L’albero delle ciliegie

da | 27 Gen 2015 | Libri

L’autrice di questo libro, Silvia Madelli, è prima di tutto mamma e poi psicoterapeuta.
Da anni si occupa di bimbi Down.
Nel percorso fatto con questi figli” diversi” e con i loro genitori, ha raccolto storie umanissime e commoventi che ha tentato di donarci in un prezioso libro che lei stessa ci presenta.

Il titolo del mio libro “ L’albero delle ciliegie” è nato dalla poesia/ canzone di Fabrizio De André: Un Medico

Da bambino volevo guarire i ciliegi/ Quando rossi di frutti li credevo feriti/
La salute per me li aveva lasciati/ Coi fiori di neve che avevan perduti.

Un sogno, fu un sogno, ma non durò poco/ Per questo giurai che avrei fatto il dottore/
E non per un dio e nemmeno per gioco:/ perché i ciliegi tornassero in fiore/ perché i ciliegi tornassero in fiore.

Dentro questa poesia c’è la stessa volontà di vita che Silvia ha voluto come senso profondo del suo lavoro di psicoterapeuta.
Lei stessa ci racconta la genesi del suo libro.

Tracce indelebili

Non ricordo il momento esatto in cui ho deciso di scrivere ma so che non potevo più farne a meno. Non si tratta di una decisione logica o razionale ma strettamente personale. Inizialmente mi soffermavo a riflettere sugli aspetti organizzativi del lavoro mentre nella mia mente circolavano storie di vita ricche di: saggezza, sentimenti emozioni, fatiche, sconfitte, paure, speranze e delusioni che tante famiglie avevano depositate forse inconsapevolmente in me. Ho custodito queste storie che ho raccolto come psicologa nei colloqui,nel lavoro di gruppo e nei progetti che ho realizzato insieme alle famiglie e ai bambini con sindrome di Down presso Agpd (Associazione persone con sindrome di Down) a Milano.

Come un viaggio

Poi, una sera, dopo un periodo di stasi e di insoddisfazione ho avuto un’intuizione che mi ha profondamente emozionata e ho finalmente compreso che desideravo ascoltare. La mia mente si è avvicinata con un ascolto silenzioso, accogliente, rispettoso, che apre alla relazione con l’altro senza sostituirsi a lui.. Credo che il mio lavoro sia come una sorta di viaggio che ci riporta al centro di noi stessi attenuando il terribile senso di smarrimento e di paura che la solitudine a volte ci fa provare.

Simona, Giovanni, Giada,Lucrezia…

Volti di bimbi “ diversi” si affacciano tra le pagine del libro. “Sono storie – scrive nella prefazione Egidia Albertini – dove si dispiega il dramma iniziale della rivelazione della diagnosi (umanissima la proposito, nella vicenda di Simona, la descrizione del comportamento della pediatra che prima di parlare ai genitori nella saletta attigua alla terapia intensiva aveva, in silenzio, estratto dal cassetto un pacchetto di cleenex aperto e lo aveva appoggiato sulla scrivania, prima di parlare, con necessario rigore scientifico, della diagnosi di anomalia cromomica)”. Sono storie di angoscia, ma pure di speranza. Accanto alla desolazione e alla paura per il futuro, si ode pure la forza e la speranza di padre e madri.
Gabriele papà di un bambino Down afferma: “La difficoltà della vita si può affrontare solo con la vita”:
E la mamma di Simona racconta: ”…Simona è stata un collante incredibile e io non posso dire di essere felice perché Simona ha la sindrome di Down… non per me, ma per lei… Simona mi ha resa una persona migliore…”.
Sull’onda di queste parole – conclude Silvia, l’autrice del libro e psicoterapeuta – ripenso all’ultimo incontro con la famiglia. Simona era seduta in sala d’aspetto con un vestito blu che sembrava un acquarello cangiante e luminoso. La mamma era al suo fianco e appena mi aveva vista si era alzata e mi era venuta incontro. Teneva in mano un sacchetto trasparente pieno di ciliegie grosse e rosse. Erano i frutti del suo albero e li aveva portati per me e la mia collega Monica. Avevo pensato: “…un albero di ciliegie che dà proprio buoni frutti”.

 

L’albero delle ciliegie di Silvia Mandelli – ed. OTMA

Storie di bambini down e delle loro famiglie come vicende di “intrecci”: fra i bambini, i loro genitori, i pediatri, gli psicologi, una società a volte accogliente e a volte incapace di umana risonanza.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi