Multitasking e pranzo bruciato

da | 16 Dic 2014 | Genitori

Il giornalista canadese Carl Honore, nel suo libro “Genitori slow”, afferma:
‘’Molti bambini hanno un’agenda di impegni talmente fitta che farebbe nausea a un amministratore delegato”

Chi ha letto Alice nel paese del meraviglie conosce il Coniglio Bianco, sempre in corsa con l’orologio in mano che grida in continuazione: ‘’Povero me! Sto facendo tardi! Terribilmente tardi!’’

Il coniglio con la giacca e panciotto somiglia a tanti di noi, sempre di corsa, in volo, con l’ultimo fiato, ieri, oggi e probabilmente anche domani, perché viviamo nell’era della velocità.

Senza tecnologia si viveva seguendo i ritmi biologici della natura, adesso si vive seguendo i ritmi del mercato, dell’industria e della pubblicità che entra senza permesso nelle nostre case.

Con l’industrializzazione la produttività e la competitività sono diventati imperativi della vita moderna, ”…l’idea di fare sempre di più, di avere sempre più cose e diventare sempre più importanti ci perseguita come un nemico interiore..’’, scrive Maria Novo nel libro ‘’Vivere slow’’, viviamo dominati da irraggiungibili traguardi…

Siamo sempre indaffarati e ogni minuto sembra prezioso, andare dal dottore o in bagno certe volte sembra un lusso. Il tempo dedicato alla propria salute, riposo, benessere e famiglia è sempre più ristretto.

Siamo vittime del “hurry sickness” dicono i sociologi. E’ la malattia dello terzo millennio, caratterizzata da continue corse e ansietà. Per sbrigare le faccende, usiamo il multitasking che, va bene per l’informatica quando ci fa risparmiare tempo, ma nella vita di tutti i giorni mette in difficoltà il nostro cervello e le sue prestazioni.

E’ una illusione credere di fare tante cose contemporaneamente saltando da un compito ad un altro. Questo disordine mentale finisce spesso con piccoli inconvenienti domestici come l‘arrosto bruciato, fino a giungere a gravi incidenti con le conseguenze tragiche: come figli dimenticati in macchina.

La necessità di essere produttivi e competitivi mette oggi sotto pressione anche le relazioni tra genitori e figli, così che molti bambini diventano un progetto da mettere in corso d’opera. Animati dalle migliori intenzioni, genitori ambiziosi o impauriti che la loro prole non potrà essere in grado di affrontare la vita e il mercato del lavoro in modo adeguato li soffocano e impauriscono con traguardi impossibili.

Il giornalista canadese Carl Honore, nel suo libro Genitori slow, parla dei genitori alfa di figli trofeo. ‘’Molti bambini hanno un’agenda di impegni talmente fitta che farebbe nausea a un amministratore delegato.’’

Questo fenomeno non è tipico solo dei paesi benestanti, ma trova terreno ancora più fertile nei paesi emergenti. Città come Hong Kong o Shanghai stupiscono per il loro sistema scolastico “dove tanti bambini, che da poco hanno lasciato il pannolino, seguono i corsi di team-building, problem-solving… Le mamme tigri, come la cinese americana Amy Chua, mamma modello molto discussa per la sua rigida educazione, dove tutto è concentrato sull’ apprendimento, ci fanno riflettere…”

Come facciamo ad insegnare ai giovani l’arte e l’essenza della vita? ‘’Bisogna cambiare il passo’’, dice famosa giornalista Arianna Huffington, dopo una rottura dello zigomo causata da un esaurimento fisico, ‘’cambiare i parametri del successo, che non devono essere solo, denaro e potere… Per vivere la vita che vogliamo e meritiamo, ci vuole una misura al successo che superi il solo metro del denaro e del potere, e si fondi su più pilastri: benessere, saggezza, contemplazione e dono’’.

Sfuggire la trappola del consumismo cosi irresistibile e fare due passi in contesti naturali invece di andare nei centri commerciali. Fare disintossicazione digitale e scrivere una bella lettera di auguri di natale con carta e penna. Così, dedicheremmo più tempo ai nostri cari e godremmo anche piccoli piaceri.

Ricordiamo sempre quali sono le cose che contano davvero e che ci avvicinano all’essenziale. Ce le suggerisce una santa molto concreta, che ha lavorato sodo, ma ha fatto scelte che le hanno profumato la vita.

Bojana

  • “Trova il tempo di pensare

  • Trova il tempo di pregare

  • Trova il tempo di ridere

  • Trova il tempo di dare

  • La giornata è troppo corta per essere egoisti

  • Trova il tempo di fare la carità

  • E’ la chiave del Paradiso”

    Madre Teresa di Calcutta

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Etica digitale

di Giada Aquilino   Parole scelte con cura, considerando sempre che hanno conseguenze e senza dimenticare che i social media sono luoghi virtuali, ma che le persone che vi si incontrano sono reali. Alla luce di tale riflessione Cube Radio, l’emittente accademica...

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi