«E a fare la spesa per me chi ci pensa?» oppure «il mondo è pieno, non c’è posto per i poveri!»

Sono alcune delle risposte – fortunatamente poche – che Paola, studentessa del quinto anno del Liceo Classico e Scientifico “Don Bosco”, ha accolto con un sorriso, nonostante la durezza, in occasione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare a cui ha dedicato tutta la mattinata di sabato scorso insieme a diversi compagni di classe. «In momenti come questi – afferma la ragazza – dove ciò che è di vitale importanza diventa difficile da possedere, c’è chi ha la voglia di mettersi in gioco e di aiutare il prossimo, dunque pure le frasi più dure possono essere accettate senza prendersela troppo.

Il futuro è incerto, non sappiamo cosa sarà di noi, quindi è oggi che possiamo fare qualcosa di buono; in fondo stiamo semplicemente facendo per gli altri ciò che vorremmo, chissà un domani, fosse fatto a noi. “A piene mani ho donato, a piene mani ho ricevuto”, sono le parole che porto in cuore di un architetto francese, il segreto della nostra felicità, quella vera!».

È stata un’esperienza bellissima e formativa anche per Federico, all’inizio un po’ titubante: «Mi sentivo imbarazzato nei primi momenti, ma pian piano mi sono lasciato andare e ce l’ho messa tutta per far sì che il mio contatto con le persone fosse significativo, coinvolgente e convincente. Nella vita, l’aiuto del prossimo è fondamentale, le persone più sfortunate e deboli vanno sostenute, e questa iniziativa nazionale l’ha fatto grazie a tutti i volontari che hanno scelto di partecipare e alla generosità del prossimo. Le emozioni sono state molteplici, ho imparato che le persone bisognose vanno messe al primo posto, loro contano su di noi, e noi dobbiamo sempre sostenerle. Ho riflettuto molto sui fatti che stanno accadendo nel mondo e magari questo piccolo gesto di servizio, compiuto da me e dai miei compagni, contribuirà a renderlo migliore in qualche modo, così come ha contribuito a rendere noi più felici».

Ore in piedi al supermercato, avanti e indietro, ma nessuna stanchezza, anzi la voglia di stancarsi proprio caricando più spesa possibile donata. «Fortunatamente le soddisfazioni non tardano ad arrivare – aggiunge Giovanni – già verso le 10 cominciano le prime donazioni, tra conoscenti che ho incontrato e invitato a partecipare ed altri sconosciuti che con un sorriso ci hanno detto: “È Natale, tutti meritano di mangiare”.

Un ragazzo è entrato ed uscito dal supermercato solo per fare la spesa per la Colletta e con un gran sorriso ci ha dato diversi pacchi di pasta ed alcuni alimenti a lunga conservazione. Grazie alla generosità della gente la mia paura di riempire pochi scatoloni si è rivelata falsa, a metà mattina c’erano già molti carrelli stracolmi!

Avrò pur “sacrificato” una mattina di scuola, ma non è stata una giornata dove sono mancati dei grandi insegnamenti di vita, tra cui conservo particolarmente il seguente di Papa Francesco:

“Chi non vive per servire, non serve per vivere”».

Marco Pappalardo

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi