Natale: i desideri non espressi dentro le letterine a Gesu Bambino

da | 16 Dic 2014 | Genitori

In questo tempo di Natale allo sportello di ascolto spesso chiedo a bambini e ragazzi la loro letterina a Gesù Bambino.
Immaginereste richieste chilometriche fatte di tecnologia dell’ultima ora, giochi multimediali, tablet, vestiti alla moda, scarpe ecc…

E invece non è così!

Alla mia domanda  spesso vedo occhi nostalgici, quasi tristi e rassegnati. Intanto i ragazzi non hanno molte richieste: una cosa a volte due; tre o quattro per chi ha ancora tutti i nonni ma specificano che si trattano dei regali dei parenti. Ho come la sensazione e impressione che abbiano capito, sentito, analizzato, la situazione attuale. Sentono questa crisi, captano dai loro genitori che non ci sono molti soldini a disposizione e limitano le loro richieste in una forma meravigliosa di empatia che permetta ai loro genitori di non sentirsi mortificati. C’è chi chiede un astuccio, un cd, un maglione nuovo non i phone 6 o console nuove. Qualcuno addirittura azzarda a descrivere relazioni familiari difficili, sentendo spesso i genitori litigare troppo e guardandomi con occhi gentili dice: A Natale dovrebbero litigare meno Serena perché altrimenti che Natale di Pace è?.

Quindi io penso che i ragazzi siano molto più illuminati di noi.

Penso che abbiano capito che questa crisi non è solo economica, non è solo mancanza di beni e benessere ma è una crisi di valori. Sono i ragazzi che ci guidano, che ci insegnano, apprendiamo da loro che ciò che conta davvero sono i valori: la famiglia che fa fatica (perché quella del Mulino Bianco proprio non esiste e nemmeno ci piace) e sta unita.

Allora regaliamo loro quello che manca davvero, quello che i loro cuori sperano e desiderano nel più profondo.

Non rimaniamo sulla superficie di un oggi in cui il mercato è l’unica agenzia ad occuparsi dei nostri figli, non facciamoci incantare da nuovi giochi tecnologici ormai pensati e costruiti per bambini al di sotto di due anni. Quello che questi bambini hanno bisogno è il tempo! Tempo per stare con la loro famiglia, tempo per essere visti, guardati con attenzione e stupore dai loro genitori, tempo per essere conosciuti e rispecchiati nelle loro emozioni. Tempo per fare giochi lunghi e noiosi forse, ma bellissimi per loro. Tempo per conoscere, parlare e illuminarsi quando la mamma e il papà li fanno sentire la cosa più preziosa della loro vita.

Regalate ai vostri figli giochi semplici ma creativi, giochi costruttivi che possano fare con voi; non giochi di passività e solitudine! Siate voi stessi e un vostro sorriso il loro primo regalo perché non se ne fanno niente di genitori che li riempiono di cose materiali ma poi nel cuore hanno solo tristezza e sfiducia. Smettiamo di brontolare a Natale anche se il lavoro manca ed è frustrante, se i risultati scolastici non sono quello che ci aspetteremmo, smettiamo di criticare il mondo e le sue imperfezioni e concentriamoci su di loro che sono il più bel regalo che Dio, la vita e noi stessi ci abbiamo mai potuto fare.

Buon Natale a tutti!
Serena
(vi stupirò presto con sogni e desideri per il 2015)

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi