Cafarnao – caos e miracoli

da | 7 Mag 2019 | Film

Di Gianluca Bernardini per sdcmilano.it

I bambini rivendicano il diritto a un’infanzia serena

«Sono convinta che i film possano se non cambiare le cose, quanto meno avviare un dibattito o invitare alla riflessione».
Così si esprime Nadine Labaki, la regista araba che, al suo terzo lungometraggio, porta in scena con «Cafarnao – caos e miracoli» una storia così potente da «sconquassare» anche i cuori meno sensibili.

Non per nulla il film, ambientato a Beirut, racconta la storia del dodicenne Zain (il bravissimo Zain Alrafeea) che vive di espedienti quotidiani pur di aiutare la propria numerosa famiglia a sopravvivere dentro un contesto difficile e infelice. Arrivato al limite, per assurdo, decide di portare in tribunale i propri genitori con l’accusa di averlo messo al mondo senza aver le capacità di prendersi cura di lui e dei suoi fratelli.
Un atto d’accusa o, forse, meglio «un gesto simbolico – come sottolinea la Labaki – a nome di tutti i bambini che, non avendo scelto di nascere, dovrebbero poter rivendicare dai loro genitori un minimo di diritti, quanto meno quello di essere amati».

A metà strada tra documentario e finzione, il film srotola una storia drammatica nonché commovente, dando in pasto agli spettatori emozioni reali, quanto gli attori stessi presi dalla strada. Dentro un susseguirsi continuo di difficoltà e drammi Zain vive il proprio «calvario» senza lasciarsi scomporre, orgoglioso di «urlare» quell’identità che non ha (i genitori non hanno potuto nemmeno registrarlo, né fargli i documenti), che lo spinge a compiere e a dire ciò che in fondo un ragazzino non dovrebbe nemmeno poter immaginare.

Delle circa «cinquecentoventi» ore di girato, su tre anni di lavorazione, ne restano poco più di due capaci di avvicinare e affascinare il pubblico, come pochi altri film sanno fare. Qui le ingiustizie e le povertà umane sono le protagoniste assolute, incarnate nei volti e nelle biografie reali dei personaggi che ruotano attorno al nostro giovane protagonista. Al peggio, infatti, sembra non ci sia mai fine, ma la regista libanese, anche dentro le brutture del racconto, infine, lancia uno sguardo di speranza e di luce che mirano a guardare oltre gli occhi di Zain, per ridargli quella dignità apparentemente perduta. Non solo da cineforum.

Temi: diritti, infanzia, bambini maltratti, povertà, ingiustizia, identità, genitorialità, immigrazione

Chi è Charles de Focauld?

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo santo. di Gelsomino Del Guercio   Chi era Charles de Foucauld, l’intellettuale francese che è stato dichiarato santo il 15 maggio 2022? Nel Concistoro Ordinario Pubblico del 3 maggio 2021, Papa Francesco ne aveva decretato...

Novena mondiale a Maria Ausiliatrice 2022

In preparazione alla Solennità di Maria Ausiliatrice, che si celebra il 24 maggio 2022, la Famiglia Salesiana è unita nella preghiera della Novena Mondiale, dal 15 al 23 maggio 2022.   La Novena di quest’anno è affidata dal Rettor Maggiore dei Salesiani di Don...

Don Bosco e la realtà digitale e virtuale #6

Don Bosco, un maestro dell’interattività! ‘Interattività’ è una parola chiave nella comunicazione digitale e virtuale!  Una parola relativamente nuova! Una parola forte! Una parola che ha cambiato le nostre relazioni! Da un bambino che gioca ad una persona anziana che...

Un figlio

Settembre 2011: in una Tunisia post primavera araba (la Rivoluzione dei Gelsomini finì nel gennaio 2011), una famiglia tunisina benestante resta coinvolta in una sparatoria durante la quale viene ferito gravemente il figlio. A seguito della necessità di un trapianto...

Maria Domenica Mazzarello animatrice di comunità

“Amata e chiamata”: radicata in questa verità sulla persona umana, Madre Mazzarello ha saputo incarnarla nel vissuto di ogni giorno, imparando a corrispondere al dono d’amore di Dio facendosi dono sincero di sé alle sorelle e alle giovani. Scrive Giovanni Paolo II...

150° FMA: nella Chiesa con i giovani

150 anni fa, a Mornese, nasce la prima Comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Il nostro grazie va innanzitutto a Dio, che sempre agisce nella storia con la logica dei piccoli e dei poveri e realizza là, dove la docilità si spalanca ad accogliere l’azione del suo...

Archivio Articoli

Categoria Articoli

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Si prega di accettare o lasciare la pagina se non si è d'accordo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi