91° Oscars

da | 5 Mar 2019 | Film

Di Matteo Pirovano

Trionfa Green Book e Black Panther scrive la storia in un’edizione all’insegna di un giusto “black power”

“We will rock you!”—Così i Queen (veri) hanno aperto la 91° Cerimonia degli Academy Awards, comunemente noti come Oscar; all’insegna dell’intrattenimento, della musica e di film meno “di nicchia” rispetto ad altre annate.

Da quel momento in poi, questi hostless Oscar sono filati piuttosto lisci, senza fronzoli, alternando le assegnazioni dei premi con le performance musicali live.

Certo, siamo lontani dai fasti dell’86° edizione con Ellen DeGeneres, ma paragonata alla pesantezza di un Chris Rock – tanto per citarne uno – mille volte meglio questa formula più semplice e “snella”.

A inaugurare la nottata è Regina King, che vince come Miglior Attrice Non Protagonista per If Beale Street Could Talk. Il modo in cui ha guardato e ringraziato la mamma è bastato a emozionare tutti.

Tra qualche previsione e parecchio stupore, Black Panther ottiene ben tre premi (costumi, scenografie e colonna sonora) diventando il primo film dei Marvel Studios a vincere degli Oscar, e il primo film di supereroi a vincerne così tanti. Wakanda Forever!

Momento shock è stato quello per l’Oscar alla Miglior Attrice (categoria in cui già erano state snobbate attrici come Emily Blunt per Mary Poppins Returns ed Emma Thompson per The Children’s Act), con Olivia Colman che batte – inaspettatamente – Glenn Close, che continua a detenere l’infausto record per l’attrice con più nomination e zero vittorie (ad oggi 7-0).

Almeno, dal canto suo, la Colman ci ha regalato uno dei momenti più esilaranti dell’intera serata con il suo acceptance speech simil-estemporneo.

Trionfa – infine e per fortuna – Green Book sul pronosticato Roma, aggiudicandosi il titolo di Miglior Film e due altre statuette per il Miglior Attore Non Protagonista e per la Miglior Sceneggiatura Non Originale.

Seppur io continui a ritenere che The Place Where Lost Things Go meritasse il premio alla Miglior Canzone Originale più di Shallow, è innegabile che il duetto tra Lady Gaga e Bradley Cooper sia stato il momento più “emozionato” ed emozionante dell’intera Nottata: un’esibizione magari non perfetta, ma che ha senza dubbio trasmesso tanto.

“Vince” il tappeto rosso, ai miei occhi, Regina King con un abito a suo modo semplice e sofisticato; maestosa avvolta in questo abbraccio bianco con strascico.

Notevoli anche l’argentata Brie Larson, la dorata (forse confidando nella statuetta, come già fece Meryl Streep nel 2012?) Glenn Close, Emilia Clarke, Julia Roberts e Amy Adams, mentre un gigantesco no alle “favorite” Emma Stone in versione waffle e Rachel Weisz in un rosso troppo “plastico”.

Come ho scritto nel titolo, tante vittorie black, ma va bene così. Tutto meritato, niente di forzato in nome del politically correct (come, ahimè, successo altre volte… vero La La Land/Moonlight?).

E allora congratulazioni a tutti i vincitori e al prossimo anno, perché alla fine, chiunque vinca e qualsiasi cosa accada, la Notte degli Oscar è sempre emozionante e magica, e un immancabile appuntamento per celebrare il tanto amato mondo del Cinema!

 

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Educarsi ed Educare al web

È uscito a fine agosto in tutte le librerie (anche on line) il libro Educarsi ed Educare al web. 30+1 riflessioni, consigli e idee per tutti, scritto da Marco Pappalardo e Alfredo Petralia, e edito dalle Edizioni San Paolo.   Un volumetto originale nel contenuto...

Libano. «Non basta ricostruire le case»

A un mese dall'esplosione al porto di Beirut, il futuro del Paese, già in ginocchio prima della tragedia, appare ancora incerto. La Chiesa, Avsi e altre realtà stanno aiutando il popolo libanese a ripartire. E a non abbandonare quelle terre Di Maria Acqua Simi  ...

Nel cuore del mondo – #livethedream

PROPOSTA PASTORALE 2020-2021 NEL CUORE DEL MONDO - “Ecco il tuo campo, ecco dove devi lavorare” #LIVEthedream   La Proposta Pastorale 2020-2021 inizia un nuovo percorso triennale dell’Italia Salesiana. Alcuni anniversari di famiglia ed eventi di Chiesa rilevanti...

Socialità e creatività nell’era digitale

Proponiamo la visione del video di un incontro svoltosi durante il Meeting di Rimini che apre importanti riflessioni sul tema del digitale. “È L’ONLIFE, BELLEZZA”. SOCIALITÀ E CREATIVITÀ NELL’ERA DIGITALE Costantino Esposito, Professore Ordinario di Storia della...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi