizza il gioco”. Ed è così che accade la magia del gioco, non in novanta minuti e sul tappeto verde di più di 100 metri, bensì in quell’ora di circa sessanta minuti in un’aula più piccola dell’area di rigore: fai il tuo assist allo studente perché possa andare in goal!

Il successo è di tutti, la vittoria condivisa, e allo stesso modo si partecipa della rete mancata e della sconfitta.

Doti naturali, allenamento, disciplina, strategia, fatica, sacrificio, passione, spirito di gruppo, creatività, fantasia, impegno sono gli sponsor della nostra squadra, valgono per i docenti e per gli studenti; non basta mostrarli alla prima partita, ma contano nelle duecento giornate di sola andata di tutto il campionato che è la scuola.

Tra i piedi – che poi sono le nostre mani – abbiamo libri e strumenti da insegnare a toccare con lo stesso tocco da campione di Pelè, Platini, Van Basten, Baggio, Del Piero, Messi, Ronaldo.

Non finiremo sugli album dei calciatori come figurine, ma resteranno indelebili e felici i ricordi impressi nelle foto ufficiali e nei selfie di classe.
Non abbiamo e non avremo i loro compensi, però generazione di studenti appassionati ci daranno serenità.

Marco Pappalardo

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi