Da Animatore Salesiano a “Salesiano”

Da Animatore Salesiano a “Salesiano (consacrato!) Animatore”… La testimonianza di un giovane che ha deciso di stare con Don Bosco… per sempre.

«Probabilmente non sarò mai pienamente cosciente della grandezza e della bellezza della mia chiamata alla consacrazione religiosa salesiana, anche se in questi mesi ho maturato un profondo senso di gratitudine a Dio per la proposta di Amore che mi ha fatto. Oggi sono assolutamente convinto che questa è la mia strada e ho un desiderio profondo di percorrerla con tutta la mia povertà, perché si sa il Signore sceglie “ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti” e “ciò che nel mondo è debole per confondere i forti” (cfr 1Cor 1,27). […] Intimamente innamorato di Cristo, vero Dio e vero uomo, e del suo servo don Bosco, profondamente uomo e profondamente santo, sento radicalmente mie le parole di Paolo “pur essendo libero da tutti, mi sono fatto servo di tutti per guadagnarne il maggior numero [—]; mi sono fatto tutto per tutti, per salvare a ogni costo qualcuno. Ma tutto io faccio per il Vangelo, per diventarne partecipe anch’io” (1 Cor 9,19.22-23); “ritengo che tutto sia una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore. Per lui ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero spazzatura, per guadagnare Cristo” (Fil 3,8)».

Con queste parole, più di quattro anni fa, concludevo la mia domanda per l’ammissione alla prima professione religiosa nei Salesiani di Don Bosco. E così oggi eccomi qui, giovane salesiano in formazione ancora profondamente innamorato di Cristo e di don Bosco.

E sia ben chiaro è solo per questo profondo e viscerale Amore che ancora continuo a camminare, barcollando, su questa strada che il Signore ha tracciato unicamente per me.

Quando da ragazzo leggevo la biografia di Don Bosco rimanevo impressionato dalla sua capacità di saper scrutare i segni dei tempi senza accontentarsi di percorrere sentieri già battuti. È per il suo amore incondizionato verso Gesù Cristo e i giovani poveri e abbandonati che Don Bosco riesce a

non conformarsi alla mentalità del suo tempo
per poter essere strumento di carità
in modo originale ed originario.

Non si tratta di un amore platonico, ma dell’Amore cristiano che segue la logica dell’incarnazione. Il suo cuore batte all’unisono con quelle dei suoi ragazzi e rende, ancora una volta, vive le parole di Paolo: “rallegratevi con quelli che sono nella gioia; piangete con quelli che sono nel pianto. Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri” (Rm 12, 15-16). Don Bosco è un mix esplosivo di umiltà, empatia e passione. I giovani non sono solo i destinatari della sua missione ma anche i suoi principali maestri e collaboratori: è questo lo stile del lab-oratorio di Valdocco. Passione, empatia e umiltà sono anche i sentimenti a cui mi ispiro da quando all’età di tredici anni ho iniziato ad “essere” animatore salesiano.

La mia vocazione è nata
vivendo in mezzo ai ragazzi,
passando i pomeriggi in cortile insieme a loro,
condividendo
con loro il tempo del gioco, della formazione e della preghiera.

Ci tengo a sottolineare che il fatto che io sia, da più di quattro anni, un salesiano consacrato ciò non comporta assolutamente un passaggio ad un grado superiore rispetto a quello di animatore salesiano. Si è animatori salesiani per tutta la vita o sennò probabilmente non li si è mai stati.

La scelta della consacrazione non è stata per nulla facile perché mi sono dovuto disarmare e affidare totalmente alla Sua volontà, mediata anche da un accompagnamento spirituale serio e costante.

In questi quindici anni di animazione ho sperimentato quanto siano vere le parole di Don Bosco nella lettera da Roma del 1884:
“Chi sa di essere amato ama e chi è amato ottiene tutto specialmente dai giovani. Questa confidenza mette una corrente elettrica fra i giovani ed i superiori”. Credo che con la corrente elettrica prodotta nell’oratorio di Valdocco ai tempi di Don Bosco si sarebbe potuta illuminare un’intera città. È proprio questa “corrente elettrica”, di cui parla Don Bosco, che ogni pomeriggio cerco di attivare in cortile con i ragazzi.
Produrla non è facile perché significa istaurare, coltivare e curare relazioni con ogni singolo ragazzo con l’obiettivo di essere per lui segno e portare dell’Amore di Dio nel suo quotidiano. In questi mesi riflettendo sulla mia missione nell’Oratorio di “Santa Chiara” nel quartiere dell’Albergheria a Palermo appuntavo nel mio diario personale:

«Grazie, Signore, per la “lotta” giornaliera nella relazione con i ragazzi, soprattutto in oratorio; è una lotta perché è un continuo lavorio nel cercare il giusto modo di far sperimentare loro l’Amore di Cristo. Questo costante tira e molla fatto di affetto effusivo e di fermezza, di dolci parole e di rimproveri, di incoraggiamenti e di freni inibitori, di sorrisi e di sguardi seri spesso mi logora, ma nello stesso tempo percepisco che è l’unico modo per amarli veramente».

Io credo fermamente che Dio è Amore di relazione

e che se siamo stati creati a Sua immagine vivremo veramente nella misura in cui intessiamo relazioni di amore gratuito e incondizionato. Questo è quello che io ho sperimentato nella mia breve vita e cerco, con tutta la mia povertà e fragilità, di costruire ogni giorno, soprattutto quando sono in cortile in mezzo ai ragazzi. E si sa quando una relazione si fonda sull’Amore autentico non si può valutare chi da e chi riceve ma si può solo gioire di una felicità con non passa ma dura in eterno.

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi