Terremoto in Nepal: FMA e Salesiani già impegnati nei soccorsi

Una comunità di FMA vive dal 2007 a Kathmandu, la capitale devastata dal sisma.
I Salesiani sono presenti sia nella capitale sia in altri luoghi.
Le Sorelle dell’ispettoria di Calcutta a cui la comunità del Nepal appartiene, sono riuscite a mettersi in contatto con loro e assicurano che le Suore e i Salesiani stanno tutti bene pur risentendo dello shock e della paura.

Il 25 aprile un terremoto terribile di 7.9 gradi ha devastato la parte centrale del Nepal. Le repliche più o meno forti sono continuate nella giornata e nella notte con nuove scosse, una ancora forte di 6.9 gradi.

Il territorio di questo piccolo paese è prevalentemente montuoso: le vette più alte del mondo si trovano qui!
L’Everest (oltre gli 8800 mt) e il Kanchenjunga (quasi 8600 mt) ne sono un esempio.
Ben 8 montagne si elevano oltre gli 8000 metri! Lo Stato é densamente popolato con 27 milioni di abitanti di cui la metà sono bambini, ed è anche estremamente povero. Il terremoto al di là delle vittime e dei feriti che aumentano di ora in ora, lascia senza casa famiglie intere, che devono affrontare un clima molto rude con piogge imminenti.

Solo qualche muro è crollato ma non hanno subito danni irreparabili.
Come tutta la gente, per ordine del Governo non possono rientrare in casa e si riparano in tende all’esterno.
Intanto cercano di portare aiuto e conforto alla popolazione così provata.

L’economato generale si sta organizzando per poter convogliare aiuti finanziari tramite le nostre Sorelle e Fratelli dell’Ispettoria di Calcutta.

Se qualche comunità volesse contribuire a questa raccolta fondi, li può indirizzare all’Economato generale.
I fondi saranno trasmessi tempestivamente alle Sorelle in Nepal per partecipare all’emergenza che si è creata in questo paese e essere di sostegno a chi in questo momento ha più bisogno.

http://www.cgfmanet.org/info/_4_.asp?lingua=1&sez=4&sotSez=1&detSotSez=1&Doc=1521

Share This

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi