L'”esercito di giovani” del Servizio Civile

da | 19 Set 2017 | Giovani

Si dice che gli ambienti ecclesiali siano senza giovani eppure un “esercito di giovani”, quello del Servizio Civile, in queste settimane finirà i 12 mesi e se ne presenterà sul campo un altro per un anno “che può cambiare la vita”.

Parrocchie, oratori, associazioni, movimenti, scuole cattoliche – oltre le tante realtà civili ed istituzionali – godranno del loro servizio, ragazze e ragazzi sotto i trent’anni, alcuni già provenienti da realtà ecclesiali, altri che vi fanno ritorno per la prima volta – nella migliore delle ipotesi – dopo la Cresima. Naturalmente i numeri variano da ente ad ente richiedente e dunque c’è chi può contare su una sola unità e chi su 15, ma resta pur sempre un’opportunità! Quale?

Messi tutti insieme, oggi giorno, numericamente superano di gran lunga il totale dei giovani che frequentano assiduamente e con impegno le realtà ecclesiali. Significa che quei giovani affidati sono una risorsa per l’ambiente in cui sono chiamati ad operare stabilmente, ma anche destinatari di una pastorale giovanile che potrebbe toccare le alte vette se pensata per loro. Al contrario il rischio, non poco diffuso, è quella di considerare il Servizio Civile una manodopera a buon mercato, pagata dallo Stato, per svolgere quei compiti – a volte non sempre consoni ai progetti originari approvati – che nessun altro vuole o può svolgere; l’altro problema sorge, poi, quando tutto si fonda sul Servizio Civile, vivendo magari alla giornata, affidando ai “servizievoli” (così li ho sentiti chiamare scherzosamente da uno dei responsabili) l’animazione dei gruppi, la catechesi, le attività sportive, il doposcuola, l’apertura e chiusura di un oratorio.
Che c’è di male, qualcuno dirà? In fondo hanno scelto loro, sono retribuiti per questo!
Certo è fondamentale che questi giovani lavorino secondo il progetto e la missione affidatagli, ma è vero che non possono essere le colonne di un ambiente ecclesiale, educativo, formativo, religioso. Infatti, cosa accadrà (ed è accaduto) dove l’anno successivo non avviene (e non è avvenuto) il ricambio, anche solo perché l’ente non avrà (e non ha avuto) approvati i progetti?
Tutto crolla: l’oratorio si apre solo in alcuni giorni ed orari, il doposcuola è chiuso, le attività sportive ridotte, ecc. A che è servito un anno? Forse qualcosa di utile avranno colto i giovani, ma in quel luogo cosa è rimasto? Che fare allora?

Intanto, considerare i giovani del Servizio Civile destinatari di una progettualità pastorale che li aiuti a fare un percorso di crescita e maturazione umana, ecclesiale, spirituale, perché – finito il servizio – qualcuno possa chiedere di continuare il cammino. Poi, far sì che siano lo zoccolo duro su cui far poggiare il cammino di altri giovani, quelli che da sempre frequentano e quelli che possono essere coinvolti, perché alla fine un bel gruppo resti affezionato e porti avanti l’opera con le attività. Inoltre, pur nel pieno rispetto dei tempi e gli orari del servizio, operare in modo tale che né i responsabili né i giovani operino con lo sguardo fisso all’orologio, alle firme di entrata ed uscita, ai permessi; ciò è possibile creando un clima di famiglia e lavorando prima sulla comunità che accoglie, che di solito è preesistente.

Infine, nel tempo in cui si riflette sul Sinodo sui Giovani, questo “esercito” in Servizio Civile non è forse un enorme dono dello Spirito Santo da far crescere? Questi giovani non sono forse un “questionario vivente” per ascoltare le domande vere? Tutti insieme non rendono compiute le parole “tutti, nessuno escluso”?

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Educarsi ed Educare al web

È uscito a fine agosto in tutte le librerie (anche on line) il libro Educarsi ed Educare al web. 30+1 riflessioni, consigli e idee per tutti, scritto da Marco Pappalardo e Alfredo Petralia, e edito dalle Edizioni San Paolo.   Un volumetto originale nel contenuto...

Libano. «Non basta ricostruire le case»

A un mese dall'esplosione al porto di Beirut, il futuro del Paese, già in ginocchio prima della tragedia, appare ancora incerto. La Chiesa, Avsi e altre realtà stanno aiutando il popolo libanese a ripartire. E a non abbandonare quelle terre Di Maria Acqua Simi  ...

Nel cuore del mondo – #livethedream

PROPOSTA PASTORALE 2020-2021 NEL CUORE DEL MONDO - “Ecco il tuo campo, ecco dove devi lavorare” #LIVEthedream   La Proposta Pastorale 2020-2021 inizia un nuovo percorso triennale dell’Italia Salesiana. Alcuni anniversari di famiglia ed eventi di Chiesa rilevanti...

Socialità e creatività nell’era digitale

Proponiamo la visione del video di un incontro svoltosi durante il Meeting di Rimini che apre importanti riflessioni sul tema del digitale. “È L’ONLIFE, BELLEZZA”. SOCIALITÀ E CREATIVITÀ NELL’ERA DIGITALE Costantino Esposito, Professore Ordinario di Storia della...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi