L’amore che trasforma la vita

da | 22 Mar 2016 | Film

“Sapori e dissapori”

Ecco un bel film americano, ambientato nella cucina di un ristorante, ma che parla soprattutto di famiglia, amicizia, amore. La cucina e la tavola sono utilizzati come specchio delle relazioni. Qualche lacrima di commozione ma anche gioia, amore e spensieratezza.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

E poi lasciatemi dire che fa piacere vedere la cucina italiana presa come simbolo non solo di bontà e qualità dei cibi ma anche icona di valori umani, convivialità e simpatia. Persino la colonna sonora utilizza musiche italiane: arie dalle opere liriche di Puccini e persino una canzone di Paolo Conte.

Un inno all’Italia e alla sua cultura.

La protagonista è Kate (interpretata dalla bella e brava Katherine Zeta-Jones), chef affermata di un lussuoso ristorante. Vive sola, totalmente dedita al suo lavoro, che svolge con alta professionalità e precisione.
Consapevole delle sue qualità, non accetta critiche da nessuno. Come dice lei stessa: «Io esigo che le cose siano fatte alla perfezione, ecco perchè finisco a fare le cose da sola”. E se il suo psicanalista le suggerisce che la vita è imprevedibile, lei risponde: «Non nella mia cucina!».

Ma alla morte improvvisa della sorella, madre della piccola Zoe (l’attrice è la bravissima Abigail Breslin), Kate si trova costretta ad accogliere la nipotina in casa. La sua vita ordinata e precisa e i suoi ritmi scanditi dal lavoro ne sono sconvolti. E’ impreparata non solo da un punto di vista pratico ma soprattutto da un punto di vista emozionale. Il lavoro ne risente e la proprietaria del ristorante assume un secondo chef, Nick (interpretato da Aaron Eckhart), che conquista tutti con la sua bravura e simpatia. Kate deve fare i conti non solo con la piccola Zoe, che le scombussola la vita in casa, ma anche con lo chef, che ha un approccio ben diverso dal suo.
Se Kate è fredda e tesa in cucina, trasmettendo ansia a tutto l’ambiente dei collaboratori, Nick è solare, allegro: mentre cucina ascolta musica lirica di Puccini, di cui canta a squarciagola le arie coinvolgendo tutto lo staff.

Kate è seccata, per lei la cucina è sempre stata solo performance per la sua vanagloria, mentre per Nick il mondo della tavola è allegria, convivialità. Kate è minata nelle sue certezze, ma a poco a poco Zoe e Nick le insegnano il potere dell’amore. La bambina, che non mangia i cibi sofisticati cucinati dalla zia, impazzisce per gli spaghetti al pomodoro e per la pizza che prepara Nick, che ha imparato a cucinare da un cuoco toscano e ha lavorato nei migliori ristoranti di Milano. E conquisterà Kate grazie ad un tiramisu.

Il film rappresenta bene la lenta trasformazione della protagonista, che cambierà prospettiva esistenziale grazie all’affetto della nipotina e all’amore dello chef.

Kate imparerà che la felicità non si trova cercando il nostro successo, ma donandosi agli altri, rinnegando un po’ alla volta noi stessi e cercando la felicità di chi ci sta vicino e ha tanto bisogno del nostro amore.

Ecco un bel film, dove viene esaltato il valore della tavola come luogo di amicizia, generosità, ricerca della felicità altrui. Tante le citazioni che strizzano l’occhio alla tavola come metafora della vita.

Un esempio?
Kate, di fronte alle difficoltà che le sono piovute addosso, dice al suo psicanalista «Vorrei che ci fosse un libro di ricette anche per la vita», lui le risponde: «Sono le ricette che uno si inventa, quelle che riescono meglio!»

Fonte: paneefocolare.com/

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi