9 passi per tornare a Messa

da | 19 Gen 2016 | Giovani

Questo articolo è per te, soprattutto per te, se pensi di tornare a Messa.

Forse manchi a Messa da un po’, o forse da molto tempo. Se pensi da un po’ di tempo a tornare a Messa, se senti una piccola spinta ma sei preoccupato o ansioso o solo insicuro, questo è per te.

9 dritte per tornare in chiesa:

1. Mantieni la calma!

Tanto per cominciare, diciamo chiaramente una cosa: se sei preoccupato, non preoccuparti. Non ci sarà un flash luminoso sulla tua testa che dice: “Ehi! Questo tizio non va a Messa da ANNI!” Dio vuole che tu torni per come sei ora, e prepararsi per la Messa non significa diventare perfetti prima di poter tornare. Dio vuole che cresciamo e diventiamo il meglio che ha preparato per noi, ma ciò non significa che si debba passare per un metal detector del peccato per entrare. Vieni come sei.

2. Preparati in anticipo

Come per ogni occasione speciale, la preparazione è importante. Indossare i tuoi abiti migliori ha un impatto su come ti senti e su come ti comporti quando sei lì – vestirsi al meglio aiuta a focalizzare l’attenzione.

In secondo luogo, leggi le letture e il Vangelo un giorno prima. Leggili e falli penetrare dentro di te (anziché andare alla cieca).
Se pensi di andare a Messa con la tua famiglia, provate a leggere insieme. Puoi anche leggere una riflessione sul Vangelo che ti aiuti a comprendere il significato di quel passo e quale impatto può avere sulla tua vita.

3. Trova qualcuno con cui andare

È difficile andare in un posto nuovo da soli, e lo stesso vale nel caso in cui si torni a Messa dopo un po’ di tempo.
Se vuoi andare a Messa ma non hai nessuno con cui andarci, vedi se riesci a trovare qualcuno che ti accompagni. Potrebbe essere un amico che va già in parrocchia regolarmente, o anche solo un conoscente. Forse è un familiare che ti ha chiesto in precedenza se volevi andare a Messa con lui. Contattalo e chiedi se potete andare insieme. Non devi dire il motivo né dare tante spiegazioni se non ti va.
Contatta semplicemente qualcuno e chiedigli di accompagnarti. Se si tratta di un buon amico, non si impiccerà e ti accompagnerà tranquillamente.

4. Arriva un po’ prima

Cerca di arrivare un po’ prima per non avere lo stress della corsa all’ultimo momento. Se la tua chiesa li ha, prendi un libretto dei canti e un foglietto della Messa, per poter seguire le parti della celebrazione (o porta un messale con te). Usa quel momento per raccoglierti, per pregare e chiedere allo Spirito Santo di permetterti di partecipare alla Messa nel miglior modo possibile.

5. Impegnati!

La Messa non dev’essere una forma di intrattenimento, ma non dobbiamo nemmeno essere spettatori statici dell’evento.
Canta (non importa se non lo sai fare, non è una gara!), rispondi sempre, partecipa attivamente alla celebrazione. Le traduzioni della Messa sono cambiate nel 2011, per cui se non vai in chiesa da un po’ potresti trovare le formule leggermente diverse da quelle che ricordavi.
Non preoccuparti se ti sbagli e se non sei sicuro di quando sederti, stare in piedi o inginocchiarti. Segui chi ti circonda. Se sei confuso su tutti i movimenti da fare, ricorda che aiutano a concentrarsi sull’importanza di ciò che sta accadendo in quel momento. La cosa principale è dare tutto ciò che puoi durante la Messa, offrendo tutto quello che c’è di buono e di cattivo nella tua vita e deponendolo ai piedi del tuo Padre celeste che ti ama.

6. I bambini sono i benvenuti (anche se piangono!)

Forse torni a Messa con i tuoi figli per la prima volta. Se è così, per favore non preoccuparti se tuo figlio piange durante la celebrazione.
Ci saranno molti genitori, e ricorderanno cosa significa portare a Messa un bambino. Molte parrocchie hanno una stanza sul retro in cui si possono portare i bambini se si vuole, continuando a seguire la Messa da lì.

Per i bambini più grandi, è utile portare con sé qualcosa, come un libro di preghiere o una storia biblica, o un messale per bambini, che li aiuti a concentrarsi.

7. Comunione

Prima di andare a ricevere la Comunione, invita Gesù nel tuo cuore e cerca di essere ben presente in quel momento. Trascorri il tempo al banco dopo la Comunione parlando con Gesù e ringraziandolo per tutto ciò che ti ha dato.

Ricevere Cristo è un dono splendido, se si è preparati! Se non vai a Messa da molto, è molto probabile che ti debba confessare. Ricorda che dovresti accostarti alla Comunione solo se sei in stato di grazia. Tornare a Messa è molto più di un semplice rituale. È un autentico incontro con Cristo, e vogliamo che il nostro cuore sia pulito e in ordine per potergli dare l’accoglienza che merita! Cerca gli orari delle confessioni nella tua parrocchia.

Se ti trovi in circostanze per le quali non puoi ricevere l’Eucaristia (se non riesci a confessarti prima della Messa), non aver paura di andare e ricevere una benedizione da parte del sacerdote. Tutti noi (soprattutto a coloro che vanno a Messa regolarmente) abbiamo bisogno che ci venga ricordata l’importanza di non dare il Signore per scontato. Non vi preoccupate di quello che pensano gli altri. È una cosa tra voi e Dio.
Nessuno dovrebbe giudicare le persone dalla fila per la Comunione ai banchi o viceversa. Non è il momento in cui le persone dovrebbero guardare e pensare perché gli altri non ricevono la Comunione – è un momento in cui dovremmo tutti guardare nel nostro cuore e chiedere al Signore con fiducia e gioia di guarirci e di portarci tutto nel luogo in cui possiamo ricevere il Suo perdono ed essere in stato di grazia per riceverLo.

8. Dopo

Dopo, non vi precipitate fuori dalla Chiesa. Prendetevi qualche istante per riflettere su ciò che è appena avvenuto. C’è stato qualcosa che vi ha colpito? Come potrebbe cambiare la vostra vita? C’è qualcosa che dovete cambiare? Potreste rifletterci a casa se è meglio per voi.
Non abbiate paura di presentarvi al sacerdote dopo la Messa e di unirvi al rinfresco se la vostra parrocchia ne organizza uno.

9. E per finire, non aspettatevi la perfezione

A volte, quando andiamo a Messa, le cose non vanno come avremmo voluto. In un mondo ideale, la congregazione a Messa sarebbe piena di vita e di gioia, il sacerdote pronuncerebbe un’omelia ispiratrice e chiunque se ne andrebbe sentendosi una cosa sola con Dio, ma altre volte la Messa può sembrare diversa – le persone attorno a noi possono sembrare annoiate, mezze addormentate, il sacerdote può pronunciare un’omelia scialba… Indipendentemente dalla vostra esperienza della Messa, ricordate questo: Cristo è davvero e oggettivamente presente nella Messa. Non è limitato dalle nostre imperfezioni umane. Vuole stare con noi, in ogni parte della nostra vita, anche quando la Messa può sembrare deludente. Cristo è sempre lì, anche se sembra che gli altri non siano davvero presenti. Una forte familiarità con la Messa può purtroppo portare a noia o apatia se non stiamo attenti, ma ricordiamoci che Cristo è ancora profondamente interessato a noi e non smette di esortarci gentilmente a una partecipazione più profonda alla celebrazione eucaristica. È venuto a riunirci a Lui. Concentratevi sul donarvi completamente a Messa, collegandovi se potete a chi vi circonda, e ricordate che la Messa è un atto di fede. Non vi preoccupate se non sentite niente, e siate certi che Cristo è felicissimo di rivedervi.

Fonte: Aleteia

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi