Nour

da | 16 Ago 2020 | Film

Una bambina siriana sbarca da sola a Lampedusa, dove un coraggioso medico si prende cura di lei cercando anche sua madre.

 

Di Antonio Autieri

 

Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, ormai lo conosciamo tutti o quasi. Anche grazie al cinema: fu Fuocoammare, il documentario di Gianfranco Rosi, a dare un volto e una riconoscibilità a quello che era un nome noto solo ai più attenti alle cronache delle tragedie quotidiane dei migranti nel Mediterraneo o sbarcati nell’isola. Con questo film di finzione, Maurizio Zaccaro riprende liberamente il suo libro Lacrime di sale e una delle tante storie vere vissute dal medico, qui interpretato da Sergio Castellitto. Il medico, che vede continuamente morte e desolazione e fa fronte come può a un disastro epocale, incontra una bambina di dieci anni in fuga dalla Siria. In realtà lei, per quel poco che Bartolo può capire, sembra più interessata a ritrovare la madre che a trovare un suo futuro in Italia. Man mano, grazie anche all’aiuto di una giornalista che riesce a dialogare con gli stranieri in lingua araba, il medico ricostruirà la storia della ragazzina e la aiuterà.

Storia raccontata con una certa sobrietà e che non può non impressionare, Nour ha il limite di arrivare dopo tanti documenti (e documentari) che riescono meglio di un’opera di fiction che non può non avere il sapore di tante operazioni televisive, nonostante l’impegno di Zaccaro a non cedere a facili ricatti emotivi.

Un altro limite è proprio Castellitto, che se da solo può richiamare l’attenzione del pubblico (ma per un piccolo film come questo, non tanto al cinema – anche perché approda in sala ad agosto nel periodo post Covid nell’anno di disgrazia 2020 – quanto nei suoi successivi passaggi tv a cominciare da coproduttore Sky), ne condiziona decisamente gli esiti. Troppo star l’attore-regista per essere un Pietro Bartolo credibile, troppo romano per sembrare davvero siciliano (e solo a tratti “tiene” la parlata sicula, ci sembra); avremmo visto meglio attori meno ingombranti, come Antonio Catania per fare un nome. Ma sono riflessioni forse inutili.

Quello che di utile si può trovare nel film è la storia in sé, certo da conoscere per non volgere lo sguardo altrove di fronte a certe tragedie, di una bambina – ben interpretata dalla piccola Linda Mresy, già protagonista del corto Bismillah che vinse il David di Donatello 2018 – che perde il padre ucciso durante la fuga, vede orrori di ogni tipo e teme di perdere anche la madre. Purtroppo la sceneggiatura rende piuttosto piatti personaggi, dialoghi, episodi (perfino la morte di un bambino cercato dal padre), anche se alcuni confronti tra il medico e la giornalista o l’amico sacerdote, e ovviamente il rapporto essenziale ma bello che si crea con la bambina, sono aspetti a favore del film.

Il regista , come si diceva, evita gli eccessi retorici, come da insegnamento del suo antico maestro Ermanno Olmi cui dedica il film (era di Olmi la sceneggiatura di La valle di pietra, il secondo e miglior film diretto da Zaccaro che si fece apprezzare anche per il poco visto Il carniere). Ma non riesce a trasformare una materia così dolorosa in un film che lasci il segno. Interessante, sicuramente utile, non certo bello.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Fonte: sentieridelcinema.it

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi