La Pasqua senza la croce è vuota. La croce senza la Pasqua è cieca.

Nessuno – stando ai Vangeli – ha assistito al momento in cui Gesù è stato risuscitato da Dio. Forse perché non si è trattato di un momento preciso, puntuale.

O forse – e credo sia così – perché Dio ha voluto che fossero i suoi discepoli a vedere i segni evidenti della sua Resurrezione: la pietra rotolata via, la tomba vuota, il sudario piegato, gli uomini in bianche vesti che lo annunciavano vivo, i discepoli stessi che lo vedono vivo nel giardino dov’era stato sepolto, poi lungo la strada per Emmaus, nel Cenacolo, e infine in Galilea.

Anche le dicerie dei soldati, che raccontano del furto del suo corpo, contribuiscono ai racconti dei segni di Resurrezione. Questi segni sono stati da subito chiamati con un nome preciso: “testimonianza”.

I discepoli sono stati da subito “testimoni” di ciò che Dio ha fatto per loro risuscitando Gesù dalla morte.

E chi sono questi “testimoni”? Dio non sceglie i suoi testimoni in base alla loro fama, alla loro bravura, alla loro loquacità o alla loro visibilità mediatica: li sceglie tra coloro che con il Figlio Gesù hanno, da sempre, condiviso tutto, nella quotidianità, nella fatica e nel silenzio.

I gesti di Dio sono piccoli, quotidiani, silenziosi, vengono trasmessi a volte anche con forza, con la forza dello Spirito, ma il più delle volte con un silenzioso passaparola da parte di chi con Dio ha da sempre familiarità. Ecco perché la Risurrezione di Gesù Cristo non è stata un fatto eclatante riportato dai quotidiani o dai cronisti dell’epoca: Dio vuole che siano testimoni del Risorto non “tutto il popolo”, ma alcuni prescelti tra coloro che con lui hanno condiviso tutto.

In effetti, giunge a Pasqua chi ha percorso il cammino del Calvario. Riesce a testimoniare Gesù Risorto chi l’ha visto morire in quel modo. Annuncia Gesù vivo anche dopo la morte, chi l’ha visto vivo prima, chi con lui ha mangiato e bevuto, chi con lui ha condiviso la quotidianità, chi con lui ha sofferto e gioito. Da sempre. Non si arriva alla gloria della risurrezione se non attraverso un faticoso, silenzioso e a volte anche sofferto cammino quotidiano dietro a Gesù. Ed è per questo che i frutti della Risurrezione oggi non li possiamo vedere solo in un giorno festoso e glorioso come quello di Pasqua dove tutto sembra parlarci di forza, di vita, di gioia e di vigore.

I frutti della Risurrezione li troviamo nella quotidiana testimonianza di un Dio che è vivo e continua a vivere nelle piccole risurrezioni di ogni giorno.

Dio non risuscita Gesù spaccando la pietra del sepolcro davanti a tutti perché credano. Dio oggi risuscita Gesù in ogni piccolo gesto in cui rifiorisce la vita: in ogni bambino che viene concepito e nasce magari a fatica dal grembo di una mamma; in una donna che è capace di risollevarsi e di continuare a sperare nell’amore anche dopo una violenza, fisica, psicologica o affettiva che essa sia; in un giovane padre di famiglia che perde il posto di lavoro e si dà da fare ad inventarsi qualcosa che poi lo porta al successo; in una giovane vita che era perduta tra i fumi dell’alcool e della droga e riesce – sia pur a fatica – a dire di no a tutte queste dipendenze; in una comunità che ha la forza di ricominciare ogni giorno e di essere segno visibile e credibile della gioia e della speranza che la abita; in una Chiesa che ha il coraggio, dietro al suo Pastore, di rinnovarsi, di spalancare le finestre, di allargare lo sguardo, di stare nelle periferie del mondo e non nei palazzi del potere, di tornare a parlare il linguaggio della gente. È questa, oggi, come allora, la Risurrezione di Gesù.

E noi, oggi come allora, ne siamo Testimoni.
Buona Pasqua a tutti!

sr Maria Teresa

 

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

No al multitasking

Di Annalisa Teggi   Il tempo è nostro alleato, un dono prezioso, eppure proprio l’illusione di fare più cose contemporaneamente ce lo fa percepire come nemico. Ecco una strategia semplice per arginare la frenesia e per dare valore a ogni cosa.   Essere...

Ennio Morricone

Ennio Morricone: «La mia musica illuminata dalla fede»   di Vik van Brantegem   Addio al grande compositore, morto nella notte per le conseguenze di una caduta. Nell’intervista che ha rilasciato a Vito Amodio nel 2015 per Famiglia Cristiana, raccontò...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi