Ho bisogno di credere – Fabrizio Moro

da | 1 Ott 2019 | Musica

Di Giulia Terzi

 

Una certezza trovata. Una necessità finalmente riconosciuta. Un qualcosa che dà un senso al cammino. La parola fede è più volte ripetuta, diventando parte essenziale del testo e della vita di Fabrizio Moro che, all’età di 44 anni, urla il suo bisogno di credere.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ho bisogno di credere è il primo singolo estratto dal decimo album del cantautore italiano Fabrizio Moro, Figli di Nessuno. Pubblicato il 15 marzo 2019, il brano è autobiografico e in esso il cantante esprime una nuova consapevolezza, ovvero la sua costante necessità di avere fede in qualcosa. In un commento alla canzone, Fabrizio si definisce infatti: “un essere umano con tanti limiti ma consapevole che nella vita, oltre alla libertà, va ricercata la fede: qualsiasi essa sia, la fede ti dà la forza di continuare a camminare anche se le tue ginocchia sono ormai rotte”.

La fede qui trattata è una credenza universale, non identificata solo in senso religioso, ma allargata a tutta l’esistenza dell’uomo. Si parla così di fede in se stessi, negli altri e verso la propria vita. Fabrizio canta che “la fede è come un’arma per combattere ogni sfida”, tanto forte da combattere anche quello che è il dolore del passato, il quale diventa un punto di forza.

Centrale nel testo è anche il tema del limite, definito come la caratteristica fondamentale di ciò che è umano. Nonostante ciò, Moro sembra riluttante nell’accettarlo completamente. Ecco allora la necessità di avere fede in questo limite, di credere che anche l’essere “a un passo da” ciò che è fondamentale per la vita, possa compiere quella che è l’esistenza.

Leggendo il testo completo della canzone non si può però fare a meno di scorgere una fede più profonda, fondamento di quelle finora citate. Essa si coglie nel silenzio e sembra essere “un conduttore fra un dubbio e questo immenso / quando il resto perde il senso”.

Ecco forse la fede in Dio, che raggiunge il suo apice nel bridge cantato quasi con ansia. Qui si trova quella che è la sensazione in cui spesso sprofondiamo, ovvero il sentirsi quasi vittime dello scorrere della nostra vita, che ci fa mancare il fiato e ci rinchiude in “una prigione senza sbarre”.

Moro supplica Qualcuno, quasi disperato, per la salvezza da questo vivere artificiale e scombussolato, e si affida, concludendo con “io aspetto”.

In una realtà sempre più instabile, che punta alla diffidenza reciproca e ad un sempre più forte individualismo; in una società in cui l’estrema rincorsa alla libertà assoluta distrugge valori e rende l’uomo sempre più fragile; in un pensiero comune che elegge l’uomo a creatura onnipotente e Dio di se stesso, ecco che Moro confessa esattamente l’opposto: il sentirsi impotente e debole davanti ad un’esistenza che è più grande di lui.

Ho bisogno di credere diventa la confessione che l’uomo fa a se stesso e  urla quello che è il bisogno fondamentale di cui l’uomo sembra privarsi: l’avere fiducia in qualcosa, in Qualcuno che lo possa salvare, che lo possa compiere pienamente.

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi