Memoria e dialogo tra fratelli

da | 26 Gen 2016 | La buona parola

La missione della memoria e del dialogo con i nostri fratelli ebrei

Un ulteriore passo nel rapporto tra cattolici ed ebrei, un incontro tra fratelli, una comunione di radici: questo il significato profondo della visita di Papa Francesco alla sinagoga di Roma lo scorso 17 gennaio.

Come ricordava il Rabbino Capo Riccardo Di Segni, con la venuta del terzo pontefice, dopo Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, al Tempio maggiore romano, si instaura una consuetudine fissa – chazaqa’ – secondo la tradizione giuridica rabbinica.

Gli ebrei e i cattolici sono chiamati ad essere uniti per rendere presente ad un Occidente sempre più lontano da Dio le sue origini, le sue prospettive, la sua identità.

Identità che sempre più viene respinta come vetusta, non adatta ai nuovi tempi, oscurantista: nel trionfo del relativismo e dell’individualismo, l’idea della Verità è il punto dolente, la causa delle discordie.

Se, tuttavia, la divisione e l’astio sono diffusi proprio tra coloro che hanno la comune radice, anzi, che hanno ricevuto la Rivelazione e hanno una speciale missione nell’ordine della Storia della Salvezza, quale testimonianza credibile si può dare?

Come ha affermato Papa Francesco, “i cristiani, per comprendere sé stessi, non possono non fare riferimento alle radici ebraiche, e la Chiesa, pur professando la salvezza attraverso la fede in Cristo, riconosce l’irrevocabilità dell’Antica Alleanza e l’amore costante e fedele di Dio per Israele”: se non consideriamo l’elezione del popolo ebreo, il disegno provvidenziale di salvezza per l’umanità è impossibile da capire.

L’Alleanza tra il Signore e l’uomo passa tramite la fede di Abramo, tramite la liberazione dall’Egitto, tramite il patto sul Sinai: Gesù è prima di tutto, nella sua umanità, ebreo.

Nell’Antico Testamento è presente la profezia sul Messia, sul Redentore: ricordiamo solo che gli agiografi del Nuovo Testamento si preoccupano di valorizzare la concordanza tra ciò che si attende e ciò che si avvera in Cristo!

E, se è vero che ci sono stati momenti di scontro, persecuzione, incomprensione, la Chiesa ha sempre condannato coloro che volevano eliminare dal canone biblico i testi dell’Antica Alleanza.

Se il passato ha mostrato aspetti controversi dei rapporto tra ebrei e cristiani, ora il presente è gravido di speranza perché la famiglia di Dio possa trovare un’unità nella diversità e si compiano, per il popolo eletto, le promesse messianiche.

Il campo del dialogo è proprio la dignità umana, che è messa in discussione da più parti: l’uomo vuole distruggere se stesso e la comunità in cui vive.

I conflitti e le guerre, le false illusioni di progresso, il sistema dello scarto sono il segno che si sta perdendo l’orizzonte di significato: colui che è stato “fatto poco meno degli angeli”, come canta il Salmo 8, è divenuto il devastatore della vigna di Dio.

E gli ebrei sono stati tra le prime vittime dell’odio ingiustificabile: a giorni si commemoreranno, nella “Giornata della Memoria”, le vittime provocate dalla cieca furia nazista, che, in quei duri anni, si è arrogata il diritto di stabilire quali vite fossero indegne di essere vissute.

Se la memoria si fermerà solo al dato emozionale o alla nozione storica, il risultato è vano.

È sempre più urgente riconoscere la nostra comune responsabilità: Papa Francesco, nel suo discorso in sinagoga, ha dichiarato che “là dove la vita è in pericolo, siamo chiamati ancora di più a proteggerla”, un impegno che si fonda sulla speranza che “né la violenza né la morte avranno mai l’ultima parola davanti a Dio, che è il Dio dell’amore e della vita”.

L’ultima parola, quella decisiva, non può darla l’uomo, ma Dio, e, sebbene sia semplice dimenticare questo principio, cristiani ed ebrei devono compiere ulteriori passi di unità e coerenza alla Rivelazione ricevuta per testimoniare i progetti di pace che ci condurranno ad un futuro di speranza.

Sta a noi dare un senso al sacrificio innocente, mettendo in guardia la società dai germi di male, subdoli e nascosti, e aprendo vie nuove verso la Verità della Carità.

Andrea Miccichè

C’è un filo sottile che ci salva nel marasma

Di Gianfranco Lauretano Siamo ripartiti. Mancano tante cose, ma il virus non ha spezzato quel filo sottile e indistruttibile dell’amore alla scuola e ai nostri alunni e colleghi.   Il primo giorno di scuola, lo sappiamo tutti, è un classico della letteratura e...

La bellezza che ci appartiene

“Io credo che la grammatica di una vita spirituale viva consista nell’imparare l’attenzione”. La bellezza del creato esiste nel momento in cui sappiamo guardarla con occhi attenti, curiosi, vivi: è il cuore del messaggio che ci affida il cardinale portoghese, grande...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi