Genitori “spalaneve”

da | 24 Feb 2015 | Genitori

Non pensavo mai che l’avrei detto, ma io ringrazio i professori del liceo classico di avermi bocciato, perché queste difficoltà mi hanno insegnato che si può sopportare anche una brutta sconfitta

Seguo su fb “corriere.it” e l’altra sera leggo questo articolo intitolato così: i genitori «spazzaneve», spianano la strada ai figli ma li danneggiano; l’allarme di una preside inglese contro la tendenza a «spianare la strada ai figli».

Questa docente inglese racconta al Times che ogni giorno si imbatte in madri e padri vittime di «ansia frenetica che fa loro rifiutare l’idea che i propri pargoli possano arrivare secondi». Il che si traduce in «bambini iperprotetti e incapaci di affrontare un fallimento». Questo articolo mi ha fatto riflettere molto perché penso che questo rischio non sia solo londinese o inglese ma del tutto nostro mondo occidentale.

Preparare i figli ad affrontare le difficoltà è un passo fondamentale nell’educazione

Temiamo di lasciare che i nostri figli, qualsiasi età abbiano, affrontino le diverse fatiche e difficoltà che incontrano sulla loro strada.  Preparare i figli ad affrontare le difficoltà è un passo fondamentale nell’educazione che decidiamo di dare. Nella comunicazione che abbiamo con i bambini o i ragazzi dobbiamo sempre stare attenti a quale messaggio passiamo realmente loro. Infatti in ogni comunicazione c’è una parte esplicita, che è quello che diciamo in termini proprio di “parole” e una parte implicita “quello che percepiamo nel profondo”.
Quando risolviamo i problemi ai nostri figli, quando andiamo a lamentarci a scuola per le note che la maestra ha dato, quando (cosa che mi fa rabbrividire) in cortile all’uscita di scuola rimproveriamo il bambino che stuzzica sempre la nostra “principessina intoccabile”, quando parcheggiamo nella portineria della scuola bloccando senza scrupolo tutto il traffico… esplicitamente diciamo: ”tesoro vedi che la mamma risolve tutto, tu non ti devi preoccupare di niente” ma implicitamente è come se suggerissimo in maniera indiretta e subdola che nel tempo poi va a stratificarsi nella personalità: “Tesoro lascia fare alla mamma perché tu non ne sei in grado!”.

Io non sono capace

E cosi’ di incertezza in insicurezza i ragazzi crescono pretendendo sempre di più che gli adulti risolvano i loro problemi ed esaudiscano ogni loro desiderio. Non sentono di avere capacità per risolvere nessun problema che la vita possa presentare e così poi il loro pensiero implicito poggerà su quella personalità fragile di cui prima parlavamo con un’unico mantra negativo “Io non sono capace”.

Le difficoltà mi hanno insegnato che si può sopportare anche una brutta sconfitta

Non pensavo mai che l’avrei detto ma io ringrazio i professori del liceo classico di avermi bocciato, alcuni capi scout da cui sono stata rimproverata per il mio lavoro non ben riuscito, alcuni compagni poco simpatici che mi hanno sempre preso in giro per il mio peso perché queste difficoltà mi hanno insegnato che si può sopportare anche una brutta sconfitta. I miei avrebbero potuto evitarmi tante di queste situazioni ma non l’hanno fatto; mi hanno sostenuta e mi hanno consigliata su come “sistemare” alcuni piccoli fallimenti e così ho imparato, ho conosciuto le mie qualità, ho riscoperto la voglia di rialzarsi e riprovarci e non fermarmi a giudizi superficiali e poco professionali.

Non evitiamo le cadute ai nostri figli altrimenti non sapranno come si fa a rialzarsi

Questo non significa che dobbiamo buttare i nostri figli in situazioni frustranti ma aiutarli nel momento in cui ci si trovano a dire : “questa cosa è triste e dolorosa… ma la puoi affrontare insieme troviamo una soluzione”. Non evitiamo questa caduta ai nostri figli altrimenti non sapremo essere per loro un buon modello di come si fa a rialzarsi.

Ultimo consiglio: guardate Kung fu Panda con i vostri figli e capirete esattamente di cosa parlo.

Buon lavoro
Serena

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi