LIS all’asilo

A Tonadico sulle Dolomiti di Brenta la difficoltà di una bambina diventa un’opportunità:
le maestre insegnano a tutti le basi della lingua dei segni per comunicare con la compagna sorda.

Julia sta colorando una motocicletta. Serena la guarda, poi si rigira una mano tra i capelli e con l’altra mima una moto muovendo la mano come fosse l’acceleratore. Julia annuisce divertita, così Serena va a chiamare Mirko, il bimbo ricciolino a cui piacciono tanto le moto. Julia non può né parlare né sentire perché è sordomuta dalla nascita ma con i suoi coetanei si capisce al volo.
Questo è possibile perché le maestre del suo asilo hanno insegnato a tutta la scuola le basi della lingua italiana dei segni. Quasi come fosse una seconda lingua.
Si potrebbe stare ore a osservare questi bambini che urlano e schiamazzano e che, non appena si avvicinano a Julia, si calmano e sfoderano gesti e sorrisi per comunicare con la compagna.

E dire che i genitori erano preoccupatissimi per l’accoglienza che l’asilo avrebbe riservato alla figlia. «Per qualche settimana all’anno Julia frequenta una scuola per l’infanzia a Roma, specializzata nell’insegnamento ai sordomuti. Ma qui a Tonadico si trova benissimo, la scuola è stata molto attenta ai suoi bisogni», dice la mamma Laura. Siamo in un piccolo paese di 1.500 abitanti arrampicato sulle Dolomiti di Brenta, ai confini tra il Trentino e il Veneto.

La comunità si attiva

Fino a qualche anno fa, in tutta la comunità del Primiero, non viveva nessun sordo. Poi è nata Julia e oggi mezza valle conosce almeno le basi della lingua italiana dei segni. Merito della determinazione delle insegnanti della scuola per l’infanzia che hanno saputo trasformare le difficoltà di Julia in un’opportunità di crescita per tutti gli altri. Grazie a loro adesso questi bambini riescono a comunicare così bene.
«Sono i bambini e la famiglie ad essere stati straordinari» sorride la coordinatrice della scuola per l’infanzia di Tonadico, Daniela Dalcastagnè che ha reinventato tutta l’organizzazione della scuola per far sentire Julia meno sola. «Abbiamo insegnato ai bambini e al personale le basi della lingua italiana dei segni e i bambini hanno subito colto che esistono altre modalità di esprimersi oltre alle parole», spiega Monica Capiotto, la facilitatrice che affianca Julia da quando è entrata alla scuola materna. «Monica era presente solo 25 ore a settimana quindi, fin da subito, abbiamo coinvolto tutto il personale in un percorso di formazione.

Le collaboratrici pedagogiche ma anche le cuoche hanno imparato ad esprimersi con i segni. Poi – racconta Dalcastagnè – è iniziato il lavoro con i bambini che in tutto sono una quarantina. Ognuno si è scelto un segno nome.

Fonte: Corriere Buone Notizie

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi