Virtù cristiane – La speranza

da | 16 Apr 2019 | La buona parola

Di Andrea Miccichè

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

“Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle” (Gen 15,5): con questa esortazione, Dio si era rivolto ad Abramo, poco prima della promessa della discendenza.
Davanti alla sconfitta, all’insuccesso, alle situazioni immutabili, ai momenti nei quali diciamo che non c’è via d’uscita, puntare in alto è segno di follia o di intelligenza? Vuol dire perdere il contatto con la realtà o entrare nel cuore delle cose?

Questa volta, la via è indicata dal singolo degli “One Republic”, “Counting Stars”: piuttosto che continuare a contare i soldi, segno del limite umano apparentemente insuperabile, pensando nostalgicamente alle occasioni perdute e alle lezioni imparate a proprie spese, ecco l’unica alternativa: “We’ll be counting stars”!

Nel cuore abbiamo una sete di felicità che non può essere estinta del tutto, una voce che ci chiama a non accontentarci di gioie di poco conto.

Se ci siamo messi in cammino, è perché abbiamo la speranza di giungere ad una meta: la vera disgrazia non è scontrarsi con la realtà, ma adagiarsi per inerzia sul corso degli eventi, come davanti a un destino ineluttabile. E forse con questo sentimento di tristezza abbiamo iniziato la Quaresima, pensando che la formula per l’imposizione delle Ceneri “Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai”, fosse l’ulteriore conferma della nostra inutilità. Eppure, dietro parole così dure si nasconde l’essenza della speranza: nel momento in cui riconosciamo che, senza Dio, siamo privi di valore, abbiamo la consapevolezza che, proprio da quella cenere, il Signore può trarre la meraviglia del renderci figli.

Ed è proprio puntando in alto che riusciamo compiere il primo passo.

Papa Francesco ricordava, in una delle sue omelie presso la cappella della Casa Santa Marta, che gli uomini, se non fossero stati sorretti da questa virtù, “non sarebbero mai usciti dalle caverne, e non avrebbero lasciato traccia nella storia del mondo”.

Essere uomini e donne di speranza significa uscire dalle caverne della pigrizia o dell’egoismo, per diventare dono per il prossimo: solo così non saremo sognatori illusi, fedeli a un ottimismo irreale, ma sentinelle vigilanti, pronte a percepire i segni dei tempi.

“Seek it out and ye shall find”, “vai alla ricerca e troverai”.

Quando, nel cammino, l’entusiasmo verrà meno e sembrerà che abbiamo faticato per nulla, alzeremo gli occhi al cielo e, scrutando le stelle, ritroveremo la rotta.

 

1^ Domenica dopo la Dedicazione

1^ Domenica dopo la Dedicazione – Anno A Vangelo di Luca, 24,44-49° Comento di suor Beatrice Schullern, FMA   In questa Giornata Missionaria Diocesana, la liturgia offre alla nostra meditazione le parole di Gesù agli undici riuniti nel cenacolo. Il sepolcro...

30^ Domenica del Tempo Ordinario

30^ Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Vangelo di Matteo, 22,34-40 Commento di suor Silvia Testa, FMA   Nello studio della Legge, quindi della Torah, i rabbini avevano individuato 613 precetti, un lungo elenco di norme da rispettare. Nelle scuole teologiche...

A scuola per essere felici

L’Assemblea CIOFS/Scuola elabora un Manifesto per esprimere l’identità della Scuola Salesiana delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Italia.   Il 10 ottobre 2020, il Direttivo Nazionale del Centro Italiano Opere Femminili Salesiane/Scuola (CIOFS/Scuola) si è radunato a...

Un Webinar sull’Enciclica “Fratelli tutti”

Il 9 ottobre 2020 si è svolto un webinar sull’Enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco, promosso dall’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI) e dalla Conferenza Italiana Superiori Maggiori (CISM).   Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria...

Papa Francesco al TED

La crisi climatica globale ci richiederà di trasformare il modo in cui agiamo, afferma Sua Santità Papa Francesco. Tenendo un TED Talk dalla Città del Vaticano, propone tre linee di azione per affrontare i crescenti problemi ambientali del mondo e le disuguaglianze...

Ripartiamo dalle relazioni

Di Mauro Magatti e Chiara Giaccardi   La risposta alla pandemia del Covid-19 — una reazione pressoché mondiale, pur con qualche significativa eccezione — è stata il lockdown. Abbiamo fatto la cosa migliore? C’è chi dice sì e c’è chi dice no. Però, la domanda...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi