Confessioni fai da te

da | 1 Mar 2016 | Genitori

“Confessarsi davanti a un sacerdote è un modo per mettere la mia vita nelle mani e nel cuore di un altro, che in quel modo agisce in nome e per conto di Gesù”.

Papa Francesco

La confessione.
O meglio, come si usa dire recentemente, il rito di riconciliazione.
Qualcuno, con una piccola dose di malignità, ha fatto notare che la nuova definizione possiede qualche nuances di politically correct: ricorda vagamente i “non vedenti” al posto di ciechi, gli “operatori ecologici” per spazzini, “portatori di non altezza” al posto di piccoli, o “atei devoti” al posto di non credenti che vi fanno il mazzo più di un parroco di campagna.

Sia come sia, il rito di riconciliazione, come ha ricordato il Papa Francesco, ha i suoi perché; egli ci rammenta quanto sia importante riconoscere i propri errori, fallimenti, e «cercare nel proprio cuore ciò che è gradito a Dio».

Assieme ai neologismi l’epoca moderna verrà ricordata anche per le pratiche “fai da te” della confessione: e cioè la consuetudine di ritenere inutile andare in chiesa, trovare un confessionale, e rivolgersi a un sacerdote per raccontare lo stato delle nostre ferite da medicare. È più smart, trendy e modern oriented fare un rapido esame di coscienza una volta al mese e auto assolversi prima di addormentarsi.

Queste pratiche di riconciliazione autogestite in genere non prevedono né penitenze, né ammonimenti, salvo i peccati, disordini della gola, che non vanno confusi con la raucedine o la faringite, o della sfera sessuale, anche qua non travasabili con le cistiti o prostatiti; ecco in questi generi di disordini, il peccatore autogestito si infligge due giorni senza vino, derogati poi a mezza giornata, e una settimana senza amante, di solito quando lei è in vacanza con il marito legittimo.

Se qualcuno avesse intenzione di difendere queste pratiche riferendosi alla magnanimità misericordiosa del Papa, faccio umilmente notare che Francesco non si è mai espresso dicendo «Chi sono io per giudicare un peccatore che si confessa da solo?», ma che invece ha scritto: «Se tu non sei capace di parlare dei tuoi sbagli con il fratello, sta sicuro che non sei capace di parlare neanche con Dio e così finisci per confessarti con lo specchio, davanti a te stesso. Siamo esseri sociali e il perdono ha anche un risvolto sociale perché anche l’umanità e la società vengono ferite dal mio peccato. Confessarsi davanti a un sacerdote è un modo per mettere la mia vita nelle manie nel cuore di un altro, che in quel modo agisce in nome e per conto di Gesù».

Ancora una volta Francesco ci prende per mano lungo questa faticosa scalata verso la vetta della Misericordia, indicandoci i falsi sentieri dell’auto referenzialità, dell’io autarchico, e della necessità invece di aprirsi alle relazioni con i nostri fratelli, condizione prima per relazionarsi a Lui.

Fonte: avvenire.it

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi