Grazie, rimanete nel mio cuore

da | 10 Lug 2018 | Giovani

Francesco, ragazzo autistico, alla maturità

Di Paola Belletti

Siamo nel casertano, nelle aule dell’Istituto Ettore Majorana: Francesco ha finito le prove di maturità e legge una lettera che ha scritto lui per gli insegnanti, i compagni e in qualche modo tutto il mondo: “l’autismo non è contagioso. Socializzare vuol dire esistere ed è quello che la scuola ha fatto per me. Grazie”

Siamo alle solite: un video girato in aula e proprio durante gli esami di maturità, manco a dirlo, già in crescita esponenziale sui social. E per giunta in quella scuola già tristemente famosa per lo sfregio fatto ad una professoressa per mano di un diciassettenne armato di coltello. Siamo all‘Istituto E. Majorana di Santa Maria a vico, in provincia di Caserta.

Invece no, non è affatto come sembra. Il video lo ha girato la mamma di uno studente, al termine delle prove d’esame ed è stato condiviso niente meno che dalla Dirigente scolastica, la professoressa Pina Sgambato,  che si augura la massima condivisione.

Ecco allora i fatti: Francesco Criscuolo è un ragazzo autistico, arrivato alla fine della scuola superiore; invitato con perentoria dolcezza dalla mamma (che forza!) legge una lettera di gratitudine per i compagni, gli insegnanti e la scuola intera. Guardate la commozione dell’insegnante di sostegno, Michele Vozzella.

“Adesso piano piano, ad alta voce, lentamente”, e Francesco inizia, conquistando parola per parola la lettera scritta da lui stesso. Leggete e poi guardatelo, ascoltatelo. Per chi soffre di disturbi dello spettro autistico spesso la possibilità di leggere e anche lo stesso parlare è impresa ardua, per alcuni impossibile.

Sono passati setti anni e oggi termino il mio percorso scolastico. Qui ho imparato tante cose e ho conosciuto tante persone e sono molto dispiaciuto che tutto finisca. Voglio ringraziare il mio professore Michele e tutti i compagni di classe che mi hanno capito e voluto bene per quello che sono cioè un ragazzo come loro, con gli stessi sogni del futuro. Questo grazie ai miei compagni sono diventato più autonomo e non ho paura di affezionarmi alle persone perché mi hanno fato capire che esistono tante persone buone e sincere in questo mondo tanto cattivo e complicato per quelli come me, me (commozione della mamma e un “Bravo!”). L’autismo non è contagioso, noi abbiamo bisogno di amore e integrazione. Socializzare vuol dire essere, esistere ed è quello che la scuola ha fatto per me. Rimanete nel mio cuore per sempre, Francesco.

Contribuiamo volentieri alla viralità di questo video e della storia che dalle parole di Francesco e della mamma si affaccia. Pare anzi un fiume, rimasto carsico per lungo tratto, che ha la forza di spaccare la crosta e uscire fuori, limpido e fresco perché abituato alle profondità cui la sofferenza dell’autismo costringe.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Immaginiamo che il senso di appartenenza reciproca che Francesco e i compagni hanno costruito in questi anni li accompagnerà ancora a lungo, ben oltre l’effetto commovente dell’ultimo giorno di esami e del discorso declamato con coraggio dal ragazzo; immagino anche l’orgoglio di questi ragazzi “normali” per aver saputo amare come si deve il compagno che forse tanto difficile non era.

Non è sempre difficile come si crede. E ci sono interi continenti di bellezza inesplorata dietro ogni storia, spesso dentro le più dure.

Allora che Dio benedica Francesco, la sua mamma coraggiosa e tenace; immaginiamo senza tema di sbagliare i giorni della diagnosi, lo sconforto magari solo iniziale, le stanchezze, la perseveranza nelle terapie di riabilitazione, l’intelligenza di preservare sè stessa, magari altri figli o il marito, insomma la lettera è proprio solo un bel segnalibro di un romanzo lungo e intenso, ne sono certa); Dio benedica gli insegnanti e gli amici.

Abbiamo tutti un debito di gratitudine nei confronti di chi ha pesi più grandi degli altri da portare, oltre che il dovere di sostenerli: da chi si imparano certe cose sulla vita, su noi stessi, se non da loro e dalle loro famiglie?

Fonte: Aleteia

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi