4 consigli per i genitori

da | 11 Ott 2016 | Genitori

4 consigli per i genitori per sopravvivere all’anno scolastico

 

Essere genitori è difficile.

Ho letto che per un genitore il nuovo anno scolastico è un momento opportuno per prendere nuove decisioni, per affrontare quegli obiettivi, a volte irrealistici, che ci imponiamo. Mi è piaciuta l’idea, perché la preparazione necessaria all’inizio di un nuovo anno scolastico porta di per sé i genitori a riflettere.

Come posso aiutare i miei figli a riuscire bene?
Cosa dovrei aiutarli a evitare?

Come genitore ansioso, tuttavia, a volte l’esame di coscienza va fuori controllo, e allora ecco quattro risoluzioni per salvare la propria sanità mentale che implemento quando permetto alle mie preoccupazioni sulla vita educativa dei miei figli di prendere il sopravvento su di me.

1. Siate in pace con le decisioni che avete preso.

Siamo solo a settembre. Non valutate qualsiasi decisione educativa che avete preso per i vostri figli – indipendentemente dal fatto che si tratti di istruzione privata, pubblica o domestica. Dio potrebbe chiamare la vostra famiglia ad abbandonare il metodo educativo che avete adottato, ma forse non è bene rimuginare su questa decisione nella prima settimana di scuola, o anche nel primo mese.

Penso spesso a cambiare il nostro modello educativo, soprattutto quando devo affrontare una giornata impegnativa, ma non spreco troppo tempo a valutare quella decisione sul momento perché il mio compito attuale è chiaro. Ci saranno sicuramente ulteriori considerazioni, ma solo in momenti stabiliti in cui sarò capace di pensare chiaramente ai pro e ai contro. Fino a quel momento, cercherò di tener fede al metodo educativo che ho scelto.

Vostro figlio non ama la sua insegnante nelle prime settimane? O forse il bambino che gli siede accanto è uno stupido?

Va bene, aspettate un attimo. Queste situazioni nuove potrebbero risolversi da sé, e vostro figlio potrebbe finire per amare la sua nuova condizione scolastica.

2. Decidete di lavorare insieme a insegnanti e allenatori, non contro di loro.

Quando mia figlia torna a casa piangendo per un incidente in classe, mi viene la tentazione di correre dall’autorità preposta alla sua cura, ma è davvero il caso di farlo?

Ho scoperto che quando si collabora con insegnanti e allenatori aiuta porre delle domande per promuovere il dialogo. È altrettanto importante ascoltare il punto di vista dell’insegnante anziché limitarmi a condividere il mio. Devo anche ricordare a me stessa – continuamente, se è necessario – che le persone che istruiscono i miei figli desiderano che riescano bene. Il modo in cui li guidano potrebbe essere diverso dal mio, ma l’adulto a cui è affidato questo compito in genere ha buone intenzioni.

3. Incoraggiare i rapporti, non la divisione.

Qualche anno fa mia figlia, che andava alle elementari, espresse la sua insoddisfazione nei confronti delle amicizie femminili nella sua classe. Parlai con qualche mamma dei suoi compagni e capii che tutte le bambine provavano lo stesso – si sentivano escluse dal gruppo e non volute.

Organizzai allora una festa per decorare dei dolcetti e invitai tutte le bambine. Trascorsero il pomeriggio a spargere decorazioni sui dolci e sul pavimento. Dopo quell’incontro, mia figlia non si lamentò più per tutto il resto dell’anno. A volte offrire opportunità al di fuori dell’orario scolastico perché i bambini stiano insieme allevia le divisioni.

4. Affidate i vostri figli e le vostre decisioni scolastiche per loro alla Vergine Maria.

La Madonna è una madre molto migliore di me. È più paziente, più amorevole e più gentile, e sa anche quanto amo i miei figli. Quando inizio a preoccuparmi per i miei bambini mi rivolgo a Maria. Lei ci è passata.

Colleen Duggan, moglie e madre di sei bambini, è una scrittrice freelance per varie pubblicazioni cattoliche online.

Fonte: Aleteia

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi