“Se Dio vuole”

da | 27 Lug 2016 | Film

Quando la vocazione è una scelta che spiazza

Uscito un anno fa, ma attualmente in onda sulle reti satellitari, il film “Se Dio vuole” è una commedia brillante italiana, che partendo dalla quotidianità ci conduce in un percorso di conversione calato nella realtà dei nostri tempi.

Ironica e molto attuale è la sequenza in cui il figlio convoca una riunione di famiglia per un importante annuncio. Mamma, papà, sorella e cognato sono pronti: Andrea è gay, niente di male, l’importante è amare.
Ma ecco che invece accade l’imprevedibile: il giovane, già avviato sulle orme paterne, ha deciso di entrare in seminario. Vuole diventare un prete: una vera tragedia.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Note sulla sceneggiatura

Raccontare un percorso spirituale e una conversione umana attraverso la commedia, affidandosi ad alcuni dei volti più noti e amati dal grande pubblico e a una storia che, lontana da terreni battuti, indaga sul mistero dell’esistenza. E del cuore. È questa la sfida di Edoardo Falcone, sceneggiatore di molte commedie di successo (Nessuno mi può giudicare, Viva l’Italia, Mai Stati Uniti, Stai lontana da me) che esordisce dietro la macchina da presa con un film (in sala dal 9 aprile) che afferma il ruolo centrale della fede nella vita delle persone. Incontrare Cristo può cambiarti la vita, insomma, come ci dimostra Tomaso, il protagonista di questo film.

La trama

Il protagonista di Se Dio vuole, Tommaso (Marco Giallini), è un genio della cardiochirurgia per il quale il cuore è solo un muscolo senza segreti, come sanno bene la moglie Carla (Laura Morante), che al suo fianco si è spenta insieme ai propri ideali, e i figli Bianca (Ilaria Spada) e Andrea (Enrico Oetiker). Quest’ultimo, che al padre appare un po’ strano negli ultimi tempi, annuncia di voler mettere la medicina da parte per entrare in seminario.

Per Tommaso, anticlericale pieno di preconcetti, è una vera tragedia, suo figlio sta per sprecare la propria vita. Per capire come sia potuta accadere una tragedia del genere una sera lo segue e si intrufola in un incontro di catechesi tenuto da un sacerdote davvero speciale, don Pietro (Alessandro Gassmann), simpatico e affascinante, capace di parlare con semplicità al cuore della gente e di mettere ogni giorno in pratica i propri insegnamenti d’amore. Per lui la vocazione è arrivata tardi, dopo una giovinezza un po’ turbolenta ha incontrato Dio, complice un luogo dove il senso del mistero lo senti in un alito di vento o lo vedi in una pera che improvvisamente si stacca da un albero. Per Tommaso sarà l’inizio di un viaggio ricco di sorprese, meraviglie e colpi di scena anche interiori.

«Come sceneggiatore – ci racconta il neoregista – sono sempre stato al servizio di altri progetti, commedie comiche ai limiti della farsa o sentimentali. Le scrivo, ma non le amo molto. Amo invece la commedia all’italiana, Aldo Fabrizi, Totò e mi sento orgogliosamente demodé. Poi ho avuto finalmente la possibilità di esordire e ho evitato di cavalcare stereotipi che ormai mostrano la corda. Per questo, ad esempio, ho invertito i ruoli di Giallini e Gassmann, per fuggire dalla “maschera”».
La decisione di affrontare nel suo primo film il tema dell’incontro con la fede parte da un’esigenza assai profonda. «Non è certamente una scelta di marketing, questo tema è qualcosa di molto vivo dentro di me soprattutto in tempi in cui alcuni argomenti lontani dal comune sentire non vengono facilmente accettati. Io invece trovo assurdo non interrogarsi sul mistero della vita, la caducità delle cose umane, inconcepibile l’idea di un’esistenza legata esclusivamente alla materia. Credo che Cristo sia una figura imprescindibile nella nostra vita e tutti dovrebbero leggere i Vangeli, anche solo per la loro bellezza. Non ho realizzato però un’opera “devozionale”: il film parla di una persona che crede di essere Dio e scopre invece la propria umanità».

E a proposito del sacerdote che lo condurrà a una maggiore consapevolezza della propria fragile esistenza, il regista aggiunge: «Don Pietro è un totalmente immerso realtà, anni fa incontrai preti così, ad esempio don Fabio, un vero trascinatore». Si ride nel film, e molto, soprattutto dell’imbarazzo di Marco Giallini alle prese con un mondo a lui totalmente sconosciuto. «Il film è una satira sulle contraddizioni di questi tempi politicamente corretti, dove si accetta con grande apertura mentale di avere un figlio gay, ma non prete. Eppure una volta un figlio sacerdote era motivo di orgoglio per una famiglia, ora invece il seminario è visto come una scelta troppo estrema per essere accolta con favore. Molte persone dicono di essere democratiche, ma i confini di questa democrazia sono ridefiniti ogni volta».

Apertissimo il finale, che naturalmente non vi riveleremo, così come lasceremo nel mistero i ribaltamenti che si susseguono nella storia. Diciamo solo che in quella sospensione come, conclude il regista «sta tutto il senso del film, e del titolo: se Dio vuole…».

Sceneggiatura e trama sono tratte da: avvenire.it

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi