Il Papa con i Salesiani a Torino

Dall’intervista di Fabio Colagrande a Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani

In occasione del Bicentenario della nascita di Don Bosco, nel pomeriggio a Torino l’incontro di Papa Francesco con i Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice nella Basilica di Maria Ausiliatrice.

R. – Per noi, Salesiani di Don Bosco e della Famiglia Salesiana, è prima di tutto un grande omaggio che ci fa Papa Francesco. Siamo veramente molto riconoscenti per questo, per questa grande sensibilità ed amore; ma anche per quello che lo Spirito ha fatto in Don Bosco. Allo stesso tempo, quindi, noi diciamo veramente grazie a Papa Francesco, perché questa per noi non è soltanto una visita di cortesia: la presenza del Papa è una parola della massima autorità, di grande autorità ed è una spinta ad essere sempre più fedeli al Signore Gesù, allo Spirito e al carisma che abbiamo ricevuto. Crediamo che questo sia un momento per crescere, un invito a crescere, cui credo senza dubbio Papa Francesco ci chiamerà.

D. – Quali elementi del Magistero di Papa Francesco sentite più vicini come Salesiani?

R. – Io credo che tutta la Chiesa senta molto vicino questo Magistero del Papa: è così pratico, si capisce così bene… Noi – e questo è stato chiaro sin dall’inizio del suo Pontificato, quando Papa Francesco, parlando a tutta la Chiesa, l’ha invitata ad andare veramente alle periferie – questo tema delle ‘periferie’ lo sentiamo molto vicino. Io ho detto tante volte ai miei confratelli e alla Famiglia Salesiana: “Carissimi, cos’è stato Valdocco se non una periferia di Torino ai tempi di Don Bosco?”. Questo a noi parla veramente del nostro dovere di andare sempre tra i giovani e tra di loro fra i più poveri. Secondo: questa parola universale di una Chiesa in uscita. Per noi è lo stesso.
Io dico sempre ai miei confratelli: “Non è sufficiente – anche se è molto importante – avere le porte delle nostre case salesiane aperte a tutti. Questo è certamente bello, ma siamo noi che dobbiamo andare a cercare quelli che sono più lontani e che si sentono più lontani. Questa è una seconda realtà molto cara a noi. Terzo: la realtà di una Chiesa povera che per noi significa essere una congregazione per i poveri. Anche questa è una parola che io ripeto e dico tanto ai miei confratelli. Ma soprattutto l’evangelizzazione: noi siamo una famiglia religiosa per evangelizzare. Mai dobbiamo dimenticare che questo è il nostro primo compito.

D. – Don Angel, come vivete questo bicentenario? Che attualità ha oggi il carisma di Don Bosco?

R. – Lo stiamo vivendo veramente come un anno di grazia del Signore. Abbiamo fatto tante cose per cercare di non celebrarlo in maniera vuota, ma per celebrarlo nella preghiera e nell’ascoltare cosa oggi ci dice il Signore. E qualsiasi cosa abbiamo fatto è sempre stata cercando i giovani e i più bisognosi. Questa è la prima cosa. In secondo luogo, io credo veramente – e questo lo ho sentito girando per il mondo – quest’anno sono andato in 25 nazioni, delle 132, in cui siamo presenti – che Don Bosco sia un dono vero dello Spirito a tutta la Chiesa e al mondo. Don Bosco ha veramente una grande attualità. Ma in che senso? Portare i giovani a Dio, portare i giovani vicino a Gesù.
Questo compito per noi non cambia, perché è la realtà che è stata per Don Bosco, per Madre Mazzarello e per tutti coloro che ci hanno preceduto; ma devo dire anche perché Don Bosco ha cercato sempre di essere molto vicino al cuore dei giovani, che è sempre lo stesso: 150 anni fa, 100 anni fa ed oggi. Questo vuol dire che quando un giovane vede – dalla sua esperienza personale – che è voluto bene, che quella persona è veramente un educatore-educatrice, un amico-amica, un fratello-sorella, il giovane dice: “Qui mi trovo bene! Qui mi sento a casa!”. Il cuore del giovane è aperto, è aperto a un rapporto bello, ad un rapporto educativo, è aperto a Dio.

Questo è Don Bosco ancora oggi.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi