I giovani si stanno muovendo e noi che cosa facciamo?

da | 1 Mag 2018 | Giovani

“Siamo una specie in viaggio. Non abbiamo proprietà, ma bagagli. (…)
Siamo vivi perché siamo in movimento. Non stiamo mai fermi.
Siamo transumanti (…) Se vuoi che qualcosa muoia, lasciala in pace”

(Jorge Drexler, Movimiento, 2017)

I giovani si muovono sempre verso possibilità inedite, futuri insospettabili.
Ma al di là della mobilità fisica e del dislocamento territoriale, i giovani manifestano una grande capacità di flusso e di mobilitazione nelle società attuali, rafforzati dalle nuove tecnologie di comunicazione, dell’interfaccia e delle reti.

Le mobilità sociali, quella della strada e quella della rete, delle piazze e dei dispositivi, nel contatto faccia a faccia con altri giovani o attraverso un #hastag, non ammettono quella visione duale propria delle generazioni di adulti, chiuse tra il binario e il duale: anima e corpo, reale e virtuale, oggettivo e soggettivo, sostanza e accidente.
I giovani stanno configurando una nuova mappa nel territorio, sia quello dei loro spostamenti fisici, sia quello della rete, con la creazione di nuovi codici, linguaggi ed estetiche. Certamente come educatori dobbiamo considerare un nuovo linguaggio per pensare alle “mobilità giovanili” perché siamo abituati a comprenderle in termini di presenza fisica, sottovalutando il virtuale come se questo non fosse reale. Tuttavia, per i giovani non c’è limite tra questa doppia presenza, fisica o virtuale, ma un unico spazio/tempo che intreccia i dispositivi tecnologici con l’organizzazione dell’incontro, è uno scambio senza distinzioni delle modalità di presenza.

Dobbiamo considerare la mobilità dei giovani in relazione alla stabilità delle istituzioni. Istituzioni come la nostra devono accompagnare il movimento dei giovani o entreranno in un declino senza precedenti (come già lo stiamo percependo). Soprattutto dovremmo dare forma a delle proposte che tengano presenti e che incorporino l’emotivo e l’affettivo, le nuove grammatiche giovanili e il cambio di codici; non solo il razionale e le norme, l’appartenenza e l’identità, le proposte e le risposte, le strutture e le nostre organizzazioni.

Per compiere questo esercizio di cambio del linguaggio e delle istituzioni è richiesta la capacità di guardare al futuro: non è possibile lasciare che l’esperienza giovanile sia legata a modelli di istituzioni anacronistiche, piegate su vecchie sicurezze o ancorate alla nostalgia di tempi gloriosi, ma passati. Perché i giovani hanno urgente bisogno di proposte che integrino le componente emozionali, affettive, comprese anche le varie forme di protesta e ribellione giovanili.

Un salesiano educatore per questi nuovi tempi è un uomo che come Don Bosco non ha paura di affrontare queste situazioni di incertezza e movimento, è sempre attento ad ascoltare le loro preoccupazioni, le domande e le loro forme di espressione.

Le nuove realtà di dislocazione giovanile sfidano il carisma e le istituzioni. Se le istituzioni vogliono essere nel mondo dei giovani, devono muoversi con loro. Oppure morire!

Fonte: infoans

San Giovanni Paolo Magno

Le familiari conversazioni, da giugno 2019 a gennaio 2020, tra Papa Francesco e il teologo e scrittore don Luigi Maria Epicoco sono diventate un libro: SAN GIOVANNI PAOLO MAGNO. Sulla copertina c’è una bellissima fotografia di Giovanni Paolo II che abbraccia l’allora...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Giovanni 4,5-42 Commento di Suor Graziella Curti   Ascoltando il Vangelo di oggi si direbbe che Giovanni sia anche un po’ un regista cinematografico. Prima di giungere al messaggio centrale...

2^ Domenica di Quaresima – Anno B

2^ Domenica di Quaresima – Anno B 28 febbraio 2021 Vangelo di Marco 9,2-10 Commento di suor Gemma Paganini, FMA     Il Vangelo di questa domenica seconda di Quaresima ci presenta uno di quei passaggi davanti al quale ci sarebbe solo una cosa da fare: entrare con...

Convegno Vides 2021

Un appuntamento formativo prezioso per tutti: il convegno Vides Lombardia di sabato 13 marzo. Metteremo a fuoco il tema della “conversione ecologica” tanto auspicata da Papa Francesco e messa in risalto nell'Enciclica “Laudato si'”. Interverranno relatori...

Nel profondo, immersioni dantesche

UFO e associazione Flangini celebrano il settimo centenario della morte di Dante Alighieri con una proposta per le scuole superiori. L’evento si svolgerà a partire da marzo 2021, comprenderà tre incontri con altrettanti scrittori, il debutto di uno spettacolo e una...

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi