Nek: cara figlia ti scrivo

da | 4 Nov 2015 | Giovani

​«Parlare con tua figlia, dirle le cose fondamentali della vita, può essere complicato »

Intervista a Nek sul suo ultimo libro.

In un mondo in cui omologarsi è la scelta comoda e l’obiettivo finale è piacere a tutti, questa confessione di Nek sull’amore, è il colpo di frusta schioccato in aria che ci sveglia dal lungo torpore: ad uno dei cantanti più amato dalle giovani generazioni, di piacere a tutti non interessa un bel niente, all’apparire preferisce l’essere, e applica uno dei principali consigli dati alla piccola Beatrice, «Prendi sempre posizione. Sarà tuo sacrosanto diritto esprimere il tuo punto di vista personale con tutta la convinzione che riterrai giusta».

Un atteggiamento che lei Nek oggi si può permettere, ma che in passato le è costato caro

Era il 1993 quando a Sanremo arrivò terzo fra i giovani con il brano In te.
Il suo talento artistico era già innegabile, eppure la sincerità con cui affrontò il tema dell’aborto le procurò molti guai.
«Avevo ventun anni ma le idee chiare. Mi ero ispirato alla storia vera di un amico e raccontavo il dramma dell’aborto dal punto di vista del padre che desidera la nascita di quel figlio. Si scatenò l’inferno, i giornalisti ma anche l’ambiente artistico non me lo perdonavano, iniziarono a dire che la mia musica era troppo orecchiabile, poco d’élite. Io non mi sono spostato di un centimetro, in punta di piedi ho accettato tutto, mi indignavo solo quando ero chiuso nella mia stanza, ma dall’altra parte avevo la gente e questa era con me. E quest’anno a Sanremo ho conquistato tutti rifacendo ciò che ho sempre fatto: Fatti avanti amore è un pezzo pop, non ricercato, e ha un testo che porta avanti valori forti. Questo mi dice che se si crede in qualcosa bisogna restare fermi, coerenti con se stessi, non snaturarsi pur di avere consensi».

Lei ci lancia un invito pressante, un messaggio pieno di energia «L’amore è la forza che manda avanti il mondo»

«L’amore è la forza che manda avanti il mondo e la vera natura dell’uomo è aspirare sempre a qualcosa di alto: è l’insegnamento che do a Beatrice già adesso che ha cinque anni. Se capisci questo, anche il dolore serve a crescere, ti aiuta a distinguere le cose veramente importanti da quelle inutili. Prima o poi capita a tutti di soffrire, di cadere, perdere le forze e voler mollare tutto, ma se riponi la tua fiducia in Qualcuno di superiore trovi sempre la forza per rialzarti.
Io e mia moglie Patrizia abbiamo fatto insieme un percorso di fede che ci ha permesso di superare anche i momenti bui e ancora oggi quando uno resta indietro l’altro lo aspetta, se in me la fede cede c’è lei che mi tende la mano e viceversa».

Immagino non sia facile ammettersi credenti, nel mondo dello spettacolo

«L’ho scritto a Beatrice: chi ha fede in Gesù è visto come un alieno, in certi ambienti. Per me è stato spesso motivo di disagio, mi sono sentito fuori posto, ma anche in questo non mi sono spostato, sono rimasto fedele a me stesso. Ed evidentemente ho fatto bene. La mia fede è diventata matura grazie all’incontro con Nuovi Orizzonti, la comunità di Chiara Amirante, lì ho incontrato persone che nello sguardo avevano qualcosa che è difficile descrivere… direi la rilassatezza di chi nella vita ha passato di tutto ma ora conosce la verità e te la vuole donare, che ti guarda e ti dice “attaccati a me, ci penso io a te”.
Loro avevano perso tante battaglie ma avevano vinto la guerra e io volevo capire che cosa li rendeva così speciali. Ed erano ex prostitute, ex assassini, ex drogati. Prima il mio Gesù era lontano, dogmatico, invece con loro ho capito le cose in concreto: perché è importante la confessione? Cos’è il battesimo?
E come mai un abbraccio ha il potere di spazzare via la morte interiore dell’uomo più infelice? Ecco, questa è la forza dell’amore: non giudicare gli altri, abbracciali. Non c’è storia, se dai amore a una persona la cambi».

Quindi siamo sì fatti per amare, ma «nonostante noi»

«È un dato di fatto: cadiamo nell’iniquità, siamo spesso incapaci di capire a quanta bellezza possiamo aspirare, travalichiamo anche i nostri limiti…
Ma attenzione, non voglio screditare l’essere umano, anzi, siamo davvero creati per amare, abbiamo sempre un nostro bellissimo obiettivo e nessuno ce lo tocca, perché – io credo – c’è un Padre che non si stanca di aspettare. Basterebbe sapere questo per essere sempre felici, invece oggi vedo troppi cristiani tristi, che quasi si vergognano, ma come si può? Se credi alla Resurrezione cosa ti può fare paura?».

Cosa vuol dire con: la vita è sacra, allora non posso metterci mano?

«Siccome io, Filippo Neviani, credo che la vita è sacra, allora non posso metterci mano. Non posso decidere del suo inizio e della sua fine.
Non posso uccidere il feto e nemmeno l’anziano o il malato. Ci sono cose che l’uomo può solo contemplare e tra queste c’è quel puntino di vita nascente, motivo di sbigottimento come il mistero della nascita. Così come l’universo, che ne sappiamo noi? E pensiamo all’amore, tutti lo abbiamo provato ma nessuno lo ha toccato, di che natura è? Da dove proviene? L’uomo si dà spiegazioni facili per chetare l’animo, ma questo significa rinunciare ad alzare lo sguardo».

Ha avuto paura del successo?

«In passato è anche capitato che ne fossi travolto. Il successo ti monta la testa, rischi di perdere il contatto con la realtà e crederti superiore agli altri.
Ancora dopo anni mi vergogno di quel giorno in cui, dopo che Laura non c’è mi aveva dato una fama inarrestabile, risposi un secco no a una madre che mi chiedeva l’autografo, facendo piangere la sua bambina… Non si è mai al riparo, il rischio resta, per questo anche ora il livello di guardia deve sempre essere alto: occorre dominare il successo, se no alla fine vivi in funzione di lui e diventi un mercenario. Le dico con franchezza che anche nei momenti di stanca, quando manderei tutti al diavolo, faccio un respiro e mi dico: “Filippo, abbi rispetto”, e cerco di accontentare tutti. Un piccolo esempio: subito dopo Sanremo a un evento firma-copie di Varese c’erano 750 persone e io ho autografato 750 dischi, baciato 750 persone e scritto a ognuno qualcosa di diverso.
Poi però è sacrosanto che io difenda i miei momenti di padre e di marito, voglio ritagliarmi gli istanti in cui stare con la mia famiglia in modo normale, poter entrare in un supermercato con mia figlia…».

Ha paura dell’oblio?

«A ogni artista, anche i più grandi, capitano momenti in cui appaiono meno… L’importante è rialzarsi e crederci, se fai della sconfitta la tua verità non credi più in te stesso e nemmeno ti vuoi più bene e questo è molto pericoloso. Dovesse capitarmi, anche allora metterò da parte l’orgoglio, che è un pessimo nemico, e continuerò per la mia strada, imperterrito, guidato dall’amore per quello che faccio».

 6477118_817321

Il libro: “Lettere a mia figlia sull’amore”

In un mondo in cui omologarsi è la scelta comoda e l’obiettivo finale è piacere a tutti, il libro di Nek, Lettere a mia figlia sull’amore, è il colpo di frusta schioccato in aria che ci sveglia dal lungo torpore: al cantante più amato dalle giovani generazioni (e non solo), quello che ha sbancato l’ultimo Sanremo con Fatti avanti amore e conquistato anche i critici più supponenti, di piacere a tutti non interessa un bel niente, all’apparire preferisce l’essere, e pagina dopo pagina applica uno dei principali consigli dati alla piccola Beatrice, «Prendi sempre posizione. Sarà tuo sacrosanto diritto esprimere il tuo punto di vista personale con tutta la convinzione che riterrai giusta»

Tratta da un testo di Lucia Bellaspiga

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi