Tempio di Dio, casa per i fratelli

da | 22 Nov 2016 | La buona parola

Tutte le volte che veniamo in chiesa, riordiniamo le nostre anime così come vorremmo trovare il tempio di Dio. Vuoi trovare una basilica tutta splendente? Non macchiare la tua anima con le sozzure del peccato. Se tu vuoi che la basilica sia piena di luce, ricordati che anche Dio vuole che nella tua anima non vi siano tenebre. Fa’ piuttosto in modo che in essa, come dice il Signore, risplenda la luce delle opere buone, perché sia glorificato colui che sta nei cieli. Come tu entri in questa chiesa, così Dio vuole entrare nella tua anima.
(San Cesario di Arles, Discorso 229,1-3)

Il nostro cammino verso il Natale raggiunge con questo incontro un punto decisivo, che impone una forte presa di coscienza. Cristo, entrando nel mondo, ha assunto la nostra natura umana, affinché in noi entrasse l’Eterno e noi potessimo diventare il suo Tempio.

L’Emmanuele, il Dio-con-noi, ha costruito in noi la sua dimora; la Sapienza è entrata nel nostro corpo per abitarvi e per plasmarci a sua immagine.

Come un edificio si regge in piedi solo se la posizione di tutti gli elementi è armonica, così la nostra anima resiste agli attacchi del maligno nella misura in cui aderiremo al progetto di Dio per la nostra vita.

Entriamo, dunque, nella nostra Chiesa del cuore e analizziamone le parti, scrutandone i pregi e i difetti.

La porta

Anzitutto, vi è la porta, quella stessa porta che si deve aprire per far passare il Re della Gloria (Sal 23), ma che deve sbarrarsi ogni volta che sopraggiunge una tentazione. È la porta del discernimento interiore.

Vediamo poi le navate, che, nella chiesa materiale, sono le porzioni di spazio per accogliere i fedeli; nel nostro cuore, le navate saranno gli spazi per accogliere i fratelli; sono le opere di misericordia, che ci rendono sensibili ai bisogni del prossimo.

Il presbiterio

Proseguendo, vediamo il presbiterio, il luogo dove si posizionano i sacerdoti e, solitamente, si trova l’altare. È il centro della liturgia, in quanto lì Cristo si fa vero cibo e vera bevanda. Nel nostro cuore, il presbiterio è rappresentato dall’incontro quotidiano con Dio: ascolto della Parola, sacramenti, preghiera sono le vie che ci sono state donate perché il Signore entri in noi e ceni con noi.

L’abside

Poi vi è l’abside: pensando allo splendido duomo di Monreale, costellato di mosaici, immagino che sulla parete si stagli l’immagine del Cristo Pantocratore, che benedice il fedele. Anche nel nostro animo vi è un mosaico nell’abside – o una vetrata dalla quale filtri un raggio di luce – è la virtù della speranza, che ci apre all’eterno.

Tuttavia, questa splendida Chiesa, costruita da Cristo, è inutile se non facciamo entrare il padrone di casa, se non ci apriamo al Signore che si manifesta non solo nella preghiera, ma anche nel prossimo.

San Cesario ci ricorda che ciò che sporca il nostro cuore non sono i fratelli, ma i peccati; confrontarsi con l’altro non determina la rovina o l’usura del nostro tempio, anzi, lo ingrandisce e lo perfeziona. Certo, sappiamo tutti quanto sia difficile frenare le pulsioni egoistiche, le tentazioni che tolgono luce alle nostre anime. Ma abbiamo la certezza che, anche se le vetrate sono oscurate, non viene meno la potenza del sole; perciò con fiducia ricorriamo al Signore, che, nella sua carne, ha sperimentato anche la tentazione. Se trascuriamo, però, la cura del nostro edificio spirituale, piano piano vedremo la sua rovina, il suo degrado e ciò si ripercuoterà non solo nel rapporto con Dio, ma anche nella relazione con il prossimo.

Facciamo attenzione: è una grande responsabilità!
Il nostro corpo e il nostro spirito sono del Signore, sono santi, non ci appartengono, ma ci sono stati donati in vista della glorificazione di Dio.

La Vergine è il modello, l’icona del nostro tempio spirituale: non solo Maria ha portato in grembo l’Autore della Vita, ma è divenuta discepola del Maestro. E se aver generato il Creatore nella carne fu una prerogativa unica nella storia della salvezza, generare Cristo nello spirito è una possibilità aperta a tutti!

1) Noi siamo tempio di Dio, casa dello Spirito Santo, ad immagine di Maria: leggi il brano dell’Annunciazione (Lc1,26-38), meditalo con riferimento alla tua vita. Hai mai ricevuto un annuncio di gioia, che ha cambiato la tua vita? Sei disposto a donare la vita per il Signore? Quale pensi che sia la tua chiamata?

2) Per Maria era impossibile che si compissero le parole dell’angelo, ma per Dio nulla è impossibile. Nella tua esperienza di fede, credi che ci sia qualcosa che non riuscirai mai a compiere? Affidati al Signore nella preghiera e, con l’aiuto della Chiesa (sacerdoti, formatori, religiosi, laici impegnati), inizia un percorso di conversione interiore.

Andrea Miccichè

4^ Domenica dopo il martirio di San Giovanni

20 settembre 2020 – Anno A VANGELO di Giovanni 6, 24-35 Commento di suor Chiara Papaleo, FMA   Il clima di questa pagina di Vangelo sembra quasi fare da eco a quella della Samaritana, con la differenza che al capitolo IV era messa a tema l’acqua e la sete insita...

25^ Domenica del Tempo Ordinario

20 settembre 2020 – Anno A Vangelo di Matteo, 20, 1-16 Commento di suor Susanna Anzini, FMA   Questa domenica, nel vangelo, Gesù ci racconta una parabola che ad una prima lettura ci può sembrare un po’ strana, ma che ci aiuta ad uscire dalla nostra logica ed...

Riparte la scuola… e anche il doposcuola

A marzo improvvisamente il doposcuola a Gallarate che abbiamo gestito per tre anni ha improvvisamente chiuso. Se nel nostro spazio di intervento individuale a “Parole Insieme”, abbiamo trovato una mediazione, grazie ai canali digitali, lo spazio quotidiano che avevamo...

Rimettiamo la relazione al centro

A ragionare sulle responsabilità degli adulti (genitori, insegnanti, istituzioni, scuola, associazioni) sono stati chiamati Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, Chiara Giaccardi, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università...

Giovani profeti senza paura

Siamo uniti da una missione: «Andare in paradiso e portare con noi più gente che possiamo». Don Angel Fernandez Artime   Vi saluto con tutto il cuore, amici lettori del Bollettino Salesiano, che don Bosco tanto amava. Voglio condividere con voi una bella testimonianza...

Civic Action

Un ebook alla scoperta di storie italiane di (stra)ordinario civismo   Oltre 200 tra cittadini, associazioni, aziende ed enti hanno partecipato a CIVIC ACTION, una call for practices promossa da Fondazione Italia Sociale. Ora le storie più belle della call for...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi