I bambini imparano solo quello che vivono

da | 3 Ott 2017 | Genitori

La trasmissione della fede presuppone che i genitori vivano l’esperienza reale di avere fiducia in Dio, di cercarlo, di averne bisogno, perché solo in questo modo ‘una generazione narra all’altra le tue opere, annuncia le tue imprese’ (Sal 144,4) (p. 33).

I genitori sono come radici che penetrano nel terreno e i figli come rami che si protendono nell’aria. I rami sono la vita che sarà, che si sta sviluppando, nutrita dalla linfa della speranza. Anche per la trasmissione della fede vale il principio generale: i bambini imparano solo quello che vivono. L’apprendimento religioso passa attraverso tre stadi. Il primo è quello che passa attraverso l’osservazione e l’imitazione. Per la nascita e lo sviluppo dell’immagine di Dio infantile tuttavia l’influenza dei genitori è decisiva. Il rapporto genitori-figlio viene innanzitutto proiettato sul rapporto con Dio. Anche l’autostima del bambino e dell’adolescente ha le proprie radici nella famiglia e si ripercuote essenzialmente sul rapporto con Dio.

La cosa più importante per i genitori è chiarire la propria immagine di Dio. Abbiamo la responsabilità di non ingannare i nostri figli a proposito di Dio, rivelando loro un’immagine di Dio nemica della vita e dell’amore, danneggiandoli in questo modo dal punto di vista psichico.
I bambini che vivono con i genitori in un rapporto caratterizzato da confidenza assoluta, che si sentono e si sanno accettati in ogni aspetto della loro personalità, considerano Dio un essere amorevole e premuroso, mentre i bambini con confidenza insicura vedono in Dio una presenza poco rassicurante e incline a distribuire punizioni. Per comprendere il divino e abbracciare la fede sono quindi fondamentali le persone di riferimento primarie.

È la «religiosità familiare» a formare il rapporto del bambino con Dio. Quanto più il bambino si sente apprezzato,quanto più si sente accettato in tutti i suoi sentimenti, tanto più si sente protetto nella sua fede ed è consapevole delle proprie forze spirituali.
L’educazione spirituale e religiosa si concretizza nei rituali; siano essi il rituale serale, il pasto comune, la preghiera o la Messa domenicale. La rinuncia ai rituali comporta anche una perdita di spiritualità. Il rituale, con le sue infinite ripetizioni, esprime vicinanza e sicurezza affettiva. Mostra ai bambini che i genitori sono con loro: posso lasciarmi andare perché mi sento protetto. E la preghiera spiega al bambino che esiste un essere superiore che ci sorregge senza che il suo sostegno sia legato a condizioni di alcun genere.

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi