Tra la memoria e il sogno… la nostra responsabilità

Tra la memoria e il sogno… la nostra responsabilità

Di don Stefano Borri

Festa di don Bosco: festa di storia e di memoria.

Quella di don Bosco è la storia dell’oratorio, del nostro oratorio, di quell’oratorio che tutti, gli adulti, gli anziani si portano nel cuore come un ricordo giovane, fresco, una memoria che sa di spensieratezza, sa di sogni, sa di libertà. In questa storia bellissima ci siamo dentro tutti: storia di un secolo giovane, storia di amore speso e dato per chi è più piccolo tra noi; storia di grandi santi con noi, generazioni di giovani educatori che hanno amato con il cuore, come don Bosco ci ha insegnato, che con la vita hanno svelato l’Amore più grande che c’è.

Festa di don Bosco: festa del presente e della responsabilità.

Quella di don Bosco è la festa che ci fa crescere ancora una volta, che ci educa, ci richiama, ci sferza alla consapevolezza che nella vita non si cresce se non ci si impegna sempre più e che non c’è libertà vera se non sei responsabile. È la festa del presente. Il presente che non sempre fa eccellere gli adulti nelle responsabilità verso i più piccoli, che non sempre può contare su uomini e donne che mantengono ciò che promettono, di grandi che vogliono che i figli ascoltino tutto ciò che dicono ma, spesso, è meglio che non mostrino ai figli tutto ciò che fanno.

Il presente di giovani che guardano al futuro preparato dalle generazioni che li hanno preceduti con una certa apprensione, una buona dose di domanda e di paura, una significativa percentuale di insicurezza.

Il presente che offre un sacco di alternative per riempire il vuoto che adulti e giovani sentono nella società che ha escluso Dio dal proprio orizzonte; il presente pieno di gioie effimere e ben poco durature; il presente fragile che non sa indicare il senso del sacrificarsi, del soffrire, del morire.

È un presente da amare ed è tanto più da amare quanto meno si presenta amabile. È un presente a cui don Bosco guarderebbe ancora con infinita tenerezza perché vedrebbe i figli del presente come una terra deserta, arida e assetata.

Un presente a cui don Bosco non farebbe mancare una pioggia di acqua ristoratrice quale è la Parola di Dio; un presente a cui don Bosco non chiuderebbe le porte in faccia perché troppo rumoroso come i bambini piccoli durante la Messa ma un presente verso il quale don Bosco correrebbe, uscirebbe, magari lasciando cadere qualche ancorata sicurezza per correre il rischio dell’amore, della comprensione, del dialogo. È un presente dei cui pochi, magari, e fragili e precari frutti don Bosco godrebbe un mondo perché sarebbero frutti così rari, così preziosi.

Festa di don Bosco: festa del futuro e del sogno.

Quella di don Bosco è la festa che ci fa chiudere nel cassetto tutto il cinismo che noi travestiamo di realismo e ci fa spalancare al futuro con speranza. È la festa di chi non vuole invecchiare, di chi non riesce ad invecchiare perché il suo cuore non si chiude nelle meschine trappole dell’io egoista, deresponsabilizzato, ancorato ai suoi rigidi agganci di sicurezza. È la festa di chi conserva un cuore di fanciullo, puro e limpido come sorgente, un cuore semplice, che non assapora la tristezza; un cuore grande nel donarsi e tenero nella compassione; un cuore fedele e generoso che non dimentica nessun beneficio e non serba rancore per alcun male; un cuore dolce e umile, un cuore grande ed indomabile che nessuna ingratitudine riesce a chiudere e nessuna indifferenza può stancare; un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, ferito dal Suo amore con una piaga che non può rimarginarsi se non in Cielo.

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

don Angel Fernandez Artime   «Salesiano è sinonimo di vivere per gli altri. È così che li conosciamo qui. È così che sono. È così che vivono». Miei fedeli amici, lettori del Bollettino Salesiano, vi scrivo con il cuore emozionato da ciò che ho vissuto durante la...

Etica digitale

di Giada Aquilino   Parole scelte con cura, considerando sempre che hanno conseguenze e senza dimenticare che i social media sono luoghi virtuali, ma che le persone che vi si incontrano sono reali. Alla luce di tale riflessione Cube Radio, l’emittente accademica...

Quaresima. Un viaggio di ritorno a Dio

Papa Francesco celebra la Santa Messa con Rito di benedizione e imposizione delle Ceneri all’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro. Una messa mattutina, pochi fedeli, distanziamento sociale e nuove regole per l'imposizione delle Ceneri a causa...

Senza mezzi termini… Ma con speranza

di Andrea Miccichè   Un capitolo scritto senza mezzi termini, una diagnosi implacabile, una certificazione del disastro: le considerazioni dell’enciclica Fratelli tutti, che vanno sotto il titolo Le ombre di un mondo chiuso non lasciano dubbi sulla gravità della...

Il potere della musica

Di Riccardo Deponti   La musica è note, melodie, a volte parole. Ma soprattutto emozioni. Ma non solo. C'è qualcosa che non mi riesco a spiegare. Qualcosa di misterioso, forte, unico. L'altra sera, finito la cena, stavamo parlando a tavola quando mio papà ci ha...

La catastrofe educativa

Di Sara De Carli   «Assistiamo a una sorta di “catastrofe educativa”, davanti alla quale non si può rimanere inerti, per il bene delle future generazioni e dell’intera società», ha detto il Papa agli ambasciatori. Il commento di Ivo Lizzola: «Educare è un...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, utilizziamo diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione che ci consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati in dettaglio nella informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi