In guerra

da | 8 Gen 2019 | Film

La dimensione umana contro gli interessi economici

di Gianluca Bernardini per sdcmilano.it 

Ci sono battaglie che si devono combattere. Perché ne vale la qualità della vita, per non dire la stessa dignità della persona. Se non si lotta si soccombe. Perché i diritti non possono essere calpestati, come quello del lavoro. I patti non possono essere «traditi», in ragione di compromessi utili sono a chi è più forte e per questo vince.

Tratta proprio di questi temi «In guerra», l’ultimo film di Stéphane Brizé (bellissimo il suo «La legge del Mercato» del 2015).

Laurent Amédéo (Vincent Lindon, perfetto nuovamente nel suo ruolo), si fa portavoce della protesta dei 1100 dipendenti della Perrin, un’azienda di un gruppo tedesco, specializzata in apparecchiature automobilistiche, che decide in tempo di crisi, dopo che gli operai hanno rinunciato a parte del salario per cinque anni, di chiudere i battenti in anticipo rispetto agli accordi fatti in precedenza.
In scena non solo lo sciopero, non soli i tavoli per cercare di trovare una soluzione favorevole per tutti, non soltanto il dramma di tanti operai (esistono ancora) pronti a qualsiasi cosa pur di non perdere il posto, piuttosto al centro c’è la dimensione umana contro gli interessi economici.

Non mancano così i momenti di forte tensione, anche interna, quando le forze vengono meno e ogni speranza sembra svanire. Su tutte, una domanda importante: perché essere privati del proprio lavoro solo per permettere alla società di aumentare ulteriormente i propri profitti? 

Un film «politico», nel senso più alto e nobile del termine. Un vero «braccio di ferro» che va a scardinare le dinamiche sottese anche a leggi che non sempre sembrano mirare alla giustizia «per tutti», anzi favoriscono meccanismi di costrizione.

Da vedere, per poterne parlare, poiché anche nella realtà c’è ancora molto da fare.

 

Temi: lavoro, lotta, dignità, diritti, sciopero, crisi, solidarietà.

 

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi