Beata ignoranza

da | 28 Mar 2017 | Film

Un’amicizia alla prova di una realtà perennemente connessa.

Vedere l’ultimo film «Beata ignoranza» come se fossimo in pieno dibattito tra «apocalittici» e «integrati» a riguardo delle nuove tecnologie sarebbe troppo, ma senz’altro il tema trattato è un interessante soggetto di cui parlare in questo tempo in cui viviamo, quanto mai così social. Ci aveva già provato, con successo, Paolo Genovese con «Perfetti sconosciuti» facendo segno, ma virando il tutto poi su un altro tema. Qui non siamo a quel livello, piuttosto la commedia di Massimiliano Bruno pone la questione della «web-modernità» con il sorriso, anche correndo il rischio di banalizzarla.

Tuttavia la simpatica storia di amicizia infranta tra Ernesto (Marco Giallini), il tradizionale professore «antisocial» fuori dalla Rete, e Filippo (Alessandro Gassmann), professore di matematica «per caso» tutto smartphone e app, ci pone di fronte al limite della questione: è così necessario e importante oggi essere perennemente «connessi»? Sicuramente non si può stare fuori dal web, ma le relazioni importanti però spesso si giocano su altri campi, quelli più classici e legati alla terrena realtà. La stessa che nella vita ha messo alla prova la loro amicizia fino a separarli, nonostante una donna e una figlia «in comune», Nina (Teresa Romagnoli), che rientrerà nella loro vita attraverso un «esperimento» che li vedrà di nuovo protagonisti e antagonisti fuori e dentro la scuola, con o senza smartphone o pc.

Un film, dunque, al passo con i tempi che grazie alla complicità della coppia di attori già rodata (già visti in «Tutta colpa di Freud» e «Se Dio vuole»), risulta piacevole e nella sua completezza, almeno a tratti, per nulla banale. In un mondo sempre più assuefatto dall’interattività che rischia di modificare completamente il comportamento e le relazioni umane, compresi l’insegnamento e gli insegnanti stessi, porsi almeno la domanda su quanto, come e dove sia utile è indispensabile per non viverla da «schiavi». Utile ma non sempre necessaria, almeno per il quieto vivere, sembra dirci il regista. Lasciando pure anche qualche questione aperta: «Vi sentite meglio on line o off line? Chi siete veramente? Voi stessi o il vostro alter ego? Stimate di più le vostre sconfitte reali o i vostri successi virtuali?».

Temi: web, social, realtà virtuale, relazioni, scuola, amicizia, valori, famiglia.

Gianluca Bernardini

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Matteo 4,1-11 Commento di suor Beatrice Schullern, FMA   “In questo tempo di Quaresima, accogliere e vivere la Verità manifestatasi in Cristo significa prima di tutto lasciarci raggiungere dalla Parola...

1^ Domenica di Quaresima – Anno B

1^ Domenica di Quaresima – Anno B 21 febbraio 2021 Vangelo di Marco 1,12-15 Commento di suor Silvia Testa, FMA   L’evangelista Marco, nei suoi pochi versetti che descrivono la pericope delle “tentazioni”, ci regala, attraverso alcuni verbi suggestivi, un...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi