Le stelle di Lampedusa

da | 26 Mar 2019 | Libri

di Suor Elisa Molinari

“Mi piace pensare che le stelle di Lampedusa siano lì per proteggere le migliaia di bambini che ogni giorno devono affrontare viaggi disperati come quello di Anila”.

Le stelle di Lampedusa sono lì, come la Porta d’Europa dell’artista Mimmo Paladino descritta all’inizio del libro, testimoni senza spazio e senza tempo di tante storie di speranza e di sofferenza delle migliaia di persone che intraprendono ogni giorno disperate rotte verso la salvezza. Le stelle contrastano le tenebre, le tenebre che il medico Pietro Bartolo caccia dentro di sé nel suo lavoro quotidiano e instancabile, visitando corpi martoriati dalle violenze e dagli stenti di viaggi al limite della sopportazione umana e facendo la ricognizione di tanti, troppi cadaveri; le tenebre del dolore indicibile che si portano dentro gli scampati al viaggio, che passano lunghe giornate, mesi, anche anni, per capire la loro destinazione o per ricongiungersi a un parente, sperando in una sorte migliore di quella da cui sono fuggiti.

Tante vicende raccontate con la minuzia di un medico, ma anche con i colori della passione di un uomo che non dorme sonni tranquilli finché non ha fatto tutto il possibile per salvare vite e ridonare speranza.

Il cuore del libro è quella di Anila, una bambina dolcissima e spaventata della Nigeria che aveva affrontato quel lungo viaggio completamente da sola alla ricerca della mamma che si trovava in una non ben definita “Europa”. Commovente e rocambolesco – lo lasciamo alla vostra lettura – il modo in cui il Dottor Pietro riesce a rintracciare Carla, la mamma della bambina, vittima di un’agghiacciante storia famigliare, e in quel momento vittima della rete di prostituzione.

Le pagine scorrono d’un fiato e ti ritrovi subito alla fine con dentro… un po’ di tenebre e un po’ di stelle.

Di tenebre perché sono storie che trapassano l’anima: sembra impossibile che le persone possano arrivare a subire tanto, ma sai che quello che viene raccontato è la cruda realtà. Di stelle per la gente meravigliosa – come Pietro, Monique, Luisa, Suor Teresa, Suor Letizia e tanti altri – che sa incrociare gli occhi rassegnati e quasi vitrei di queste persone disperate – che chiamiamo in tanti modi: “migranti”, “rifugiati”, “extracomunitari”, “richiedenti asilo” – con il coraggio e la caparbietà di forzare i tempi lunghi e disarmanti della burocrazia (scrivendo addirittura a Mattarella e a Papa Francesco) per far rifiorire vite umane preziose e uniche come lo sono quelle di tutti noi.

Lettura consigliata, anche se fa un po’ male… ma è bene sapere e soprattutto non assuefarsi a questa tragica realtà, per ricordarci che “in mezzo al mare, sugli scogli, a bordo delle motovedette ci sono persone… Nomi, cognomi, e storie”.

Verità e bellezza

Di Micol Forti   Vincent van Gogh ha speso la sua breve vita nella ricerca, intensa, vitale, disperata, della Verità e della Bellezza. Una Verità e una Bellezza che attraverso la pittura — il linguaggio che aveva scelto per capire e comunicare con il mondo —...

Bergamo: nasce “Generavivo”

Di Anna Spena   56 unità abitative in acquisto e locazione a canone calmierato. Un ambulatorio, orti sociali, un co-working, una living room aperta a tutti e la creazione di gruppi di acquisto solidale. "Generavivo" è il concept dell'abitare del futuro che...

Ci baciamo a settembre

Di suor Cristina Merli   Quando Marco Erba incontra i ragazzi li tiene incollati alle parole e alla vita che racconta. Oggi sono quegli stessi ragazzi che tengono incollati noi alle pagine di Ci baciamo a settembre, libro che, finalmente, dà voce al loro punto di...

La volta buona

Di Aldo Artosini   Bartolomeo è uno dei tanti procuratore di calciatori che solcano i campi sportivi. Dopo anni in cui le cose gli giravano bene, ora vive di espedienti e piccoli imbrogli. È in grande difficoltà economica; è stato lasciato dalla moglie, che gli...

Debbie Phelps: la forza di una mamma

Di Annalisa Teggi   Lo scorso 30 giugno ha compiuto 35 anni ed è il campione olimpico più vincente di sempre: 28 medaglie, di cui 23 d’oro. Ha conquistato anche il record di aver ottenuto il maggior numero di medaglie in una singola Olimpiade, e sono gli 8 ori...

Ragazzi buoni e ragazzi cattivi?

Di Emilia Guarnieri   Forse non ce lo aspettavamo, perché per un paio di mesi non li avevamo sentiti, o meglio, ognuno aveva sentito quelli che gli erano più vicini. Gli insegnanti avevano provato a sentirli tutti, tutti quelli delle loro classi. Non ci...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi