Black Panther

da | 27 Feb 2018 | Film

I Marvel Studios confezionano una delle loro migliori pellicole di sempre,
un film diverso, maestoso e affascinante.

“Wakanda per sempre!”

Lo dico chiaramente, Black Panther è un trionfo. È tutto quello che si poteva sperare che fosse e anche di più, è difficile trovare dei difetti (a parte una CGI non ottimale nello scontro finale tra T’Challa e Killmonger).

Come evidenziato già da altre critiche, è forse il film meno per bambini dell’MCU (se in Guardiani della Galassia: Vol.2 alcuni temi trattati già non lo erano, qui tutto è orientato a un target differente, incluse alcune scene visivamente “pesanti da digerire” – [Pre?]Ado+). Si trattano temi politici con stile (accentuando la vena thriller di Captain America: The Winter Soldier), ma mai “uscendo dalla traccia”; lo humor è contenuto e molto ben dosato.

Il Wakanda, nazione africana fittizia di cui T’Challa/Pantera Nera è il re, è il vero protagonista della pellicola. Nazione nascosta al resto del mondo, ma con tecnologie e possibilità oltre l’immaginabile; in equilibrio tra cultura ancestrale e progresso tecnologico ultra-futuristico. È questa dicotomia estrema e affascinante che contraddistingue il Wakanda e di conseguenza la poetica del film.

Il regista Ryan Coogler tratta con estremo rispetto sia il materiale di origine, sia la cultura africana esaltata davvero al suo massimo: riti, danze, colori, suoni (ritmi tribali e percussioni tipicamente africane fanno da padroni nella colonna sonora).

Tutti i personaggi sono caratterizzati in modo eccelso, tutti – senza eccezioni.

Solo per citarne alcuni  T’Challa: re prima di essere eroe, e prima ancora uomo “con un cuore buono”; Okoye e Nakia spiccano donando spessore alla storia, così come Shuri, per la quale è chiaro che i Marvel Studios abbiano dei piani a lungo termine. Bellissima la relazione col fratello.

Killmonger è un villain perfettamente costruito (uno dei migliori nell’MCU): [LIEVE SPOILER] un uomo che si è lasciato accecare dal dolore, diventando a sua volta ciò che giurava di distruggere. [FINE SPOILER]

La sua entrata in scena ricorda molto le atmosfere de Il Cavaliere Oscuro, anche se la performance di Michael B. Jordan non è neanche lontanamente paragonabile a quella di Heath Ledger nei panni di Joker.

Altri riferimenti (voluti?) sono quelli a Il Re Leone per le sequenze sul piano ancestrale e a 007 per la sequenza al Casinò, forse la scena d’azione migliore del film (anche se la seconda lotta alle cascate crea un pathos decisamente maggiore).

Siamo davvero di fronte a una pellicola che rivoluziona il genere dei cinecomic e non solo: un film potente, intenso, profondo… assolutamente da non perdere!

Perché scegliere questo film in oratorio? [SPOILER]

Innanzitutto si potrebbero aprire interessanti discussioni sui temi della lealtà e dell’onore partendo (ad esempio) dalla figura di Okoye, generale delle Dora Milaje, simbolo stesso dell’integrità e del valore, leale al proprio ruolo, ma anche capace di capire fino a quando questo sia giusto e quando invece sia tempo di seguire il cuore.

Un altro spunto, molto attuale, lo si ricava dal finale e si lega a una frase di Papa Francesco: “Costruire ponti, non muri.”
Il Wakanda ha una ricchezza enorme che ha sempre tenuto per sé. Ora T’Challa (anche grazie al suo nemico, Killmonger) capisce questo: se si ha una ricchezza, bisogna andare incontro al mondo.

Matteo Pirovano

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi