Emergenza umanitaria per Haiti

Uragano Matthew: una nuova emergenza umanitaria per Haiti

Il VIDES Internazionale – FVGS Onlus e l’Istituto stanno organizzando una raccolta fondi per le prime urgenze

Ancora una volta la splendida quanto martoriata terra di Haiti è stata colpita dalla forza della natura. Con piogge torrenziali e raffiche di vento fino a 230 chilometri orari, il 3 e 4 ottobre l’uragano Matthew si è abbattuto sull’isola lasciando dietro di sé morte e devastazione che si sommano a un tessuto sociale fragilissimo ed esposto a rischi continui dal punto di vista sociale e sanitario creando ancora più insicurezza, instabilità e povertà fra la popolazione.
Haiti, un dei paesi più poveri del mondo, fatica ancora a riprendersi dal terribile terremoto del 2010. Ci sono ancora circa 55.000 persone che vivono in tendopoli e rifugi di fortuna. L’acqua che in questi giorni è tracimata dalle fogne si teme possa causare un picco dell’epidemia di colera già dilagante per la scarsità di acqua potabile, ma anche incrementare Dengue e Zika.
Le inondazioni e i cedimenti del terreno hanno provocato danni ingenti a case, strade, ponti, scuole e terreni agricoli.
Il bilancio provvisorio delle vittime è di 800, ma è destinato ad aumentare.
Il Dipartimento Sud dell’isola è quello più durante colpito dall’uragano. Le prime stime parlano dell’80% di case distrutte. Le comunicazioni sono ancora difficili e molte sono le zone isolate. Les Cayes, capoluogo del Dipartimento, e Grand Anse sembrano le zone più colpite.
Le Figlie di Maria Ausiliatrice di Anse-à-Veau stanno bene, la scuola è danneggiata, il tetto divelto dal vento, ma nonostante questo sono riuscite ad accogliere presso di loro circa 50 persone.
Anche a Les Cayes le suore stanno bene, ma l’acqua è entrata in casa, alcuni alberi sradicati dal vento sono caduti sulla recinzione distruggendola. Anche questa comunità accoglie dei persone e famiglie che sono rimaste senza un tetto.

Le case in latta sono state rase al suolo dalla furia del vento in entrambe le zone, ma anche a Port-au-Prince e a Jacmel. In molte zone non c’è elettricità, mancano cibo e acqua. Si parla di 200 000 famiglie senza tetto.

La difficoltà di comunicazione non hanno permesso per ora di avere un quadro più preciso dei danni e delle necessità, come pure non si hanno ancora notizie di tutte le famiglie delle suore. Di alcune purtroppo si sa già che hanno perso tutto.
Di fronte a questa popolazione continuamente messa alla prova, ci affidiamo alla solidarietà di tutte le nostre Comunità, degli studenti, dei giovani, delle famiglie e dei tanti amici e benefattori che ci sono stati sempre vicini e che hanno a cuore questo paese così duramente colpito.

Da cgfmanet.org

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi