Expo 2015, cinque vie per una società della pace

da | 21 Ott 2015 | La buona parola

Alla fine di Expo 2015, siamo chiamati ad attuare l’impegno del dialogo, della solidarietà, della gratitudine, dell’ospitalità e della pace.

Ormai siamo giunti alla fine dell’Expo 2015: la Carta di Milano ha raggiunto milioni di adesioni, i padiglioni dei diversi Paesi hanno mostrato il meglio dei loro prodotti agroalimentari, è stato venduto il 20milionesimo biglietto…
È tempo, dunque, di tirare le fila di un discorso, per la verità abbastanza tortuoso, che ha portato l’Italia da fanalino di coda tra i grandi a faro internazionale di cultura.

Ritengo che si possano individuare cinque vie per rendere Expo Milano non solo un grande momento per il rilancio economico e sociale, ma soprattutto un passaggio verso quel modello di società “ecologica”, che può risollevare le sorti del nostro mondo.

La prima via: il diligo

Anzitutto, la prima via è la riscoperta di un’architettura del dialogo: lo snodo principale dei padiglioni è chiamato Decumano, richiamando il nome della strada che definiva la direttrice est-ovest delle città romaneProprio all’incrocio tra questa e il Cardo, si trovava la piazza: i diversi estremi della realtà locale si congiungevano per gli scambi, non solo commerciali, ma culturali, affettivi, religiosi. Traslando il significato nel nostro tempo, notiamo la polverizzazione dei luoghi d’incontro, ridotti a input minimi e instabili: Expo 2015, se vuole rimanere un evento degno della Storia, deve spronarci a trovare strutture, non solo fisiche, di prossimità.

La seconda via: la solidarietà

La seconda via è offerta dal tema della manifestazione “Nutrire il pianeta, energia per la vita”: secondo le stime mondiali, ciò che affermava Kipling nella sua poesia “Il fardello dell’uomo bianco” – incitando l’Inghilterra e gli Stati Uniti a compiere la propria missione “civilizzatrice” tramite l’imperialismo – è perfettamente ribaltato dalla realtà.
Quei Paesi che hanno subito l’occupazione dell’Occidente stanno pagando la vorace sete di guadagno e di spreco che contraddistingue la nostra società moderna.
L’Expo, che è stata preceduta da serie critiche in merito all’uso dei fondi e alla corruzione connessa, deve riscattare il suo passato pregresso, mediante la stipula da parte degli Stati più avanzati di seri impegni perché sia garantita la giustizia riparatrice in favore di quei popoli, oppressi dall’economia del profitto selvaggio.

La terza via: la gratitudine

Ciò può avvenire attraverso la terza via, quella della “gratitudine attiva”, cioè del profondo riconoscimento, non solo religioso, ma strettamente umano, della gratuità che pervade l’esistenza umana e la apre alla solidarietà.
La sostanza della Persona è la relazionalità, che si esplica in quel “grazie” a Dio, all’altro, alla vita, alla natura, senza chiudersi nell’egoistico senso di autosufficienza o di dominio.L’imperativo della Genesi di governare e custodire il creato si attua nel mistero della solidarietà e della carità vicendevole tra i popoli.

La quarta via: l’ospitalità

Così arriviamo alla quarta via, l’ospitalità, che per i popoli del Mediterraneo è fondamento sacro, addirittura giustificato nel patrimonio mitologico, del vivere civile. Interroghiamoci, anche a livello istituzionale, se l’Expo sia servita o meno a tenere i riflettori accesi sul dramma immigrazione: credo che su questo punto non si siano esplicate tutte le potenzialità del nostro Paese, anzi.
Esclusa la catena di solidarietà in favore dei terremotati del Nepal, l’ospitalità è stata la dimensione meno valorizzata.

La quinta via: la pace

Concludo con la quinta via, indicata dal Presidente della Repubblica, la via della pace. Non un semplice armistizio o un’utopica illusione di pausa conflittuale; la pace, simboleggiata da quell’Albero della Vita, che svetta luminoso a Milano, è quel cammino di riconciliazione e riconoscimento della dignità umana, che racchiude ogni sforzo di solidarietà, gratitudine, ospitalità, dialogo. Solo in un orizzonte di pace, potranno essere assicurati a tutti il nutrimento per la vita, l’energia per un’esistenza proiettata in un futuro di condivisione.

 

Andrea Miccichè

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi