La meditazione salesiana

Una fonte perenne di energia per il rinnovamento spirituale

A distanza di alcune settimane dal seminario di studio sulla meditazione salesiana (Roma – San Callisto, 10-12 maggio), dal Dicastero della Formazione si torna a riesaminare il significato di quell’appuntamento e i passi da compiere per riscoprire e vivere un elemento della spiritualità salesiana che Don Bosco e i suoi Successori hanno sempre indicato come fondamentale.

Nell’incontro presso la comunità salesiana di San Callisto, don Ivo Coelho, Consigliere Generale per la Formazione, l’équipe del suo Dicastero e altri cinque salesiani esperti del settore si sono dapprima confrontati sull’esperienza individuale di meditazione quotidiana, quella mezz’ora di silenzio che si conclude prima di recitare insieme la formula di affidamento a Maria Ausiliatrice.

Il passo successivo è stato l’illuminazione dell’esperienza personale alla luce della tradizione salesiana: attingendo all’esperienza come formatori dei giovani Salesiani, attraverso l’analisi delle parole e delle azioni di Don Bosco, di don Giulio Barberis, il primo Maestro dei Novizi, di san Francesco di Sales e di Gesù, l’uomo dei “tre tempi”, in cui l’azione, la preghiera e la comunità si fondono in uno “splendido accordo”, com’è stato definito.

A conclusione del seminario don Coelho in una lettera di 5 pagine ha raccolto gli elementi salienti di questo intenso momento di riflessione, proponendo anche passi concreti per rinnovare l’interesse per la meditazione e l’“abilità” nel fare della mezz’ora quotidiana dedicata a questa forma di “orazione mentale”, una fonte perenne di energia per il cammino e di rinnovamento spirituale.

Tra i punti che propone:

–     È stato sorprendente vedere quanto Don Bosco e la prima generazione di Salesiani insistessero sulla meditazione: basta vedere le aggiunte che Don Bosco fece inserire all’edizione italiana delle Costituzioni, l’attenzione data da don Barberis nell’insegnare ai novizi il perché e il modo della meditazione, e l’insistenza sulla meditazione di Don Filippo Rinaldi, III Successore di Don Bosco.

–     Se si è convinti del valore che la meditazione ha nella propria vita, si è certamente più inclini ad essere fedeli alla meditazione stessa e ad imparare a come crescere sempre di più nel modo di viverla. La perseveranza è della massima importanza ed è una parola che si trova spesso sulle labbra di Gesù e nel Nuovo Testamento. Bisogna imparare a pregare pregando, ed è importante “essere lì”, giorno per giorno, per la meditazione.

–     Una buona meditazione riecheggia nel corso della giornata, superando gradualmente il “procedere in parallelo” delle attività quotidiane e conducendo, viceversa, all’unificazione delle pratiche di pietà, di vita sacramentale, del lavoro…  I frutti della meditazione sono visti nella trasformazione che ha luogo nella vita.

–     Attualmente molti hanno poca o nessuna iniziazione alla meditazione. Ciò richiede un rafforzamento della dimensione pedagogica della formazione.

–     È in preparazione un e-book col materiale del seminario e altre iniziative saranno lanciate durante gli incontri delle commissioni regionali di formazione.

All’invio della lettera di don Coelho ha fatto seguito una sorprenderete risposta da parte di tanti Salesiani di tutte le regioni, che condividevano l’esperienza fatta e incoraggiavano a proseguire il cammino di approfondimento.

C’è un interesse per la preghiera – e in particolare per questa forma così salesiana di pregare insieme, uniti dal silenzio dell’ascolto – probabilmente molto più intenso e diffuso di quanto si ci potrebbe immaginare.

Fonte: infoans

Lo tsunami della speranza

La terra del dolore e della morte oggi ospita una casa di affettuosa rinascita e fondata speranza grazie ai figli di don Bosco.   Care amiche e amici di don Bosco, come avete certamente sperimentato una delle componenti più belle dell’amicizia è poter condividere i...

Gli anziani siano “maestri di tenerezza”

Nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di luglio dedicato agli anziani, Francesco invita ad invocare il Signore perché “l’esperienza e la saggezza” di coloro che vivono la Terza età “aiutino i più giovani a guardare al futuro con speranza e...

Premio per suor Alessandra Smerilli

A suor Alessandra Smerilli il Premio Nazionale Don Diana 2022 Il 4 luglio 2022, a Casal di Principe in provincia di Caserta, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, economista e...

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

Di don Francesco Motto   «Siete poche, sprovviste di mezzi, e non sostenute dall’approvazione umana. Niente vi turbi. Le cose cambieranno presto». Il 5 agosto di centocinquant’anni a Mornese di Alessandria un gruppetto di undici ragazze del Monferrato – per lo più...

Convegno Internazionale per il 150° dell’Istituto

Dal 25 al 30 settembre 2022 a Roma, presso la Casa Generalizia dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, si terrà il Convegno internazionale sul tema “L’apporto delle FMA all’educazione (1872-2022). Percorsi, sfide e prospettive” promosso dall’Istituto FMA e...

Le parole di Papa Francesco sulla vita

Nei suoi nove anni di Pontificato, Francesco ha pronunciato parole molto chiare sulla difesa della vita nascente che, afferma, è legata alla difesa di qualsiasi diritto umano. La vita, osserva, va difesa sempre: quella dei nascituri come quella degli anziani e dei...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi